Cagliari bagnato, Cagliari fortunato. Matri e Conti ribaltano il Brescia

Sotto la pioggia del Rigamonti i rossoblu ritrovano un raggio di sole che da speranza e conquistano tre punti fondamentali per muovere la classifica e ripartire dopo l’esonero di Bisoli.

Donadoni esordisce sulla panchina del Cagliari a Brescia, in una sfida dura perché i tre punti servirebbero da morire sia a lui che a Iachini. Al Cagliari, vestito di rosso, mancano Pisano, Agostini e Lazzari, nel Brescia Diamanti e Possanzini partono dalla panchina.

Cominciano fortissimo i sardi che dopo cinque minuti vanno vicinissimi al vantaggio con Matri. Il suo destro a incrociare sul secondo palo viene respinto col piede da Sereni. Ci mette poco a reagire la squadra di Iachini, che chiede il rigore per un intervento di Astori su Caracciolo difficilissimo da decifrare. L’episodio carica i padroni di casa che si divorano l’1-0 con Eder, capace di calciare fuori al volo praticamente a porta vuota. La partita è divertentissima e le occasioni sono tante, da una parte e dall’altra.

Matri sbaglia la deviazione volante sul cross di Cossu e il Brescia trova il vantaggio con un rigore concesso da Celi per un fallo ingenuo di Biondini su Caracciolo e trasformato dall’Airone. L’avvio di Biondini è da incubo. Dopo il rigore il centrocampista del Cagliari perde un pallone che non si trasforma nel 2-0 solo grazie a uno straordinario intervento di Agazzi e sulla ripartenza regala un cross da galleria degli orrori. La reazione degli ospiti non c’è e serve ancora un super Agazzi per impedire a Eder di trovare il raddoppio. Che gli episodi non dicano bene al Cagliari lo dimostra al trentatreesimo il contropiede lanciato dall’arbitro Celi e concluso con un destro di poco a lato da Kone. Anche Eder sbaglia la mira, pochi istanti dopo, anche a causa del disturbo di Astori. Se il Cagliari non crolla è solo perché il Brescia fa un’enorme fatica a trovare il gol: Cordova si iscrive al club delle padelle concludendo a lato di un soffio. Il fischio finale del primo tempo arriva come una liberazione per gli ospiti.

Parte bene anche nella ripresa il Brescia, ma il Cagliari pian piano viene fuori. Ariaudo centra l’esterno della rete sul calcio d’angolo di Cossu, ma la palla è praticamente sempre tra i piedi dei sardi. Il pareggio arriva incredibilmente in contropiede, dopo un’azione pericolosissima del Brescia. È Matri a battere Sereni, che ci mette del suo con un’uscita troppo incerta sul filtrante di Cossu. Donadoni manda in campo Nené, già pronto a entrare per Biondini alla ricerca del pareggio, ma ad uscire, dopo il gol di Matri, è Acquafresca.

Ed il Cagliari trova anche il vantaggio con un gol di Conti che calcia da una distanza impressionante e batte Sereni, ancora una volta colpevole. Iachini vede sfuggirgli di mano una vittoria che sembrava quasi fatta e inserisce Diamanti per Baiocco. Ma l’inerzia dell’incontro ormai si è completamente ribaltata e il Cagliari controlla senza soffrire.

Per il Brescia ora è trememendamente difficile creare occasioni da gol, mentre Cossu, Conti e Nainggolan prendono possesso del centrocampo. Matri spreca l’occasione per il 3-1, calciando da posizione defilata anziché servire Nené a centro area. Iachini non molla e inserisce Possanzini per Kone. Il Brescia ci prova, fino alla fine, ma la difesa ospite tiene e i sardi sfiorano ancora il 3-1, nel recupero, con un altro calcio di punizione di Conti. Donadoni esordisce con un successo in trasferta, meglio di così non si poteva.

TABELLINO:

MARCATORI: Caracciolo su rigore al 20′ p.t., Matri al 18′ s.t., Conti al 21′ s.t.

BRESCIA (4-3-2-1): Sereni; Zambelli, Martinez, Zebina, Daprela; Baiocco (Diamanti dal 23′ s.t.), Cordova, Vass (Budel dal 25′ s.t.); Konè (Possanzini dal 39′ s.t.), Eder; Caracciolo (Arcari, Bega, Berardi, Dallamano). All. Iachini.

CAGLIARI (4-3-1-2): Agazzi; Perico, Canini, Astori, Ariaudo; Biondini, Conti, Nainggolan; Cossu; Acquafresca (Nenè dal 19′ s.t.), Matri (Pelizzoli, Magliocchetti, Giorico, Laner, Ragatzu, Martignoni). All. Donadoni.

ARBITRO: Celi di Campobasso 6

NOTE: spettatori 8 mila circa. Giornata piovosa e fredda, terreno pesante. Ammoniti: Astori, Baiocco, Matri, Zebina, Vass, Conti, Ariaudo. Calcio d’angolo 7 a 2 per il Brescia. Recuperi: 1′ e 3′.

[Gabriele Lippi  – Fonte: www.tuttocagliari.net]