Bari, Forestieri: “Quest’anno ho litigato con la porta…”

L’assenza dal gol non gli ha tolto di certo il buon umore ed oggi in sala stampa è stato un vero e proprio Forestieri-show tra battute e sorrisi. Il tema al centro delle domande dei giornalisti è stato infatti il suo fin qui non fortunatissimo rapporto con il gol: “Sì, quest’anno ho litigato con la porta – ha ammesso l’attaccante italo-argentino – potevo fare più gol, il mister mi ricorda sempre che nel calcio contano soprattutto i numeri, ma so di aver dato dato tutto per questa maglia, anche se il gol naturalmente mi manca.

Siamo andati un pò in difficoltà per l’assenza di Caputo, fin quando c’era lui il tridente ha funzonato benissimo”. Sul clamoroso gol fallito venerdì col Brescia, svela: “Ne ho parlato anche con Castillo, in quel frangente pensavo tra me: ‘Driblo il portiere o calcio?’ Alla fine mi sa che ho pensato troppo come mi ha detto anche Nacho”.

Sul futuro: “Mi auguro di rimanere qua poi si vedrà. Se c’è la possibilità di rimanere, resto, anche perché la società mi è sempre stata vicina. Col direttore Angelozzi ho quasi stretto un rapporto di amicizia (sorride, ndr), a dicembre ebbi una lunga chiacchierata con lui, mi diede dei consigli: è una persona schietta”. L’immediato futuro però si chiama Vicenza, e un traguardo, quello della salvezza, da cristalizzare al più presto: “Non dobbiamo sbagliare niente, anche loro hanno bisogno di punti. Sarà davvero una finale, guai ad avere cali di tensione. Che trattamento mi aspetto? A Vicenza ho passato i sei mesi più belli della mia carriera, spero che almeno loro non mi prendano di mira come ha fatto Ficagna. Dopo quel fallaccio ad Empoli, sono stato fermo due settimane e questo ha influito negativamente sulle mie successive prestazioni”.

Infine, alla domanda su cosa si sente di promettere ai tifosi, il simpatico Nando ha risposto: “Nulla, non sono mica un politico! La promessa me l’ha fatta mio padre: ha detto che presto mi regalerà delle porte così potrò migliorare la mia mira”.

[Davide Giangaspero – Fonte: www.tuttobari.com]