La Sfida Catania-Inter: etnei arrabbiati

LA SITUAZIONE ATTUALE – Dopo il “furto” di Roma, un arrabbiatissimo Catania si prepara ad affrontare al Massimino l’Inter campione del Mondo nell’incontro valido per la Diciannovesima giornata di Serie A. L’entourage rossazzurro non ha digerito la pessima direzione di gara ed è pronto all’immediato riscatto contro una squadra affamata di punti. Catania-Inter rievoca in mente quello splendido 3-1 maturato il 12 Marzo del 2010 grazie alle reti di Maxi Lopez, Mascara e Martinez. Siamo ai titoli di coda, almeno per quanto concerne il girone d’andata, ed il Catania vuole concludere nel migliore dei modi un campionato sin qui dignitoso.

CATANIA: Strascichi di polemiche da parte di tifosi, squadra e dirigenza dopo le clamorose sviste arbitrali contro la Roma. Un Catania depauperato, defraudato dalla classe arbitrale, rigorosamente a servizio dei giallorossi allenati da Ranieri. Non è bastata infatti una prestazione ben oltre la sufficienza per saccheggiare l’Olimpico: il Catania torna da Roma con le osse rotte, col morale sotto i tacchi, ma con la convizione di aver dominato per lunghi tratti una squadra che punta alle zone nobili della graduatoria. Non sono bastate nemmeno le pesanti inibizioni a fermare Pietro Lo Monaco, Amministratore Delegato del Catania, che nella conferenza stampa del 7 Gennaio 2010 ha attaccato l’intera classe arbitrale.

La goccia che ha fatto traboccare un vaso ormai strapieno. Rimangono comunque le note positive che fanno ben sperare nella sfida contro i nerazzurri: la più eloquente riguarda Maxi Lopez, a segno da due gare consecutive, ed autore di una prestazione molto positiva. Unica nota stonata risulta la pessima gestione dei contropiedi: non soltanto a Roma, ma anche contro Lazio, Milan e Sampdoria il Catania non ha saputo sfruttare ghiottissime occasioni orchestrate in superiorità numerica. Ma i margini di miglioramento di questa squadra ci sono e fanno ben sperare per il futuro

INTER: Nerazzurri in ripresa dopo il pessimo inizio di Stagione. La cura Benitez, vincitore comunque di Supercoppa Italiana e Coppa del Mondo, ha sortito i primi effetti: nel posticipo della diciottesima giornata l’Inter ha dilagato sul Napoli per 3-1. Una squadra in crescendo, con carattere e voglia di vincere, ma bloccata da numerosissimi infortuni. Con due gare da recuperare, i nerazzurri sono comunque distanti dal Milan, attualmente capolista, ma vogliono continuare la loro marcia verso una rimonta abbastanza difficile da orchestrare. L’arrivo di Ranocchia preannuncia un mercato piuttosto caldo, soprattutto in entrata. Ma a Catania troveranno un ambiente infuocato e gli ostacoli saranno molteplici.

COSI’ IN CAMPO

CATANIA: Ci si aspetta un Catania camaleontico, propenso e votato all’attacco, guidato soprattutto dalla voglia matta di riprendere il cammino verso la Salvezza. Giampaolo potrà disporre di alcune pedine nuovamente arruolabili, come Mascara, Spolli e Biagianti. Non saranno della partita gli infortunati Izco e Morimoto, Potenza rimane in dubbio. Formazione che potrebbe non essere distante da quella schierata contro la Roma: confermata la difesa, a centrocampo Martinho e Llama si contendono una maglia da titolare. Confermatissimi Gomez, Ledesma e Carboni in mezzo al campo. Dubbi circa l’utilizzo di Mascara dal primo minuto.

CATANIA (4-1-4-1):Andujar; Alvarez, Silvestre, Bellusci, Capuano; Carboni; Gomez, Ledesma, Martinho, Mascara; Maxi Lopez.

INTER: Leonardo potrà contare su un elemento imprescindibile come Samuel Eto’o, vero baluardo dell’attacco nerazzurro. Il tecnico brasiliano dovrebbe confermare in blocco il 4-3-1-2 vittorioso sul Napoli. Non ce la fa Julio Cesar, al suo posto giocherà Castellazzi, ex di turno. Pandev dovrebbe lasciare il posto proprio ad Eto’o mentre Ranocchia è in ballottaggio con Cordoba per un posto in difesa. Confermata la coppia Thiago Motta-Cambiasso in mezzo al campo.

INTER (4-3-1-2): Castellazzi; Maicon, Ranocchia, Lucio, Chivu; Thiago Motta, Cambiasso, Zanetti; Stankovic; Milito, Eto’o

UOMINI CHIAVE

CATANIA:

MAXI LOPEZ: A segno da due gare, l’argentino vuole continuare ad incrementare il suo bottino di reti

GOMEZ: Tra i protagonisti contro la Roma, dimostra di essere in piena forma.

INTER:

ETO’O: A rientro dopo la squalifica, si dimostra elemento imprescindibile dello scacchiere nerazzurro

STANKOVIC: In mezzo riesce a fare la differenza, sfornando assist e tiri dalla distanza.

[Roberto Finocchiaro – Fonte: www.mondocatania.com]