Cannavaro: “Il mio sogno è quello di allenare il Napoli”

180

logo napoli calcio

Le parole dell’ex difensore di Parma e Juventus nel corso di un’intervista rilasciata ai microfoni di Sportmediaset.

MILANO – Fabio Cannavaro, attuale tecnico del Guangzhou ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Sportmediaset. Queste le sue parole a cominciare dalla situazione attuale: “Italiani, state a casa perché manca poco. lo so che è dura, che in molti soffrono, ma è l’unico modo per non diffondere il virus. Coi campioni del mondo abbiamo fatto una raccolta fondi, invece con la nostra fondazione (mia, di Paolo e di Ciro Ferrara) abbiamo raccolto e venduto una serie di maglie storiche di napoletani e campani che hanno giocato a certi livelli”. 

Poi spazio al calcio, a quel sogno chiamato Napoli: “Ho iniziato ad allenare da 5 anni e sogno di allenare un giorno una grande squadra, il Napoli è una di queste… Ho avuto la fortuna di avere i migliori allenatori degli ultimi 50 anni e da ognuno di loro spero di aver preso qualcosa e spero che il giorno che deciderò di tornare in Europa sarò pronto”. “Napoli mi è sempre mancata, sono andato via a 21 anni ma sono rimasto sempre molto legato. Ho vissuto in tante città del mondo, ma resterò a vivere a Napoli, da piccolo sognavo di di diventare un simbolo della squadra”.

Sulla Serie A ha aggiunto: “Mi piace molto Bernardeschi, mi piacciono Insigne e Immobile, fare un nome è difficile. Sarri? Penso che sia un allenatore di grandissimo livello, sicuramente sta faticando più del previsto a trasmettere le sue idee alla squadra e questo magari sta condizionando un po’ il gioco, però le qualità non si discutono”. Tanti i temi toccati: “Gattuso? Il Milan ha sbagliato, purtroppo non l’hanno capito, Rino è preparato, ti dà fiducia, fa giocare bene e quindi merita la fiducia del Napoli. Balotelli? Sicuramente Mancini ci pensa, perché lui ha grandi qualità e può essere importante per una Nazionale che sta facendo benissimo grazie al lavoro del CT. Messi in Italia? mi piacerebbe sì, sono curioso di vederlo in un campionato diverso”. 

Articoli correlati