Ballardini: : «Dopo la prestazione della ripresa, il Genoa non avrebbe dovuto perdere»

«Il difensore del Napoli, trattiene Toni ma non è rigore». Ai microfoni di Sky Sport il tecnico del Genoa, Davide Ballardini, si esprime così sulla trattenuta di Paolo Cannavaro su Toni alla fine del primo tempo. Successivamente in conferenza stampa ha affermato che «c’era un mano in area, quello di Maggio ed era netto. Qualcuno spiega che non è volontario: ma nessuno vuol toccare la palla con le mani in area, però succede che la toccano ed è rigore come in questo caso. La mano era lontana dal corpo».

Il tecnico ha poi giudicato «il primo tempo non positivo da parte del Genoa, ma nel secondo tempo non avremmo meritato di perdere. Il Napoli stasera ha colto un risultato non meritato pienamente ma ci fa capire che è una grande squadra».

Riguardo agli obiettivi da raggiungere, l’allenatore ha detto che «è ancora presto per definirli poiché ci sono alcuni giocatori che non si sono ancora ambientati al nostro campionato. Di certo c’è solo che questa è una squadra che ha cuore e non si risparmia mai». Poi si spiega meglio: ««Il nostro obiettivo è quello di avvicinarsi nel gioco e nei punti alle grandi squadre, ossia Napoli, Juventus, Roma, Inter e Milan. Facciamo però delle partite parziali, è evidente che ci manca qualcosa: giochiamo solo un tempo».

Riguardo al fallo e alla conseguente punizione battuta da Gargano e finalizzata in gol da Hamsik, l’allenatore rossoblù spiega che «non c’era fallo. L’arbitro fischia subito la prima spinta di Criscito su Maggio, ma non è fallosa». Riguardo alla posizione solitaria dello slovacco che ha segnato senza essere marcato, Ballardini ha evidenziato che «avrebbe dovuto essere marcato da Veloso poiché il nostro terzino destro Rafinha non ha l’altezza per fare il marcatore».

Sempre in conferenza stampa, l’allenatore ha dato il suo punto di vista sul fatto che giocassero assieme Kharja, Veloso e Milanetto, centrocampisti tecnici ma molto lenti. «A parer mio possono giocare assieme, ma se sono al top della condizione».

Adesso il pensiero va al derby di domenica prossima: «Siamo anche molto arrabbiato – conclude Ballardini – poiché abbiamo speso molto senza ottenere nulla. Abbiamo dunque un motivo in più per fare una grande partita».

[Marco Liguori – Fonte: www.pianetagenoa1893.net]