Napoli-Inter: Sarri rischia due mesi di squalifica

logo NapoliNasce tutto dal quarto uomo Di Bello. Ma di bello non c’è stato proprio nulla. E non per colpa sua”. La Gazzetta dello Sport ricostruisce gli ultimi minuti di Napoli-Inter, quelli dopo lo 0-2 di Ljajic e degli insulti di Sarri a Mancini. “La segnalazione dei 9’ di recupero – poi corretta in 5’ – porta Roberto Mancini a chiedere spiegazioni proprio al quarto uomo. Il tecnico dell’Inter però non fa in tempo a raggiungerlo che Maurizio Sarri si alza dalla sua panchina, si avvicina al tecnico interista e inizia a insultarlo. Mancini si è allontanato dal campo mimando il gesto del «ne parliamo dopo» e così è stato. Mancini non passa in conferenza stampa e si infila direttamente sul pullman per raggiungere l’aeroporto, ma prima di lasciare lo stadio è stato raggiunto e ascoltato dagli ispettori federali. Sarri, purtroppo, non è nuovo a questo sfogo, sempre sul tema dell’omosessualità. Era marzo del 2014, ai tempi dell’Empoli in Serie B, quando Mario Rui fu espulso per un colpo rifilato a Corti durante una partita contro il Varese. «Il calcio è diventato uno sport per froci. È uno sport di contatto e in Italia si fischia molto di più che in Inghilterra con interpretazioni da omosessuali»”. Secondo la Gazzetta, adesso Sarri rischia uno stop anche di due mesi per insulto razzista.

[Fonte: www.Gazzettadellosport]