Izco: “Qui a Catania ogni anno è stato particolare e bellissimo”

MASCALUCIA (CT)Ha rinnovato “a vita” col Catania. Arrivato in rossazzurro nel 2006, a 23 anni, nel 2017, quando il suo contratto andrà in scadenza, ne avrà 34. Mariano Julio Izco, primo argentino acquistato dal Catania una volta approdato in serie A, ha firmato nel giorno della “Liberazione” un contratto che legherà al Catania la sua intera vita calcistica. Gesto che merita un conferenza stampa straordinaria. Così Mariano Izco risponde alle domande di cronisti e tifosi partecipanti alla rubrica “Fai la tua domanda a..”

Al di là che sono molto contento, ringrazio la società ed il presidente per questo rinnovo. Vuol dire molto per me, hanno molta fiducia. Bandiera? Lo dovete dire voi. Io gioco e sudo la maglia.

Vedrò, proverò per San Siro. Deciderà il mister. All’inizio della mia carriera sono stato molto criticato, ma poi gli stessi tifosi mi hanno fatto i complimenti riconoscendo i miei miglioramenti ed il sacrificio, il cuore, il tutto che metto sempre in campo. Umiltà? Lo dite voi, e mi fa piacere. La mia partita è il derby contro il Palermo, è la partita speciale per tutti i tifosi. Mi piacerebbe essere come Zanetti, lui è un grande, lo stimo tanto, ma non sono neanche la metà adesso. Mi piacerebbe fare tutto quel che ha fatto lui.

Ogni anno sono cresciuto tantissimo. Abbiamo sempre lottato per la salvezza, adesso lottiamo per un altro traguardo. É cambiato tantissimo anno dopo anno. Ho ricordi bellissimi, dal primo anno in cui ci siamo salvati alla fine, nonostante le difficoltà e tanta paura. Ogni anno è stato particolare e bellissimo. Il futuro? Mi godo il presente. Se arriverà un’offerta clamorosa si vedrà, intanto mi godo il Catania. É un onore ed un orgoglio poter entrare nella storia di questa società come record di presenze.

Gli inizi, gli allenatori, i compagni..
Marino mi ha fatto giocare, è stato il primo e mi ha insegnato molto. Ma con tutti ho avuto un bel rapporto, tutti mi hanno fatto giocare. All’inizio tutti gli italiani mi hanno fatto integrare bene, ricordo Biso, Sardo.. sapevano potessi essere un po’ in difficoltà. Era difficile trovare spazio al primo anno, ma sono comunque riuscito a trovare il mio spazio.

In questo centrocampo a tre sei insostituibile
In questo modulo mi trovo bene, come esterno mi sento a mio agio e posso esprimermi al 100%. Mi alleno sempre al 100% e do tutto quello che ho.

Non solo record, anche goal
Ricordo il goal contro la Juventus, che significò una rimonta incredibile. I miei goal? Sento Martinez che mi dice che ormai mi sono specializzato nei goal difficili (ironico) ma a me basta segnare.  Adesso cerco un goal al Massimino.

Si va a Milano..
Siamo lontani dall’Europa ma continuiamo a lottare. Mancheranno tanti giocatori a Milano ma chiunque andrà in campo darà il massimo.

[Redazione Mondo Catania – Fonte: www.mondocatania.com]