Supercoppa femminile, Juventus – Milan 2-1: decisiva Girelli a due minuti dalla fine

1412

Juventus Milan cronaca diretta live risultato in tempo reale

La partita Juventus – Milan dell’8 gennaio 2022 in diretta: gara molto combattuta con le rossonere avanti allo scadere di primo tempo con la Grimshaw quindi la rimonta delle bianconere nella ripresa favorita dall’espulsione della Codina al 9′

FROSINONE – Sabato 8 gennaio, alle ore 14.30, allo Stadio “Benito Stirpe” di Frosinone, andrà in scena JuventusMilan, finale della Supercoppa Femminile A 2021/2022. Successo della Juventus che ha superato per 2-1 il Milan al termine di una gara molto combattuta. Rossonere avanti allo scadere di primo tempo con la Grimshaw quindi al 5′ della ripresa sfortunata deviazione della Bergamaschi e doppio giallo al 9′ per la Codina. Cambia l’inerzia del match con le bianconere che trovano il gol decisivo a 2 minuti dalla fine con un colpo di testa della Girelli. In pieno recupero proteste rossonere per un presunto intervento falloso della Lenzini sulla Thomas in area.

Cronaca con commento della partita

PRIMO TEMPO

Le squadra hanno fatto il loro ingresso in campo sulle note di “Tutto accade” brano cantato dal vivo da Alessandra Amoroso. Al 3′ verticalizzazione su Thomas che in area non riesce a raggiungere la sfera e dall’altra parte filtrante per la Caruso che in area calcia rasoterra sul primo palo e ottima opposizione della Giuliani a respingere in angolo. Al 12′ traversone dalla sinistra per la Grimshaw che trova l’ottima opposizione della difesa al momento del tiro e azione che sfuma. Dall’altra parte lungo lancio per la Lundorf, buon tempo di uscita con i piedi appena fuori l’area della Giuliani. Al 15′ su palla respinta dalla difesa conclusione con il destro al volo dal limite dell’area in posizione centrale dell’Adami, palla di un soffio a lato alla destra del portiere. Al 20′ spunto della Bonansea che arriva fino al limite dell’area ma invece di concludere opta per un cross non raccolto da nessuna compagna. Doppia occasione al 24′ per la Juventus sugli sviluppi di un angolo con un primo tentativo sul primo palo della Rosucci respinto dalla Giuliani quindi tap in murato dalla difesa. Qualche istante ci prova la Giuliani ma troppo centrale per impensierire il portiere. Spinge sull’acceleratore la Juventus che al 26′ prova con Caruso appena dentro l’area e sfera sporcata dalla difesa in angolo. Al 30′ interruzione di gioco per una violenta pallonata sul volto dell’Adami un pò stordita nell’occasione ma nessun problema per lei dopo alcuni controlli dello staff medico a bordo campo. Su cross di Gama girata di testa in area della Girelli che non riesce a impattare bene al 32′. Contropiede della Guagni nella trequarti avversaria ma ottima rimonta difensiva della Lenzini che le impedisce l’ingresso in area al 35′. Qualche istante più tardi su cross corto della Piemonte sul primo palo per la Thomas, buona chiusura del portiere bianconero. Al 38′ primo giallo del match per Codina, punito un intervento sulla Hurtig, un blocco sulla giocatrice lanciata in campo aperto. Al 40′ palla gol per la Thomas che in area davanti a Peyraud-Magnin non riesce a trovare il varco per superarla da posizione favorevole. Al 46′ blocca il risultato il Milan: su corner della Tucceri verso il secondo palo colpo di testa della Grimshaw e deviazione della Pedersen con palla che si infila sul palo della Peyraud-Magnin. Dopo un minuto di recupero si chiude il primo tempo con il vantaggio del Milan per 1-0.

