Play off, Livorno-Empoli 1-0: Paulinho riporta gli amaranto in paradiso

228

logo_lega_serie_bLIVORNO – Con o senza Saponara, con o senza Regini, l’Empoli ha dovuto cedere il passo, e la promozione in Serie A, ad un Livorno indiavolato e determinato, capace di dominare il primo tempo e contenere gli assalti azzurri nella ripresa. Il risultato finale, 1 a 0, premia gli sforzi degli amaranto, sempre nelle primissime posizioni per tutta la stagione regolare, mai sconfitti nei playoff, a dimostrazione di una supremazia che va vista e considerata alla luce di tutta la stagione e non solo di questa gara. Stasera il match è stato deciso dal gol di Paulinho al 31’ del primo tempo. L’Empoli sarebbe potuto andare in vantaggio con Maccarone una decina di minuti prima della rete amaranto e avrebbe potuto pareggiare, sempre con Maccarone, a pochi minuti dalla fine del match. Ma a vincere è stato il Livorno. Che anzi, a ben vedere, avrebbe potuto anche raddoppiare allo scadere. Adesso per il Livorno si aprono le porte della Serie A. Agli amaranto, in realtà, sarebbe bastato anche il pareggio. Ma la vittoria rende più piena e meritata l’apoteosi della formazione di Nicola.

TABELLINO:

Livorno: Mazzoni; Bernardini, Emerson, Ceccherini, Schiattarella; Luci, Duncan, Gentsoglou, Gemiti (28’ st Lambrughi); Dionisi (43’ st Decarli), Paulinho. A disp. Fiorillo, Salviato, Bigazzi, Molinelli, Dell’Agnello. All. Nicola.

Empoli: Bassi, Laurini, Tonelli, Regini, Hyasi; Moro (42’ st Casoli), Valdifiori, Croce (23’ st Mchedildze), Saponara; Tavano, Maccarone. A disp. Pelagotti, Romeo, Gigliotti, Pucciarelli, Bationo. All. Sarri.

Arbitro: Tommasi di Bassano del Grappa.

Rete: 31’ pt Paulinho.

CURIOSITÁ SUI PLAY OFF … – Con la vittoria di ieri sera che sancisce il ritorno in massima serie dopo tre anni dalla retrocessione del 2010, il Livorno raggiunge il Torino nella speciale classifica delle squadre vincitrici dei play-off di serie B. Dalla loro istituzione a partire dal campionato 2004/05, gli spareggi hanno visto vincere due volte ciascuno gli amaranto ed il Torino, anche se c’è da fare una precisazione: i granata batterono nel giugno 2005 nella doppia finale il Perugia, ma a causa di dissesti finanziari furono costretti a rinunciare alla vittoria sul campo ed a ripartire dalla cadetteria anche l’anno successivo avendo aderito al lodo Petrucci. Vittoria di nuovo, stavolta a spese del Mantova che dopo avere vinto 4-2 l’andata al “Martelli”, perde (contestando) 3-1 in casa dei piemontesi.

Molto freschi i successi labronici: cinque reti in due gare al Brescia nel 2009 che solo all’andata al “Rigamonti” tiene botta ed ovviamente quello di questa sera nella doppia battaglia-derby contro l’Empoli. Per il resto gli spareggi non si disputano nel 2007 (Juve, Napoli e Genoa salgono subito in A), mentre nel 2008 il Lecce fa il salto dopo avere sconfitto prima il Pisa in semifinale e poi il sorprendente Albinoleffe con una certa fatica (0-1, 1-1). Il 2010 è l’anno del riscatto del Brescia. Le rondinelle affrontano il Torino ed hanno la meglio con uno 0-0 fuori casa ed il successo per 2-1 al “Rigamonti”. Nel 2011 torna in A dopo tempo immemore il Novara, il quale ha la meglio sul Padova (0-0, 2-0), mentre l’anno scorso è stata la Sampdoria a ritrovare la massima serie piegando due volte il Varese (3-2, 1-0). Il palmares recita quindi così: due successi per Livorno e Torino (ma uno revocato), uno ciascuno per Brescia, Lecce, Novara e Sampdoria. Da rilevare, in conclusione, che la vittoria odierna del Livorno conferma la statistica che vede le terze classificate durante la stagione regolare aggiudicarsi gli spareggi: in otto edizioni, ben sette volte hanno ottenuto la promozione. Solo lo scarso anno la Samp fece eccezione, dal momento che vi partecipò giungendo sesta.

[Ceccarini/Corradi – Fonte: www.amaranta.it]

Articoli correlati