Catania: Le alternative “percorribili” al 4-3-3

261 0

Continuiamo la nostra rassegna dei possibili moduli con i quali schierare la formazione rossazzurra per la prossima stagione. Dopo il 4-4-2 ed il 4-3-3 analizziamo il 4-3-1-2, possibile valida alternativa in ragione delle caratteristiche dei singoli giocatori.

Anche in questo modulo i difensori centrali sono i veri difensori, adibiti al controllo degli attaccanti avversari anche se possono partecipare alla fase offensiva in occasione dei calci piazzati.

Come al solito i terzini appoggiano il centrocampo, aggredendo la fascia laterale e proponendosi per il cross da fondo campo oppure tagliano per vie centrali quando l’attaccante sulla loro fascia è proteso per il cross. Confermando Andujar a guardia dei pali, proponiamo lo stesso scacchiere difensivo del modulo 4-3-3 con Alvarez e Capuano sulle fasce mentre Spolli e Bellusci (o chi per lui) stazionano al centro della difesa.

I tre di centrocampo sono impegnati nell’attività di impostazione del gioco e di contrasto alle iniziative avversarie. Sono loro che dettano i tempi di gioco e appoggiano, se necessario, il reparto arretrato. Indispensabile quindi in questo settore un “mix” di tecnica e rapidità  nei movimenti associato a buone doti difensive. Scegliamo dalla rosa attuale Ledesma, Biagianti e Lodi ma è possibile anche prevedere l’utilizzo di Gomez o, in alternativa, del giovane Moretti. Il fantasista dietro le punte dovrebbe essere libero da compiti difensivi e capace di mettere le sue doti tecniche al servizio dei due attaccanti. La sua abilità consiste nel saper dialogare con la coppia più avanzata e negli inserimenti tra le linee. Potrebbe anche sfruttare l’opportunità del tiro da medio-lunga distanza. In breve è un ruolo che dev’essere affidato a giocatori dai “piedi buoni” e che potrebbe essere ricoperto da Barrientos o, nel caso di conferma, da Ricchiuti. La coppia d’attacco finalizza l’azione puntando a rete ma le si richiedono anche capacità di ripiegamento in appoggio ai centrocampisti. In questo settore puntiamo su Lopez che potrebbe essere affiancato da Catellani, Keko o Lanzafame.

Catania (4-3-1-2) Andujar, Alvarez, Spolli, Bellusc, Capuano, Biagianti, Ledesma, Lodi(Gomez), Barrientos (Ricchiuti),Lopez, Llama

Una possibile variante al 4-3-1-2 è  il modulo 4-2-3-1, tanto caro al Montella versione Roma. E’ il modulo che i giallorossi hanno adottato per tanto tempo, col quale sono riusciti ad esprimersi meglio e che l’attuale tecnico del Catania ha provato a riproporre nella sua breve gestione tecnica.

L’attuazione di questo modulo richiede un gran dinamismo dei giocatori, in particolare degli esterni di difesa e di centrocampo.  I terzini esplicano compiti difensivi ed offensivi unendosi spesso in fase propositiva alla coppia di centrocampisti. Lo stesso dicasi per i due esterni di centrocampo che devono esser capaci di sfruttare appieno lo spazio a disposizione a partire dalla trequarti fino alla linea di fondo. In breve è un modulo che implica l’utilizzo di giocatori duttili e dinamici e, soprattutto per i trequartisti, dotati tecnicamente.

I due centrocampisti che stazionano davanti alla difesa sono impegnati prevalentemente in compiti di copertura e di supporto ai compagni che giostrano una decina di metri più avanti.

Per la linea difensiva proponiamo al solito Andujar a difesa dei pali con Alvarez (o Potenza) e Capuano esterni di difesa. Confermati i due centrali difensivi Spolli e Bellusci (o chi sostituirà Silvestre)

Davanti allo scacchiere di difesa proponiamo Biagianti in coppia con Ledesma, benché quest’ultimo appare non sempre è apparso impeccabile in fase di contrasto, mentre sulla trequarti proponiamo Lodi (o Ricchiuti) in fase di impostazione della manovra e Gomez e Llama esterni ad affiancare, in fase di possesso palla, l’unica punta Maxi Lopez (senza alternative).

I giocatori di maggior qualità  tecnica sono chiamati, come spesso accade, a fare la differenza. In particolare i due esterni avanzati devono aggredire le fasce di competenza impedendo ai terzini avversari di avanzare mentre la punta deve possedere buone doti nella difesa del pallone e nello smarcamento.

Catania(4-2-3-1): Andujar, Potenza (Alvarez), Spolli, Bellusci, Capuano, Ledesma, Biagianti, Gomez (Keko), Lodi (Ricchiuti), Llama, Lopez.

Ed i tifosi cosa ne dicono? Il 4-3-3 è il modulo migliore per questo Catania oppure lo è uno dei due precitati, o un altro ancora?

[Angelo G. Giuffrida – Fonte: www.mondocatania.com]