Milan, Kakà: “Ancelotti tirava fuori il meglio da tutti”

233

brasile

Le parole dell’ex giocatore del Milan nel corso di una lunga intervista rilasciata ai canali ufficiali del club rossonero.

MILANO – Ricardo Kakà ha rilasciato una lunga intervista ai canali ufficiali del club rossonero. Queste le sue parole a cominciare dal suo arrivo: “Quando iniziò la trattativa fui molto felice, soprattutto perché nel ruolo mio c’erano Rivaldo e Rui Costa e avevo da imparare un sacco di cose, non mi interessava giocare. Il Milan aveva vinto la Champions contro la Juventus e nella mia testa c’era l’idea che ero nella miglior squadra d’Europa. Per fortuna andò bene, a partire dall’esordio ad Ancona”

Il gol nel primo Derby: “Non capisci bene il significato che ha quella partita per il Milan e per i milanisti fin quando non la giochi. Ero sotto pressione, volevo segnare il primo gol; è arrivato quel cross di Gattuso di sinistro e ho segnato di testa, non è mai stato il mio forte. L’emozione di fare un gol così importante è veramente speciale”.

Il rapporto con Ancelotti: “Tutte le volte che mi chiedono del mister, dico che è l’allenatore che mi ha fatto vincere di più nella mia carriera. La sua capacità di far sì che un giocatore giochi al meglio è quello che mi piace di più di lui. Il mister è uno dei migliori con cui ho lavorato, ci capiva perché ha grande sensibilità. Lui ha questa abilità: sa gestire bene il gruppo, per questo è durato tanto al Milan”.

Articoli correlati