Seedorf: “C’è tanta delusione, dobbiamo avere la forza di guardare avanti”

logo-milanFlop Milan. Arriva subito la sconfitta per Clarence Seedorf. Il Diavolo saluta la Coppa Italia già ai quarti al cospetto di un’ Udinese non di certo irresistibile. Squadra svogliata, a tratti irritante, quella rossonera: il solo Balotelli non basta a scacciar via cattivi presagi. Seedorf, allenatore rossonero, ha così commentato la sconfitta di stasera ai microfoni di Milan Channel: “C’è tanta delusione da parte di tutti. Mi dispiace molto che i nostri tifosi stiano vivendo questo momento per il Milan. Dobbiamo avere la forza di guardare avanti per cercare di ricostruire qualcosa di importante. Non si fanno miracoli in due giorni. Il mio compito è osservare le cose migliori e quelle peggiori per poter crescere. Bisogna costruire un lavoro. C’è bisogno di tempo per vedere un risultato. Ho visto i miei giocatori molto carichi prima della partita. Il rigore ha cambiato anche lo spirito dell’Udinese che non si era espressa bene fino a quel momento. Nel secondo tempo è stata una partita brutta. Loro sono stati più bravi.

Sappiamo che dobbiamo lavorare tanto e siamo disposti a farlo. Spaventato dal compito che mi attende? Il lavoro in questi giorni è stato pressante. Abbiamo bisogno di ritrovare entusiasmo. Contro il Verona era per tutti più facile tirar fuori qualche energia in più. Noi dobbiamo avere serietà. Sono qui per questo. Con il lavoro le cose vengono fuori. Il 4-2-3-1? Conosco il calcio bene e non mi spavento delle cose che verranno scritte o dette. So anche che il tempo paga. Ho un’idea che deve essere portata avanti. Mercato? Buona domanda per il dottore Galliani. Atteggiamento diverso? Non si può pensare che la squadra abbia già metabolizzato il cambio del sistema di gioco né si può credere ai miracoli. Avevo tanti indisponibili, poi, stasera. Ho dovuto aggiustare qualcosa all’inizio. Non sono scuse. Zapata? Risentimento al muscolo. Non volevo rischiarlo. In questo momento ci servono tutti”.

[Carmine D’Avino – Fonte: www.ilveromilanista.it]