Tim Cup, Catania-Siena 1-4: poker bianconero, derby toscano ai quarti

logo Tim CupCATANIA – In coppa per ritrovarsi. É questo il motto che sembra aver riunito i giocatori del Catania nel consueto sunto poco prima della partita. Speranze, che si sono trasformate in incubi nel corso della partita. Le scelte: De Canio che rispolvera Monzon, Lopez, Capuano, Andujar e Gyomber. Debutto stagionale per Rinaudo. Siena con l’ex Paolucci punta centrale e tanti uomini di esperienza come Valiani, Angelo, Rosina, Giacomazzi e Pulzetti. Le motivazioni del “complesso” superano quella della singola gara di coppa.

La prima parte di gioco – La prima azione pericolosa è del Siena, grazie ad una bella girata di Paolucci che impensierisce non di poco Andujar. Ma è già tempo di esultare per il Catania: calcio di punizione di Lodi dal limite respinto dalla barriera, la palla arriva di contrabalzo a Leto che da fuori scaglia una sassata che si insacca all’incrocio alla sinistra di Farelli. Un gol nei primi minuti per il Catania non lo si vedeva da tempo. Il Siena non si riprende ed è ancora il Catania a prendere l’iniziativa: pressing di Lopez su Farelli che rinvia male, palla a Lodi che prova da fuori un pallonetto che esce alto di poco. Al 13esimo si riaffaccia il Siena, con un tiro da fuori di Valiani: colpo d’esterno, palla fuori di poco. Al 17esimo ci prova ancora il Siena, stavolta è il turno di Giannetti che scagli un gran tiro di destro che finisce poco alto. Al 20esimo si invola Lopez sulla sinistra, serve Rinaudo che tira troppo debole verso Farelli. Buona azione, mal concretizzata. E allora è il Siena ad approfittarne: discesa sulla destra di Angelo, palla al centro, interviene Andujar e la palla arriva a l’ex Paolucci che insacca abbastanza agevolmente. 1 a 1 e qualche rammarico su un Capuano non troppo attento. Poco dopo altra azione pericolosa del Siena, ma la serpentina in aria di Giannetti non ha tanta fortuna. La stadio mugugna. Ed è ancora Siena: ci prova Pulzetti da fuori, palla centrale facile preda di Andujar. Al 43esimo ci prova Leto con una semi-rovesciata su cross di Monzon, palla però che esce fuori non di molto. Finisce il primo tempo tra i fischi assordanti del pubblico di casa.

Seconda parte di gioco – Sul coro “Pulvirenti alza la voce!”, De Canio si gioca la carta Keko, fuori Monzon. Il primo tiro è di Guarente, da fuori, palla lemme lemme verso Farelli. Nel Siena Beretta si gioca la carta Rosseti, va fuori Giannetti. Il pubblico di Catania, invece, fischia a squarcia gola, mentre è ancora il Siena a rendersi pericoloso: cross di Feddal, anticipo nel bel mezzo dell’aria di Gyomber. Ma è ancora Siena, stavolta in maniera decisiva: cross dalla destra, stacco in aria di Valiani e rete del 2 a 1. E’ il 59esimo. Esplode ancora di più la rabbia del Massimino. Esce Guarente, dentro Boateng. Prova a reagire il Catania, con la rovesciata di Leto, bravo Farelli a respingere in angolo. Al 64esimo, serpentina sulla sinistra di Keko, accentramento e scarico verso la porta: palo esterno. De Canio allora si gioca la carte giovane, Agatino Garufi, centrocampista della primavera. Fuori Rinaudo. Al 69esimo, azione confusa in aria del Siena, sbuca Legrottaglie che di piede tira alla destra di Farelli. Il portiere del Siena si allunga e respinge in angolo. Al 70esimo ci riprova il Catania, con il tiro da fuori di Leto: palla ampiamente alta. Al 73esimo occasionissima per il Catania: Keko si invola sulla sinistra, palla al centro, stop e passaggio di Lopez per Leto che da pochi passi spedisce sul portiere avversario. Poco dopo, il Catania scende dall’altra fascia, con Peruzzi. Palla in mezzo, non ci arriva nessuno tranne Capuano, che appena fuori dall’aria scaglia una sassata che Farelli para con difficoltà. É arrembaggio. Berretta prova a rintuzzare gli attacchi sostituendo Rosina con Vergassola. Al 84esimo ci prova Lodi, con una punizione delle sue: palla diretta all’angolino, Farelli devia una palla troppo lenta. All’ 86esimo ci prova Lopez, che, girandosi in aria, tira col destro: palla ampiamente sballata. Ultimi minuti con Legrottaglie spostato centroavanti, mentre il Siena mette Scapuzzi al posto di Paolucci. Tre sono i minuti di recupero e tre sono i gol che mette il Siena: è la volta di Pulzetti mettere in rete dopo una bella azione in solitaria. Un altro minuto e il Siena mette il quarto: azione in contropiede e Rosseti insacca in solitaria. Fischio finale e notte fonda. Niente di altro da commentare.

TABELLINO:

Catania (4-3-3): Andujar, Peruzzi, Legrottaglie, Gyomber, Capuano, Guarente (61′ Boateng), Lodi, Rinaudo (69′ Garufi), Leto, Maxi Lopez, Monzon (46′ Keko). A disposizione: Ficara, Costanzo, De Matteis, Cabalceta, Brugaletta, Freire, Gallo, Petkovic. All. De Canio

Siena (4-4-2): Farelli; Dellafiore, Giacomazzi, Matheu, Angelo; Pulzetti, Valiani, Feddal, Rosina (77′ Vergassola); Paolucci (90′ Scapuzzi), Giannetti (55′ Rosseti). A disposizione: Lamanna, Bucuroiu, Crescenzi, Milos, Morero, Schiavone, Spinazzola, Thomas. All: Beretta

Arbitro:Peruzzo

Reti: 4′ Leto (C), 24′ Paolucci, 60′ Valiani, 90′ (+1) Pulzetti, 90′ (+3) Rosseti

Ammoniti: Angelo (S)

[Diego Vitale – Fonte: www.mondocatania.com]