Giro d’Italia 2024, la classifica generale finale

35

logo giro d'italia 2024

Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) è il vincitore del Giro d’Italia 107, sul podio anche Daniel Felipe Martinez (Bora – Hansgrohe) e Geraint Thomas (Ineos Grenadiers)

ROMA – La Città Eterna ha fatto da cornice al Grande Arrivo di un Giro d’Italia che verrà ricordato per anni, con l’incoronazione finale di Tadej Pogacar, in Maglia Rosa dal secondo giorno di gara, e di un successo mai in discussione. Sei vittorie di tappa, di cui cinque con addosso il simbolo del primato, e i diretti rivali in classifica generale relegati a 9’56”, Daniel Martinez, e 10’24”, Geraint Thomas. Roma è stata anche il teatro dell’ultima frazione, uno scontro tra i velocisti da cui è uscito vincitore Tim Merlier, che ha pareggiato i conti con uno sfortunato Jonathan Milan. La Maglia Ciclamino, frenata da un problema meccanico all’inizio dell’ultimo giro, è riuscita a rientrare in gruppo a 3 km dall’arrivo e a disputare la volata, chiudendo alle spalle del belga e davanti a Kaden Groves.

Classifica generale

1 – Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)
2 – Daniel Felipe Martinez (Bora – Hansgrohe) a 9’56”
3 – Geraint Thomas (Ineos Grenadiers) a 10’24”

Il vincitore del Giro d’Italia 107, Tadej Pogacar, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Porterò con me per sempre grandi ricordi del Giro e di questa giornata a Roma. La Maglia Rosa è davvero speciale, e vestirla per 20 giorni è stata un’esperienza unica.. Oggi con la squadra abbiamo controllato tutto alla perfezione, evitando rischi, peccato che Molano non abbia avuto la sua giornata migliore. Sono contento per tutti coloro che mi hanno supportato fin dal primo giorno”.

Le maglie ufficiali

Le Maglie di leader del Giro d’Italia sono disegnate e realizzate da Castelli.

Maglia Rosa, leader della Classifica Generale, sponsorizzata da Enel – Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)

Maglia Ciclamino, leader della Classifica a Punti, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e ITA Italian Trade Agency – Jonathan Milan (Lidl-Trek)

Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum – Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)

Maglia Bianca, leader della Classifica Giovani, nati dopo il 01/01/1999, sponsorizzata da Eataly – Antonio Tiberi (Bahrain Victorious)

Tim Merlier (Soudal Quick-Step) ha vinto la tappa 21, la Roma-Roma di 125 km. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Jonathan Milan (Lidl-Trek) e Kaden Groves (Alpecin – Deceuninck).

Ordine d’arrivo

1 – Tim Merlier (Soudal Quick-Step) – 125 km in 2h51’50”, media di 43.646 km/h
2 – Jonathan Milan (Lidl-Trek) s.t.
3 – Kaden Groves (Alpecin – Deceuninck) s.t.

Le dichiarazioni a caldo

Il vincitore della 21^ tappa, Tim Merlier, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Non è stata una vittoria perfetta, devo chiedere scusa ai ragazzi. Avevo delle ottime gambe ma il finale era un vero casino. Ho perso la ruota di Van Lerberghe ma sono riuscito a rientrare sulla ruota giusta per lanciarmi. E’ una bella vittoria per tutti. Per me è stata anche strana, perchè già ieri sull’aereo molti corridori stavano festeggiando la fine del Giro. Io invece sono rimasto concentrato e ho raggiunto il mio obiettivo”.

Statistiche

Per Pogacar sono 5 i podi finali al Giro e al Tour (3 vittorie, 2 secondi posti) prima del 26° compleanno: è il primo atleta che raggiunge questo traguardo.

Tadej Pogacar è il primo atleta che vince 6 tappe e la classifica finale dal 1973.

Tadej Pogacar è il secondo vincitore sloveno dopo Primoz Roglic l’anno scorso. Esclusa l’Italia, l’ultima nazione con due vincitori diversi in anni consecutivi era stato il Belgio, con Michel Pollentier e Johan De

Muynck nel 1977 e 1978.

3 vittorie in questo Giro per Tim Merlier: è il primo belga con 3 vittorie allo Sprint in un Giro dal 1978: Rik Van Linden a Novi Ligure, Cattolica e Silvi Marina.