Kozac in bilico, Tadic nuovo nome a centrocampo

Parola di Delio Rossi: negli occhi dei tifosi restano sempre le ultime partite. 180 minuti, come riporta il Corriere dello Sport, sono bastati a Kozak per ribaltare una stagione in ombra: il gol a Bergamo, la capocciata contro l’Inter. Reja gli ha dato fiducia solo nelle ultime partite, costretto dagli infortuni di Klose e Rocchi: già a Parma e Novara a onor del vero lo aveva provato, ma le risposte erano state tutt’altro che confortanti. Il dubbio sulla reale caratura dell’ariete ceco rimane: Reja non lo vedeva molto, a conti fatti, dal punto di vista tecnico lo considerava troppo grezzo per dialogare con i compagni, far salire la squadra.

Con il nuovo tecnico i giochi potrebbero farsi diversi: Kozak è un finalizzatore, attacca la porta, è forte di testa, spinge, insieme al procuratore, per giocare, è disponibile anche ad andare un anno in prestito. Torniamo allo scarso utilizzo: i numeri sono comunque dalla sua parte. Il ceco ha giocato 36 partite in due stagioni, di cui solo 10 da titolare, 1388 minuti in campo, ma 10 gol, di cui uno solo su rigore. Un gol ogni 138 minuti in serie A, le sirene europee, se la Lazio lo considerasse cedibile, anche solo in prestito, non tarderebbero a farsi sentire. Il futuro di Kozak è tutto da progettare, ma il primo tassello, per questa, e per tutte le future operazioni di mercato, sarà il nome del nuovo allenatore della Lazio.

Lotito e Tare sono alla ricerca di nuovi centrocampisti, la presenza in organico di Ledesma, Gonzalez, Cana e Matuzalem non può bastare. Come riporta il Corriere dello Sport, nelle ultime ore è rispuntato il nome di Dusan Tadic, centrocampista serbo del Groningen. E’ un vero e proprio jolly di centrocampo: sa fare il centrale, ma può giocare anche come ala sinistra. Il contratto di Tadic scade nel 2013, gli olandesi lo valutano 7,5 milioni di euro, a primo impatto una cifra sproposita perché tra un anno il giocatore si libererà a parametro zero. Ma nel contratto sarebbe stata inserita un’opzione di rinnovo che favorisce il Groningen. Tadic quest’anno ha collezionato 35 presenze, ha siglato sette gol e ben dieci assist. La Lazio dopo Tomic e Krasic, continua a seguire con attenzione i talenti del calcio serbo.

[Luca Capriotti e Francesco Ponticiello – Fonte: www.lalaziosiamonoi.it]