Samuele Piccini protagonista al 3° round di Coppa Italia Turismo

32 0

samuele piccin

Weekend da protagonista per il pilota veneto, che si impone tra le TCR in Gara 1 dopo aver segnato il miglior tempo in qualifica

MISANO ADRIATICO – E’ stato un ritorno da grandissimo protagonista quello di Samuele Piccin nella Coppa Italia Turismo, che ha disputato il terzo round stagionale sul tracciato di Misano Adriatico. Il pilota veneto, alla guida della Honda Civic della MM Motorsport, si è subito imposto nelle classifiche TCR, risultando il più veloce nelle prove libere e in qualifica, prima di coronare il ritorno in pista con un fantastico successo in Gara 1.

Ci ha messo molto poco Samuele Piccin a togliersi la ruggine di dosso, il pilota veneto ha subito ripreso gli automatismi della pista e già nella prima sessione di prove libere ha firmato la miglior prestazione tra le TCR, risultato confermato nella terza sessione e sfumato per appena 40 millesimi di secondo nelle FP2. Un ‘riscaldamento’ decisamente positivo che ha portato Piccin a fare sua la pole di classe in qualifica, facendo segnare il secondo tempo assoluto, mettendosi dietro le ben più potenti vetture E1 oltre 3000 cc.

“Sono davvero molto contento di questo ritorno, ci ho messo poco a ritrovare una buona confidenza con la macchina, anche se avrei bisogno di qualche altro chilometro per sentirmela davvero cucita addosso. Però pole e vittoria al rientro non è affatto male!” ha commentato un decisamente soddisfatto Piccin, che ha poi aggiunto. “Gara 1 è stata esaltante, un po’ di bagarre nei primi giri e poi, una volta presa la prima posizione, abbiamo badato solo a portare a casa il risultato. Terzo assoluto e primo TCR non me lo sarei mai aspettato a inizio weekend! Spero di tornare presto al volante di questa Honda!” ha commentato il pilota veneto, che ha firmato il successo numero 43 di MM Motorsport con una Honda TCR.

Le buone prestazioni potevano essere ripetute anche al pomeriggio nella movimentata gara 2, ma un errore di un avversario ha coinvolto la Honda di Piccin, costringendolo ad un prematuro ritiro.