Lazio: Brocchi ok, Radu torna in corsa, ma si ferma Dias…

FORMELLO – Brocchi è pienamente recuperato, Radu torna in corsa. Sono le due notizie che hanno tentato di colorare il grigio pomeriggio nel quartier generale biancoceleste. Cielo plumbeo, fitta pioggia e una leggera foschia hanno fatto da sfondo all’amichevole che gli uomini di Reja hanno svolto a ranghi misti con la Primavera.

NAZIONALI – Un test in famiglia, al quale non hanno partecipato i reduci dagli impegni con le rispettive nazionali, che si sono limitati ad un lavoro differenziato per smaltire le tossine del mercoledì internazione. C’è chi l’ha fatto correndo a bordo campo con il preparatore Bianchini, come Ledesma e Kozak, e chi restando nella calda palestra di Formello come Mauri e Lichtsteiner. C’è anche chi lo farà direttamente oggi, Muslera, magari dopo aver smaltito le quattro ore di fuso orario con Santiago del Cile.

BROCCHI E’ PRONTO – In campo non c’erano i 5 nazionali, c’era invece Cristian Brocchi, che ormai sembra aver definitivamente smaltito la contusione alla schiena rimediata con il Napoli. Dopo il lavoro a parte effettuato mercoledì, ieri è tornato a lavorare con il gruppo, disputando regolarmente il primo tempo dell’amichevole contro i ragazzi di Alberto Bollini. Si è mosso, come di consueto, come uno dei centrali di centrocampo al fianco di Mark Bresciano, per il “Tardini” si candida per una maglia da titolare. E’ pronto, se per scendere in campo dal primo minuto lo deciderà Reja, che nel frattempo medita una staffetta con Matuzalem e Ledesma.

MATUZALEM IN RAMPA DI LANCIO – Brocchi è recuperato, Ledesma è tornato dalla nazionale in buone condizioni, ma intanto Matuzalem ha scalato posizioni nei pensieri del tecnico. “Quando il gatto non c’è, i topi ballano”, dice il detto. Senza offesa, il topo in questo caso è proprio il playmaker brasiliano, che prendendo alla lettera il luogo comune si sta guadagnando giorno dopo giorno la fiducia, mostrando una ritrovata efficienza fisica. Ieri si è diviso le mansioni di “taglia e cuci” con Perpetuini con il quale ha fatto coppia nella ripresa.

Al termine della settimana, sarà stato l’unico dei centrocampisti centrali in organico a risultare sempre presente in allenamento. Anche per questo, contro il Parma, potrebbe essere la mossa a sorpresa, ma neanche troppo, di Reja, che poi dovrebbe scegliere tra Ledesma e Brocchi il compagno di reparto. L’indicazione è reale, contro i gialloblù potrebbe andare in scena la settimana presenza in campionato su 13 uscite per Francelino.

Dall’inizio della stagione ad oggi è sceso in campo per 90’ con Sampdoria, Fiorentina, Chievo, Cesena e Portogruaro in Coppa Italia: ha disputato gli ultimi 23’ minuti con il Cagliari e ha magistralmente condotto il centrocampo biancoceleste con il Napoli per 51’, sostituendo in corso d’opera l’infortunato Brocchi. 524’ complessivi di geometrie, un bottino tutto sommato soddisfacente per il “Professore” di Reja, che ha pagato dazio ai cronici limiti di origine muscolare solo nella prima metà del mese di ottobre, a cavallo della seconda sosta per le nazionali.

Uno stop che l’ha tagliato fuori con il Brescia, nella trasferta di Bari e che si è fatto risentire anche a Palermo, dove è finito in tribuna perché non al meglio. Per il resto della stagione è stato parte integrante del progetto tecnico del goriziano che lo ritiene il dodicesimo uomo, un titolare aggiunto pronto a sposarsi sia con il dinamismo e l’aggressività di Brocchi, che con il senso tattico di Ledesma. Tre uomini per due maglie, ma questa volta la candidatura di Matuzalem è in rampa di lancio.

RADU TORNA IN CORSA, SI FERMA DIAS- Non si può dire lo stesso per Radu che sta ingaggiando una vera e propria lotta contro il tempo. Ieri, per il terzo giorno consecutivo ha disertato il lavoro in gruppo a causa dell’infiammazione al ginocchio. Ancora nessun contatto con il pallone, ma la nota lieta è che è tornato a lavorare sul campo, anche se parzialmente. Dopo aver dedicato gli ultimi giorni esclusivamente a sedute fisioterapiche, questo pomeriggio il rumeno ha svolto una seduta differenziata che ha confermato i miglioramenti e ha dato respiro alle speranze di un recupero in extremis. Le cure di inizio settimana hanno iniziano a dare i risultati sperati, il fastidio sta passando, tanto che oggi, a 48 ore dalla gara, si riunirà al resto della compagnia. Sarà il giorno decisivo, il test che definirà i margini di rischio. Da oggi, le possibilità di vederlo tra i titolari domenica sono sensibilmente aumentate; nel caso in cui i prossimi allenamenti non le confermeranno toccherà a Garrido. In caso di forfait sarà il basco ad agire sulla sinistra: un ulteriore conferma è arrivata dalle prove di ieri, in cui Cavanda, l’altra papabile alternativa di Radu, è stato schierato ancora una volta sulla destra come vice Lichtsteiner, che ieri ha giocato 72’ con la Svizzera. Tornerà in gruppo oggi, se non paleserà affaticamenti a Parma ci sarà, altrimenti toccherà proprio al giovane belga-angolano. Al centro del quartetto torna in dubbio la coppia Biava-Dias. Ieri, infatti, il difensore brasiliano ha disertato la partitella, lasciando strada a Stendardo, a causa di un affaticamento al livello dei flessori della coscia sinistra. Nelle prossime ore le sue condizioni verranno tenute sotto osservazione, ma il problema non va sottovalutato. Se ne saprà di più oggi alla ripresa.

FLOCCARI ALLE SPALLE DI ZARATE – Nessun dubbio sullo schieramento tattico e sulla posizione di Zàrate. L’argentino sarà ancora una volta il riferimento offensivo più avanzato, alle spalle del quale agirà Floccari, che non a caso ieri si è mosso nel secondo tempo a supporto di Rocchi. Nella prima frazione di gioco, invece, Maurito faceva la prima punta. Sarà cosi anche in terra emiliana, con Mauri ed Hernanes che faranno i pendoli tra centrocampo e attacco, partendo rispettivamente a sinsitra e a destra. La ripresa degli allenamenti è prevista oggi alle ore 15:00.

QUESTE LE DUE FORMAZIONI SCHIERATE IERI DA REJA:

1° Tempo: Berni; Scaloni, Diakitè, Stendardo, Garrido; Bresciano, Brocchi; Gonzalez, Foggia, Monteforte; Zarate.

2° Tempo: Bizzarri; Cavanda, Stendardo, Biava, Del Nero; Perpetuini, Matuzalem; Hernanes, Floccari, Ceccarelli; Rocchi.

[Daniele Baldini – Fonte: www.lalaziosiamonoi.it]