Italia, Prandelli: l’uomo dal grande cuore

Che fosse un uomo di cuore non era una novità. Cesare Prandelli si è sempre contraddistinto per la sua grande umanità, ma soprattutto per il suo grande cuore, arricchito di dispiaceri che putroppo la vita a volte riserva. In un’intervista tutto meno che calcistica rilasciata ad una rubrica del TG1 in onda questa sera e ripresa da Repubblica, spiega da dove viene il suo grande amore, un amore che ha radici lontane. “Ho avuto la fortuna di avere dei genitori che si sono dedicati totalmente alla crescita di noi ragazzi” spiega il ct della Nazionale. “In famiglia c’era grande calore, grande affetto anche a livello fisico. Mia mamma ci abbracciava spesso.

Papà ha sempre lavorato. Una famiglia serena, e siamo vissuti in modo sereno”. Il doloroso capitolo della morte della moglie, il successore di Lippi lo ricorda così: “Abbiamo capito che dovevamo vivere insieme, giorno per giorno ci siamo coccolati, abbracciati, abbiamo iniziato a vivere la nostra vita sempre con ricordi meravigliosi. Anche io ho bisogno del contatto fisico, ogni tanto ho bisogno di abbracciare i miei figli”. Domanda ironica invece sulla sua attuale vita da commissario tecnico della Nazionale: “Mi riconoscono quasi tutti, tutti hanno un consiglio da darmi e quindi, da questo punto di vista, non mi sono mai sentito solo. Ma per quanto riguarda la vita privata diciamo che diventa un pò complicato. Però meglio così che l’indifferenza”.

[Giulia Borletto – Fonte: www.tuttomercatoweb.com]