Lazio: ultime chance per Floccari?

Ricomincio da qui, Sergio Floccari e il suo treno forse l’ultimo con la Lazio. In questo primo scorcio di campionato non è mai partito titolare, domani contro il Maribor con ogni probabilità sarà lui a guidare l’attacco biancoceleste. Un’altalena la sua storia con la Lazio, in estate l’ineluttabilità della sua partenza e invece con Yilmaz sfumato la certezza di rimanere. Una partenza da precario fino poi a convincere Petkovic che poteva essere lui il vice Klose. Però, il campo ha detto altro, e spesso al bomber calabrese è stato preferito Libor Kozak: se c’è da sostituire Klose è stato così, con il Tottenham dall’inizio, così pure contro il Parma a match in corso.

Il totale di Floccari dice 124 minuti giocati in campionato, divisi in quattro presenze: poco più del nulla come si legge nell’edizione odierna della Gazzetta dello Sport.  La sfida con il Maribor ora è il suo obiettivo, l’ultimo treno per rimanere ancorato alla Lazio. In fondo l’Europa League sembra essere la sua prediletta, il suo ritorno al gol in biancoceleste dall’aprile del 2011 l’ha messo a segno proprio nella competizione internazionale nella gara casalinga con il Panathinaikos l’8 novembre scorso. Ma con Miro ai box, le porte per Floccari si spalancano anche in campionato: Bologna è nel mirino, può essere la sua prima da titolare.

Potrebbe essere l’ennesima rimonta di Floccari prima che il gong segni l’inizio del mercato invernale. Perché a gennaio Floccari finirà nuovamente sul mercato, in mancanza di nuovi segnali da parte sua e della società. E mezza Serie A è pronta ad accoglierlo: c’è il Napoli in cima a una lista lunga – con Mazzarri che lo ha chiesto come regalo a De Laurentis – una lunga lista che comprende anche Pescara, Genoa e Torino. I granata gli garantirebbe un posto da titolare, a Ventura l’attaccante della Lazio piace molto e il patron Cairo pare pronto a proporre uno scambio con Rolando Bianchi, in scadenza a giugno come si legge nell’edizione odierna del Messaggero.

[Giorgia Baldinacci – Fonte: www.lalaziosiamonoi.it]