Reja riparte dal Catania: provati Zàrate a sinistra, Hernanes al centro e Floccari in avanti

FORMELLO – Reja riparte dal Catania. Zàrate a sinistra, Hernanes al centro e Floccari unico riferimento offensivo del confermato 4-2-3-1: è l’indicazione tattica più rilevante che proviene dall’antivigilia dell’impegno contro l’Inter. E’ la soluzione studiata questo pomeriggio, quando sono andate in scena le prime vere prove tattiche della settimana. Il tecnico goriziano prende spunto dai secondi 45’ giocati con gli etnei di Giampaolo, dove ha riportato il numero 10 argentino nel “vecchio” ruolo di trequartista esterno e il Profeta nella zona centrale del campo, dove ha trovato il suo terzo centro italiano: “Nelle ultime partite giocate in quella posizione ho toccato poche palle, a destra mi sono trovato bene”, ha spiegato il talento di Recife prima della seduta di allenamento.

Probabilmente sarà rimasto sorpreso anche lui, quando pochi minuti dopo il tecnico l’ha riposizionato alle spalle di Sergio Floccari. Secondo le prime indicazioni del campo, tra 48 ore dovrebbe essere proprio l’attaccante di Nicotera a sfidare il robusto duo centrale composto da Lucio e Materazzi, mentre Zàrate avrà il compito di cercare ripetutamente il fondo del campo, partendo dalla corsia mancina. Contro il Catania le cose migliori le ha fatte proprio nella ripresa, quando ha di fatto rimesso in discussione la formula partorita contro il Napoli. In questo contesto tattico ridisegnato, a completare la batteria dei fantasisti che dovrebbero agire alle spalle di Floccari, sarebbe Mauri, che partirebbe così da destra, svolgendo la doppia mansione di guastatore e centrocampista aggiunto al duo di metà campo.

PROVATI BROCCHI-MATUZALEM – In questa zona del campo, Brocchi, Ledesma e Matuzalem stanno ingaggiando il solito duello a tre per due maglie. Questo pomeriggio la coppia scelta da Reja è stata quella composta dall’ex rossonero e il playmaker di Natal, con Ledesma relegato nel secondo gruppo al fianco di Bresciano. Una scena vista spesso già la scorsa settimana, quando alla fine l’escluso di turno fu Francelino. Il ballottaggio resta aperto, entrerà nel vivo a partire da domani, ma la sensazione è che alla fine Reja opti ancora una volta per la sostanza ed il senso tattico dell’italo-argentino e dell’ex rossonero.

BIAVA RECUPERATO – Discorsi tecnici a parte, la notizia positiva del giorno arriva dall’infermeria: Giuseppe Biava ha definitivamente smaltito il problema alla caviglia, tanto che oggi è tornato a lavorare regolarmente con il resto del gruppo, con il quale ha svolto anche esercitazioni tattiche e partitella finale. Le cure e le fisioterapie dei giorni scorsi hanno sortito l’effetto sperato, venerdì ci sarà. Oggi è stato schierato in coppia con Stendardo, ma contro Pandev e compagni affiancherà come di consueto Andrè Dias, con Lichtsteiner e Radu confermati sulle corsie esterne. Indisponibile Javier Garrido che ha proseguito il lavoro specifico per curare l’infiammazione al tendine d’Achille destro. La preparazione riprenderà domani alle 15,00, mentre venerdì mattina sarà tempo di rifinitura.

Queste le due formazioni provate oggi:

1 – (4-2-3-1): Scaloni, Biava, Stendardo, Radu; Ledesma, Bresciano; Gonzalez, Hernanes, Zàrate; Floccari;

2 – (4-2-3-1): Lichtsteiner, Diakitè, Dias, Cavanda; Brocchi, Matuzalem; Mauri, Rocchi, Foggia (Del Nero); Kozak.

PROBABILE FORMAZIONE ANTI-INTER (4-2-3-1): MUSLERA, LICHTSTEINER, BIAVA, DIAS, RADU; BROCCHI, LEDESMA; MAURI, HERNANES, ZARATE; FLOCCARI.

[Daniele Baldini – Fonte: www.lalaziosiamonoi.it]