Lazio-Genoa 1-2: Laxalt colpisce allo scadere [cronaca]

Lazio-Genoa 1-2: Laxalt colpisce allo scadere [cronaca]Successo esterno del Genoa nella gara posticipo della 23a giornata. Dopo un primo tempo senza reti Pandev sblocca il match al 10′ pareggiata da Parolo 4 minuti dopo. Allo scadere rete decisiva di Laxalt. La cronaca della partita minuto per minuto

ROMA – Successo esterno del Genoa che passa 1-2 a Roma contro la Lazio nella gara posticipo dell 23a giornata. Prima parte avara di emozioni con la squadra di Ballardini abile a restare corta e a chiudere gli spazi con una linea a 5 in fase di non possesso palla. Esordio per Pereira dal primo minuto. Poche idee in campo, pesa la mancanza di Milinkovic-Savic in avanti e conclusioni tentate solo dalla distanza con scarsa precisione. Gara accorta quella dei rossoblù che non hanno disdegnato a qualche azione di rimessa soprattutto a sinistra con Laxalt, tra i più vivaci. Più vivace la ripresa con Pandev che al 10′ sfrutta un intervento difettoso in area di De Vrj per trafiggere da due passi Berisha. Ma la gioia del gol dura poco perchè 4 minuti più tardi su tiro cross rasoterra di Caceres, Parolo si trova sulla traiettoria toccando con la punta del piede e palla che si trafigge alla destra di Perin. Inzaghi crede nel successo e si gioca la doppia carta Nani-Anderson nel tentativo di movimentare il fronte offensivo ma su gli ospiti colpiscono sempre con Laxalt: al 35′ la rete viene annullata per tocco di mano dell’esterno che in pieno recupero però si infila dietro Patric su invito di Hiljemark e colpo di testa sotto porta che non lascia scampo a Strakosha.

Lazio Genoa: presentazione partita, formazioni, cronaca diretta, risultato in tempo reale, tabellino

Presentazione partita

Oggi allo stadio Olimpico di Roma si gioca Lazio-Genoa, posticipo della ventitreesima giornata del campionato di Serie A, quarta del girone di ritorno. Fischio di inizio previsto per le ore 20.45. Una sfida tra squadre che devono dimenticare al più presto una domenica, quella scorsa, infelice e riprendere il proprio cammino verso, rispettivamente, una tranquilla salvezza e le Coppe Europee. Nel precedente turno di campionato, infatti, il Genoa è capitolato in casa con l’Udinese, trafitto dal gol dell’ex Behrami, mentre la Lazio ha perso per 2-1 a San Siro contro il Milan. Ora in classifica la squadra di Ballardini è quindicesima con 21 punti mentre quella guidata da Simone Inzaghi é ancora sorprendentemente terza a quota 46, alle spalle di Napoli e Juventus.

La gara è stata affidata al signor Maresca della sezione di Napoli. Di Vuolo e Mondin saranno gli assistenti, con Di Paolo come quarto uomo. I responsabili del Var saranno Guida e Valeriani. Sono 47 i precedenti a Roma tra le due compagini, con il bilancio di 24 successi per i padroni di casa, 16 pareggi e 7 affermazioni degli ospiti. L’ultima sfida risale al 20 novembre 2016 quando terminò 3-1 con reti di Andersson, Biglia su rigore e Wallace, con temporaneo pari siglato da Ocampos. All’andata invece finì 2-3 per la squadra biancoceleste: doppiette dell’ex Immobile e Pellegri e rete di Bastos.

Qui Lazio

Inzaghi dovrà rinunciare agli squalificati Milinkovic-Savic e Lulic, sostituiti da Lukaku e Felipe Anderson e all’infortunato Di Gennaro. Dovrà inoltre valutare le condizioni di De Vrij, affaticato: pronto a scendere in campo al suo posto Wallace. Possibile modulo 3-5-1-1. Quindi, Strakosha tra i pali e retroguardia composta da Caceres, De Vrij, Radu. In mezzo al campo Parolo, Lucas Leiva, Murgia, con Marusic e Lukaku sulle corsie. Davanti Luis Alberto a sostegno dell’unica punta Immobile.

Qui Genoa

Ballardini non potrà contare sullo squalificato Spolli e sugli infortunati Giuseppe Rossi e Miguel Veloso. Non farà parte della partita nemmeno Armando Izzo. Se nella conferenza stampa di sabato il tecnico rossoblu era parso possibilista in merito a un suo utilizzo, ad annunciare il forfait era stato le stesso difensore campano tramite il proprio profilo ufficiale Instagram. “Mi dispiace non esserci lunedì.. tornerò presto per combattere ancora di più!”. Post cui ha fatto seguito la mancata convocazione. Nei 22 scelti ci sono, invece, i nuovi arrivati Bessa ed Hiljemark, che però dovrebbero partire dalla panchina. Da decidere se partirà titolare Taarabt oppure Lapadula: al momento il primo è in vantaggio. Probabile modulo 3-5-2. Quindi, Perin tra i pali e difesa a tre composta da Biraschi, Rossettini e Zukanovic. A centrocampo Rosi e Laxalt sulle corsie esterne, in cabina di regia il giovane Omeonga affiancato da Bertolacci e Luca Rigoni. Davanti la coppia formata da Taarabt e Pandev.

LE PROBABILI FORMAZIONI

LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Caceres, De Vrij, Radu; Marusic, Parolo, Lucas Leiva, Murgia, Lukaku; Luis Alberto; Immobile. A disposizione: Vargic, Guerrieri, Luiz Felipe, Caceres, Bastos, Patric, Basta, Jordao, Nani, Felipe Anderson, Caicedo, Neto. Allenatore:  Simone Inzaghi

GENOA (3-5-2): Perin; Biraschi, Rossettini, Zukanovic; Rosi, Rigoni, Bertolacci, Omeonga, Laxalt; Taarabt, Pandev. A disposizione: Lamanna, Zima, Biraschi, Gentiletti, Migliore, Cofie, Lazovic, Brlek, Hiljemark, Bessa, Galabinov, Lapadula. Allenatore: Davide Ballardini

Arbitro: Fabio Maresca della sezione di Napoli

Assistenti: Di Vuolo – Mondin

Quarto Uomo: Di Paolo

Var: Guida

Avar: Valeriani

Stadio: Olimpico di Roma