Lazio, Zarate: “Spero di restare”

54

“Se resto? Lo spero”, aveva twittato qualche girno fa Mauro Zàrate. Il grande talento? Il grande incompreso? Sospensione dei giudizi, quando di tratta del Pibe de Haedo. Concedergli o meno un’altra possibilità alla Lazio, dopo una stagione in prestito all’Inter che ha avuto ben poco il sapore di rivincita, questo è il grande dilemma. Vladimir Petkovic, tecnico votato all’attacco, e la sensazione che forse con la sua mentalità potrebbe risorgere dalle ceneri il vero Mauro Zàrate, o almeno quel giocatore di alto livello che dimostrò di essere nella sua prima stagione in biancoceleste, nel 2008. O forse no, ma almeno la società potrebbe tirare le somme e decidere di non puntare più su di lui, nonostante l’enorme investimento che il presidente Lotito fece sull’argentino. Lui, Mauro, sempre al centro di ogni polemica – vedi l’ultimo caso dell’insulto omofobo su Twitter rivolto a un tifoso romanista che l’aveva appellato non troppo carinamente – ora ha in mente un solo obiettivo: riprendersi la Lazio, riprendersi quei tifosi che l’hanno sempre amato e nonostante tutto continuano a supportarlo.

Certo, ormai sono passati quattro anni e lo scetticismo sale, i tifosi si dividono. Ma quel che conterà sarà quanto la società abbia ancora voglia e intenzione di puntare su Zàrate. Vuole la Lazio il Pibe de Haedo, vuole rimanere perchè andare via così col sapore amaro della delusione fa male: “È stata l’emozione più grande quando mi hanno regalato la tua maglia firmata! Resta per noi”, gli scrive un tifoso via Twitter. Mauro sorride e ringrazia, sa che la sua vera forza sarà l’abbraccio di tutta la gente. Lancia un segnale l’argentino, forte e chiaro: “Hehehe sei un grande. Spero di farti avere emozioni piu grande ancora!!”. Che tradotto significa, voglio rimanere e voglio la Lazio.

[Giorgia Baldinacci – Fonte: www.lalaziosiamonoi.it

Articoli correlati

Inter: Milito pronto al rientro

Scritto da - 7 febbraio 2013
Ci siamo. Finalmente. Possiamo anche togliere il condizionale. Milito è pronto per tornare in campo e Stramaccioni è forse anche più…