Milan: la strada giusta

Doppio pareggio al trofeo Tim. Allegri: “Dobbiamo migliorare”

«Dobbiamo conoscerci e migliorare condizione e tattica; lo faremo fino a quando, poi, da fine agosto ci saranno i tre punti in palio». Lo ha detto il tecnico del Milan, Massimiliano Allegri, al termine del Trofeo Tim disputato a Bari. «La squadra ha lavorato molto – ha aggiunto – e c’è bisogno perchè dobbiamo trovare la condizione. Ho messo in campo alcuni giocatori per dargli minuti nelle gambe. Ronaldinho, ad esempio, è partito in ritardo ma ha grandi qualità, ed ho preferito farlo giocare proprio per fargli trovare la condizione». Il tecnico dei rossoneri ha poi espresso un giudizio sulle squadre impegnate nel triangolare: «Juve, Inter e Milan, assieme alla Roma, lotteranno per il titolo, ma i nerazzurri sono ancora la squadra da battere». Il Milan ha battuto la Juve ai rigori e perso nello stesso modo contro l’Inter.

MILAN-JUVENTUS 5-3 (d.c.r.)

Nella seconda mini-partita del Trofeo Tim a Bari, la Juventus è stata sconfitta per 5-3 ai calci di rigore dal Milan dopo l’1-1 dei 45′ minuti. Juventus (4-4-2): Storari, Motta, Chiellini, Legrottaglie, De Ceglie, Pepe, Felipe Melo (10′ Sissoko), Marchisio (40′ Ferrero), Lanzafame (40′ Trezeguet), Diego, Amauri. (13 Manninger, 10 Del Piero, 25 Martinez, 19 Bonucci, 31 Costantino, 21 Grygera). All. Delneri Milan (4-3-3): Amelia, Abate, Nesta, Bonera, Antonini, Gattuso, Pirlo, Ambrosini, Oduamadi, Borriello, Ronaldinho. 32 Abbiati, 17 Oddo, 15 Papastathopoulos, 76 Yepes, 19 Zambrotta, 16 Flamini, 11 Huntelaar, 52 Merkel, 9 Inzaghi, 30 Roma, 14 Strasser, 51 Beretta, 53 Novinic). All. Allegri Arbitro: Giannoccaro di Lecce. Reti: 21′ Ronaldinho, 33′ Diego. Calci di rigore: Ronaldinho gol, Trezeguet gol, Borriello gol, Diego gol, Pirlo gol, Pepe parato, Nesta gol, Amauri parato. Angoli: 4-1 per la Juventus. Ammoniti: Gattuso e De Ceglie per gioco falloso. Spettatori: 40.000 circa Ronaldinho e Diego a segno (con esultanza piccata e polemica verso la tifoseria) nella sfida tra Milan e Juventus, seconda gara del triangolare ‘Trofeo Tim’ al San Nicola. I rossoneri hanno vinto l’incontro ai rigori (5-3 il finale), complici due penalty calciati centralmente (e parati da Amelia) da Pepe e Amauri.

L’undici di Delneri ha disputato una prima mezzora intensa sul piano agonistico mentre Pirlo e compagni hanno mostrato una buona fluidità nell’applicazione del 4-3-3 di Allegri. La Juventus ha acquisito maggiore forza creativa grazie all’innesto in avanti del duo Diego-Amauri: il fantasista, che il club bianconero è in procinto di cedere in Germania (al Wolfsburg o allo Schalke), ha brillato per iniziativa ed intesa con il compagno di reparto. In difesa è apparso sicuro nella fase di spinta il giovane Motta, meno attento in copertura. Proprio dalle fasce sono arrivati ben tre cross su cui Amauri ha provato invano a bucare la porta del Milan, trovando Amelia pronto a disinnescare i pericoli. La sostituzione di Felipe Melo con Sissoko è stata salutata da salve di fischi del pubblico, un segnale poco incoraggiante per il recupero del brasiliano dopo il mondiale disastroso. Il vantaggio del Milan porta la firma di Dinho, pescato in area con un passaggio filtrante da Oduamadi: il brasiliano controlla e con un bel destro a giro insacca sul palo lungo. La risposta della Juve con una incursione di Lanzafame che libera in area Diego, preciso nell’indovinare l’angolo più lontano da Amelia.

INTER-MILAN 3-2 (d.c.r.)

Nell’ultima mini-partita del ‘Trofeo Tim’, l’Inter ha sconfitto il Milan 3-2 ai calci di rigore dopo che i 45′ erano terminati sullo 0-0. I nerazzurri si sono così aggiudicati il trofeo. Inter (4-2-3-1): Castellazzi, Maicon (17′ Benedetti), Cordoba, Materazzi (17′ Natalino), Biraghi, Biabiany, Stankovic, Nwankwo (35′ Obi), Mancini, Coutinho, Milito. (1 Julio Cesar, 21 Orlandoni, 25 Samuel, 26 Chivu, 6 Lucio, 19 Cambiasso, 33 Obinna, 27 Pandev, 10 Sneijder, 9 Etòo). All.: Benitez Milan (4-3-1-2): Abbiati, Oddo, Yepes, Bonera (30′ Papastathopoulos), Zambrotta, Flamini, Pirlo (30′ Novinic), Ambrosini (26′ Strasser), Merkel (36′ Ronaldino), Huntelaar, Inzaghi. (1 Amelia, 20 Abate, 13 Nesta, 22 Borriello, 8 Gattuso, 54 Oduamadi, 77 Antonini, 30 Roma, 51 Beretta, 53 Novinic). All.: Allegri. Arbitro: Celi di Campobasso Calci di rigore: Milito gol, Flamini fuori, Mancini palo, Inzaghi fuori, Coutinho gol, Oddo gol, Obi gol, Huntelaar gol, Stankovic fuori, Ronaldinho traversa. Angoli: 2-2 Spettatori: 40.000 circa. Tanti cambi per dare spazio ai giovani e poco spettacolo nel derby meneghino del «Trofeo Tim», vinto dall’Inter ai calci di rigore. Nel Milan Inzaghi ha colpito una traversa in avvio e mostrato il solito piglio da contropiedista; sul fronte opposto mostra di crescere con personalità il giovane nerazzurro Coutinho. I ritmi della sfida sono stati blandi e la lotteria dei rigori ha consacrato la vittoria del trofeo da parte dell’Inter, al sesto successo nella competizione.