Il Napoli come un pugile: subisce ma non va ko. A Monaco per provarci

252 0

Ci voleva carattere per evitare di essere schiacciati dalla pressione e dalla prepotenza del rullo compressore Bayern, nella serata in cui il San Paolo si illuminava di immenso polverizzando ogni record di affluenza e di incasso. Ci voleva coraggio a guardare negli occhi i dirimpettai bavaresi, specie dopo che il terribile gancio di Kroos poteva far intravedere il rischio di finire travolti davanti alla propria gente, nella serata attesa una vita. Ma il Napoli di Mazzarri è fiero, espressione, la migliore, di una città che vuole provarci malgrado limiti fisiologici di crescita. E così, rimanendo aggrappati alla partita, con la sofferenza da mettere in conto quando affronti un avversario fortissimo, abituato ai palcoscenici della Champions, gli azzurri hanno saputo attendere il momento propizio, sgomitando, lottando su ogni pallone, limitando il gap favorevole ai bavaresi, alla fine pareggiando grazie alla generosità di Cristian Maggio con la complicità involontaria di Budstuber, quindi al capolavoro del pirata De Sanctis: è toccato ai suoi guantoni cancellare il sopruso del penalty accordato per un fallo molto dubbio di Cannavaro mentre in precedenza il distratto arbitro portoghese aveva sorvolato su una manata in area Bayern, questa vera, di Schweinsteiger in versione pallanuotista.

Girandola di emozioni e contraccolpi psicologici che avrebbero potuto far tremare le gambe al Napoli neofita della Champions: invece la reazione degli azzurri è l’ennesimo biglietto da visita di una squadra che giocherà la sua finale con il City di Mancini proprio al San Paolo, con il pass per l’Europa League virtualmente tra le mani. Ma ci proverà il Napoli già a Monaco tra quindici giorni, nel retour-match con i tedeschi, magari contando su un apporto più deciso degli uomini più rappresentativi, anche loro costretti a far legna nella serata in cui serviva soprattutto umiltà per uscire indenni dalla sfida terribile e aggiornare ancora una volta la storia del club.

[Silver Mele – Fonte: www.tuttonapoli.net]