SECONDO TEMPO

Al via il secondo tempo dell’incontro. Al 2′ traversone della fondo della Bonansea che cerca la Hurtig sul secondo palo ma troppo lungo il servizio. Al 5′ pareggio della Juventus: percussione della Bonansea che arriva sul fondo e in area crossa al centro per la Hurtig e intervento in scivolata della Bergamaschi che nel tentativo di anticiparla colpisce nella sua porta. Passa un minuto e traversa che salva la Juventus: ci ha provato la Piemonte in area con un bel piattone che supera il portiere salvato dal legno. Al 9′ secondo giallo per Codina, forse un pò esagerata la decisione dell’arbitro che è intervenuta in leggero ritardo sulla Caruso a 80 metri dalla porta. Al 14′ bello scambio tra la Caruso e la Bonansea che in area alza la mira sul primo palo. Rossonere che nonostante siano in 10 hanno provato a controbattere al 16′ con una bella azione corale non concretizzata in area. Nell’occasione buona circolazione palla della Piemonte. Al 23′ spunto della Bonansea sulla destra, dopo una bella finta crossa corto sul primo palo dove è ben appostata la Giuliani. Il portiere rossonero attento sulla conclusione in area della Pedersen al 26′ dopo che con un bel lob era stata smarcata la Lundorf ma ottimo intervento pulito in scivolata della difesa. Lascia il campo la Hurtig per la Cernoia mentre dell’altra parte esce la Piemonte per la Longo, tutto questo al minuto 28 della ripresa. Cross dal fondo della Lundorf a centro area per la Caruso, brava a trovare lo spazio per colpire di testa ma sfera di un soffio a lato alla mezz’ora. Si attarda nel rinvio la Giuliani che prende il giallo e qualche istante più tardi la Bonansea apparecchia un ottimo pallone da due passi per il piatto della Caruso che si spegne sul fondo. Contropiede quattro contro tre della Juventus al 35′ ma all’ultimo passaggio viene fermata in offside la Bonansea viene fermata in offside, si sarebbe trovata in area a tu per tu con il portiere. Al 36′ bel cross quasi dal fondo della Bonansea per la Girelli che stacca bene di testa ma alza di poco al mira. Al 37′ dentro la Staskova per la Caruso, le prova tutte Montemurro per evitare i supplementari. Tegola per le rossonere con la Grimshaw a dover lasciare il campo per infortunio, al suo posto l’islandese Arnadottir al 38′. Al 41′ grande intervento della Giuliani sulla punizione della Girelli dai 25 metri in posizione centrale e decisivo il tuffo alla sua destra con i guantoni in angolo. Juventus in vantaggio al 43′: angolo dalla destra della Boattin e colpo di testa della Girelli con palla che si infila a palombella sotto l’incrocio dei pali alla sinistra della Giuliani. Quattro minuti di recupero. Zamanian per Pedersen nella Juventus al 47′. Chiude in avanti la squadra di Montemurro che conquista un angolo, traiettoria insidiosa con la Giuliani che non arriva sulla sfera in uscita ma la stessa termina sul fondo senza nessuno che riesce a intervenire. Lungo lancio in area per la Thomas che finisce a terra dopo aver superato la Lenzini, proteste veementi e dalla panchina giallo per Ganz. Si chiude la sfida di Supercoppa Italiana tra Juventus e Milan, 2-1 per le bianconere che hanno vinto in rimonta favorite anche dal doppio giallo alla Codina dal nono della ripresa.

Tabellino

JUVENTUS: Peyraud-Magnin P., Boattin L., Bonansea B., Caruso A. (dal 37′ st Staskova A.), Gama S., Girelli C., Hurtig L. (dal 28′ st Cernoia V.), Junge-Pedersen S. (dal 45′ st Zamanian A.), Lenzini M., Lundorf M., Rosucci M.. A disposizione: Aprile R., Cernoia V., Grosso J., Hyyrynen T., Nilden A., Panzeri V., Pfattner E., Staskova A., Zamanian A. Allenatore: Montemurro J..

MILAN: Giuliani L., Adami G., Agard L., Bergamaschi V., Codina L., Fusetti L., Grimshaw C. (dal 38′ st Arnadottir G.), Guagni A., Piemonte M. (dal 28′ st Longo M.), Thomas L., Tucceri Cimini L.. A disposizione: Babb S. D., Arnadottir G., Brun E. D., Fedele N. (Portiere), Longo M., Miotto G., Premoli C., Selimhodzic N., Thrige S. Allenatore: Ganz M..

Reti: al 5′ st Bergamaschi V. (Juventus D), al 43′ st Girelli C. (Juventus D) al 45′ pt Grimshaw C. (Milan D).

Ammonizioni: al 38′ pt Codina L. (Milan D), al 32′ st Giuliani L. (Milan D).

Espulsioni: al 9′ st Codina L. (Milan D).

Formazioni ufficiali

JUVENTUS D: Peyraud-Magnin P., Boattin L., Bonansea B., Caruso A., Gama S., Girelli C., Hurtig L., Junge-Pedersen S., Lenzini M., Lundorf M., Rosucci M.. Allenatore: Montemurro J..

MILAN D: Giuliani L., Adami G., Agard L., Bergamaschi V., Codina L., Fusetti L., Grimshaw C., Guagni A., Piemonte M., Thomas L., Tucceri Cimini L.. Allenatore: Ganz M..

