Puscas un gol per la storia: il Benevento è in Serie A

321

Il romeno mette a segno la rete decisiva che regala per la prima volta in novanta anni la Serie A alla squadra campana

Marco BaroniBENEVENTO- S’è capito subito come sarebbe andata a finire. Tanta, tantissima intensità da parte del Benevento contro un Carpi mai davvero in grado di reagire. Ogni dubbio poi è stato spazzato via dalla rete di Puscas.

Pensare che il Carpi fosse riuscito a rimontare segnando due gol era pura utopia. Così al novantesimo Benevento si è potuta abbandonare alla gioia.

Per la prima volta la squadra campana è in Serie A. Ci sono voluti 88 anni di storia e una banda di ragazzi terribilmente affiatati. Ma soprattutto ci è voluto un tecnico che in passato in pochi hanno capito e in pochissimi hanno creduto.

La prima storica promozione del Benevento in Serie A è soprattutto la promozione di Marco Baroni. Il primo a crederci veramente. Il primo che, senza mai ammetterlo, ha creduto che il doppio salto dalla C alla A in due anni non fosse un’utopia. Aveva ragione Baroni. Il Benevento adesso è in Serie A.

Una fiaba che potrebbe trovare il lieto fine in caso di salvezza il prossimo anno quella del Benevento. Partire dalla Lega Pro e arrivare in B. Prima stagione cadetta con qualcuno che forse non crede nemmeno alla salvezza.

Eppure il Benevento va. Va senza fermarsi oltre le più rosee aspettative. Non sono mancati momenti difficili durante la stagione, ma il pregio di questa squadra è stato di certo non darsi mai per vinta. E alla fine arrivano i playoff, e poi la Serie A. Un Buon evento non c’è che dire.

La fiaba di Benevento e S.P.A.L. e una B che lascia dubbi

Oltre al Benevento il miracolo lo ha fatto anche la S.P.A.L.. Entrambe capaci del doppio salto nell’arco di due stagione. I ferraresi hanno vinto il campionato, i campani i playoff. L’unica “grande” ad essere promossa il Verona. Senza nulla togliere ai meriti delle squadre promosse il sempre più comune doppio salto di categoria dovrebbe far riflettere sul valore del campionato di Serie B.

Va bene il miracolo sportivo, la bella fiaba della provincia al potere ma forse il resto della compagnia non è così forte. A rosicare più di tutti di certo è il Frosinone, favorito della vigilia ed eliminato dal Carpi in una partita a dir poco rocambolesca. Insieme ai laziali ha fallito il Bari. La squadra pugliese, sulla carta una delle più competitive della Serie B, non ha centrato nemmeno i playoff.

Quella del Benevento è una bella storia da raccontare, pur con i dovuti dubbi sulla Serie B attuale. Dubbi che se dissipati da un incremento del livello del campionato darebbero ancora più lustro alle storie sulla provincia che va al potere.

Articoli correlati