Stramaccioni: “Grande contributo di Cassano ma l’Inter è di tutti i calciatori”

“Cassano sta dando un grandissimo contributo, ma credo che l’Inter è di tutti i calciatori. Il dato più importante è quello difensivo, perché davanti siamo sempre stati pericolosi anche quando le cose non andavano. Stiamo lavorando tanto su questo. Oggi abbiamo concesso una palla ad Almiron all’inizio, poi poco o niente contro una squadra importanti in attacco”. Così Andrea Stramaccioni a SkySport. “Il tridente? Volevamo dare un segnale che l’Inter avrebbe cercato di vincere sfruttando anche le qualità di giocatori fisicamente importanti come Mudingayi. Secondo me il risultato è stato positivo perché anche con Alvarez abbiamo costruito tanto senza concedere dietro”.

Poi sulla classifica. “Ripeto: al momento non la guardiamo perché siamo in crescita. LE altre, Lazio, Napoli e Juve hanno cambiato pochissimo. Noi invece tanto. Il dato positivo è che oggi, soprattutto la ripresa, è stata una partita bellissima, in cui abbiamo creato e concesso poco”.

Si va sulla qualità del centrocampo. “In questo bisogna capire e analizzare la nostra squadra. Non è vero che non abbiamo qualità, forse non abbiamo un playmaker pure. Sneijder, ad esempio, è un playmaker più avanzato. Ma nella ripresa siamo stati anche fluidi nell’andare a concludere”.

Perché Obi a destra e Zanetti a sinistra? “Secondo me, senza Nagatomo, era il migliore da poter utilizzare su Gomez e in questo ha fatto benissimo: finché Joel è stato in campo, Gomez non si è visto. Poi abbiamo cambiato per Marchese che ci dava fastidio, e col 4-4-2 ne abbiamo limitato l’azione”.

Poi arriva il momento della moviola e del presunto rigore di Guarin su Gomez (ma si vede chiaramente che l’argentino si getta prima del contatto). “Qui mi sono arrabbiato perché siamo andati a saltare in 5 lasciando campo. Un errore che avremmo potuto pagare caro. Era un episodio in cui potevamo subire il pari”. Ma non commenta il replay. “Gomez da noi a gennaio? Loro giocheranno il ritorno in nerazzurro e noi in bianco, quindi sì”, scherza il tecnico.

[Alessandro Cavasinni – Fonte: www.fcinternews.it]