Le dichiarazioni di Montemurro alla vigilia

Siamo qui per fare la miglior partita possibile. Non è stato facile prepararsi, ma non vogliamo alibi. Stiamo meglio rispetto a quando siamo arrivati, abbiamo lavorato insieme e abbiamo preparato bene questa gara. Ho parlato con le ragazze delle finali che hanno giocato, è bello avere un gruppo che già capisce l’importanza di queste sfide. Ganz sta facendo un grande lavoro al Milan e si vede la crescita della squadra. A Torino si è visto un Milan organizzato e abbiamo visto la loro organizzazione anche nella semifinale che hanno vinto. Dobbiamo stare attenti, essere umili e fare il massimo. Stiamo lavorando anche individualmente per essere tutte pronte fisicamente domani – ha proseguito il Mister -. La vittoria contro il Sassuolo, sebbene non sia stata la nostra miglior partita, ha dato entusiasmo e soprattutto ha confermato che queste ragazze non vogliono mai mollare. Cernoia sta bene, è a disposizione e adesso dobbiamo gestire il suo ritorno in campo nel miglior modo possibile. Bonfantini raggiungerà la squadra domani e, anche se non sarà a disposizione, sarà importante averla con noi per il gruppo. Sono rimasto molto colpito dal loro stadio, e anche dall’accoglienza ricevuta. Voglio davvero dire grazie a tutte le persone del Frosinone e anche a chi ha organizzato questa competizione”.

Le dichiarazioni di Ganz alla vigilia

Abbiamo la consapevolezza di dovercela giocare con tutte le squadre, siamo il Milan. Dobbiamo dare il massimo. Il calcio è cambiato, la panchina conta molto. Abbiamo un gruppo di calciatrici che deve lottare per la maglia. Ci aspettiamo la solita Juve con la solita qualità tecnica e fisica. Ti mettono in difficoltà col gioco e le palle da fermo. Stanno facendo cose straordinarie, faccio i complimenti al mister perché in Europa fanno delle partite bellissime. Sono orgoglioso in quanto italiano e felice per il cammino che stanno facendo. Mi piacerebbe che in campionato facessero dei passi falsi. Ora sono le altre squadre che devono fare qualcosa in più. Ha fatto una grande partita, ci ha dato molto entusiasmo. È una lottatrice ma è anche brava tecnicamente. Ci ha dato quella fisicità che ci mancava. Abbiamo dinamismo e tecnica”.

La presentazione del match

Le bianconere di Montemurro sono reduci da cinquantadue risultati utili consecutivi, di cui cinquanta vittorie e due pareggi, e in campionato sono prime in classifica, a otto lunghezze da Roma e Sassuolo, con 33 punti, frutto di undici successi; 29 gol fatti e solo 4 subiti. L’ultimo successo, soffertissimo, é arrivato in semifinale contro il Sassuolo: al termine dei 90 minuti risultato in parità con i gol di Nilden e Clelland, ai rigori poi Peyraud-Magnin ha respinto l’ultimo penalty di Philtjens. Le rossonere di Ganz sono arrivate qui dopo aver eliminato in semifinale la Roma; in campionato hanno perso le ultime due gare di campionato, contro Inter e Juventus, e ora occupano il quarto posto, a pari merito con i nerazzurri, a quota 22 punti con un cammino di sette partite vinte, una pareggiate e tre perse; 21 reti realizzate e 12 incassate. La Juventus si é già aggiudicata il trofeo nel 2019 e nel 2010 battendo, in entrambe le occasioni, per 2-0 la Fiorentina, contro le quali persero nel 2018). Il Milan trionfò nel 1998 e nel 1999, perdendo invece nel 2000 e nel 2004.

QUI JUVENTUS –  Out Bonfantini, Caiazzo, Salvai e Sembrant. La Juventus dovrebbe scendere in campo con il modulo 4-3-3 con Peyraud-Magnin in porta e retroguardia formata da Hyyrynen, Pfattner, Lenzini e  Boattin. Tridente offensivo composto da Beccari, Staskova e Nilden.

QUI MILAN – Indisponibili Jane e Stapelfeldt. Ganz dovrebbe adottare il modulo 3-4-3 con Giuliani tra i pali e retroguardia formata da Codina, Fusetti e Agard. In mezzo al campo Grimshaw e Adami; sulle corsie Guagni e Tacceri. Tridente offensivo composto da Bergamaschi, Piemonte e Thomas.

Le probabili formazioni di Juventus – Milan

JUVENTUS (4-3-3): Peyraud-Magnin; Hyyrynen, Pfattner, Lenzini, Boattin; Rosucci, Zamanian, Caruso; Beccari, Staskova, Nilden. Allenatore: Montemurro

MILAN (3-4-3): Giuliani; Codina, Fusetti, Agard; Guagni, Grimshaw, Adami, Tucceri; Bergamaschi, Piemonte, Thomas. Allenatore: Ganz

Dove vederla in TV ed in streaming

L’incontro Juventus D – Milan D, semifinale della Supercoppa femminile 2021/2022, verrà trasmesso in diretta su Milan TV (visibile su DAZN), TIMVISION e LA7.

Articoli correlati