AlbinoLeffe, c’è il Pescara

289

BERGAMO – Arriva il Pescara. E ci sono anche tante incognite. La punta, la tenuta della difesa, un gol da ritrovare, infortuni e squalifiche. Tra tanti grattacapi, l’AlbinoLeffe è chiamato a riscattare la deludente prestazione – non pervenuta: questo il giudizio da dare alla Celeste scesa in campo col Padova – di sabato scorso. È uno scontro salvezza, tra due formazioni partite con lo stesso obiettivo: stare a galla. I seriani a cinque punti, gli abruzzesi un punticino più su. Nemmeno due mesi fa, in un Ferragosto fin troppo freddo, l’AlbinoLeffe si è imposto in scioltezza, rifilando al Pescara tre reti, due delle quali firmate Omar Torri, uno che domani non sarà della partita. Vincere, anche senza convincere: per l’AlbinoLeffe ogni punto raccolto sarà preziosissimo.

COCCO FRESCO? Uomini contati in difesa, fin troppi attaccanti, poche certezze. Una strana ricetta per l’AlbinoLeffe, che proporrà un quartetto difensivo imposto da squalifiche ed infortuni. Con Tomasig tra i pali, il pacchetto arretrato vedrà Luoni e Garlini sugli esterni, con la coppia Lebran-Maino al centro. Previtali ed Hetemaj nel cuore del centrocampo, con Foglio sulla corsia mancina: il quarto di centrocampo dovrebbe essere Salvi, favorito su Martinez. E se l’estro di Bombardini è l’essenza seriana, il posto di terminale offensivo se lo giocano tre ragazzi: Cissè, Cocco e Momentè. Se il primo ha faticato a Padova, ma è voglioso di riscatto, Cocco potrebbe essere la mossa a sorpresa.

QUI PESCARA. Ha fatto tredici in settimana, ma si tratta solo dei gol rifilati allo sparring partner del mercoledì: nel test contro i dilettanti del Pianella, Di Francesco ha tratto importanti indicazioni. Schieramento speculare per il Pescara, che proporrà Soddimo nelle vesti di rifinitore per le giocate di Ganci. In difesa rientrerà Olivi, mentre è ancora out l’ex atalantino Luca Ariatti.

I PRECEDENTI DICONO ALBINOLEFFE. Se c’è qualcuno dalla parte dell’AlbinoLeffe, quella è la cabala: nei dieci precedenti, infatti, i seriani hanno saputo imporsi sette volte. E certe tradizioni vanno rispettate.

[Luca Bozzanni – Fonte: www.atalantanews.com]

Articoli correlati