Lake Louise, bis di Sofia Goggia nella discesa libera femminile

46
goggia-sofia
Goggia Sofia – Foto FISI

Alle sue spalle si è piazzata l’austriaca Nina Ortlieb terza la svizzera Corinne Suter. Settimo posto per Nicole Delago

LAKE LOUISE – Sofia Goggia continua a imperversare sulla pista “Men’s Olympic” di Lake Louise, dove ha vinto la quinta gara di fila disputata sul pendio canadese. Anche in questa occasione il trionfo numero 19 della carriera è arrivato nell’amata discesa, in una giornata condizionata da fastidiose folate di vento, che hanno costretto gli organizzatori ad abbassare la partenza allo start del supergigante maschile. Un piccolo aiuto per la bergamasca, che proprio nella parte alta della pista sembrava soffrire nei giorni scorsi, ma che allo stesso tempo ha mostrato porta dopo porta la sua superiorità nei confronti della concorrenza.

Perchè quel pettorale rosso di leader della classifica di specialità che indossa ininterrottamentre dal 19 dicembre 2020 è diventato ormai parte del corpo e le dona una forza ulteriore, ogni volta che esce dal cancelletto. Le sette vittorie consecutive a Lake Louise ottenute dall’amica Lindsey Vonn e realizzate fra il 2020 e 2012 sono ineguagliabili (soprattutto perchè l’anno venturo il calendario non sembrerebbe prevedere gare nello stato dell’Alberta), ma il carico di fiducia dopo le tribulazioni della seconda parte della scorsa stagione può diventare un propellente importante al ritorno in Europa. Alle spalle di Goggia si è piazzata Nina Ortlieb. La figlia d’arte austriaca, protagoniste nelle prove, ha dato filo da torcere per oltre metà tracciato a Sofia, cedendo qualche decimo nel tratto conclusivo. Il suo tempo è stato sufficiente per retrocedere al terzo posto Corinne Suter: 34 centesimi contro 37.

In casa Italia arrivano buoni segnali da Nicol Delago. La gardenese aveva mostrato incoraggianti miglioramenti nella gara del giorno precedente, stavolta ha dato continuità all’azione con un settimo posto a 1″05, seguita da Elena Curtoni al dodicesimo posto. Fuori dalle venti invece Marta Bassino (22sima), Nadia Delago (23sima) e Federica Brignone (28sima), escluse dalla zona punti e Laura Pirovano e Karoline Pichler. Nella classifica di specialità Goggia sale a 200 punti contro i 140 di Suter e i 120 di Ortlieb, nella generale l’assente Mikaela Shiffrin continua a guidare con 265 punti, la inseguono Wendy Holdener con 240 e Petra Vlhova con 220, Goggia sale al quarto posto con 200 punti. Domenica 4 dicembre ultima gara del trittico canadese con un supergigante, al via alle ore 19.00 italiane.

Sono molto soddisfatta – racconta Sofia Goggia -, dal coaches’ corner in giù ho sciato esattamente come volevo, infilando le linee volute e ho preso le rampe in maniera perfetta. Sicuramente il vento mi ha dato fastidio in uscita dal piano, ma nel complesso ho condotto una gara molto più concreta rispetto a venerdì, disponevo di un set up vincente. Sono felice perchè ho vinto due discese su due ed era l’obiettivo che mi ero posta, a pensarci bene sono praticamente due anni che indosso il pettorale rosso, credo sia una cosa incredibile. Adesso non c’è tempo per distrasi, il focus deve andare obbligatoriamente sul supergigante”.

Con il successo ottenuto nella discesa bis di Lake Louise, Sofia Goggia tocca quota 42 podi complessivi in Coppa del mondo e raggiunge Dominik Paris al sesto posto nella classifica all time.