Mascara è felice: prolungamento di due anni

180

PINZOLO – E’ felice il Giuseppe Mascara che si accomoda in sala stampa per parlare del suo prolungamento contrattuale in maglia rossazzurra:

“C’è sempre stata la volontà sia mia che del Catania nel rinnovare il mio contratto. Non siamo stati mai lontani, ormai faccio parte della famiglia e da buoni amici abbiamo limato un particolare che aveva rimandato più volta la firma. Sono orgoglioso di continuare la mia carriera qui, e qui vorrei anche chiuderla.

“E’ bastata una stretta di mano, l’accordo era stato trovato ma non riuscivamo ad incontrarci per firmare. Non ho mai pensato d’andar via.

“Contro l’Iraklis Salonicco non sarà solo un test tattico ma anche un test atletico. Dopo giorni in cui abbiamo caricato parecchio adesso ci stiamo abituando ai ritmi e quindi cominciamo a ritrovare quella brillantezza che dovrà essere massima per l’inizio del campionato.

“Da quindici giorni Giampaolo ci martella sulla tattica, adesso è normale che molti meccanismi siano rodati e s’attivino a memoria, è tutto molto più semplice anche se abbiamo cambiato modo di giocare: attacchiamo in 4, teniamo la palla a terra, spingiamo in particolar modo sulle fasce.

“Con questo nuovo modulo il mister vuol fare divertire noi ed anche la gente che ci seguirà; certo, richiede qualche sacrificio in più ma, se l’anno scorso gente come Eto’o e Pandev rientrava a dar una mano in difesa, non vedo perché a Catania non possa esser possibile lo stesso.

“Battere i Campioni d’Europa sarà un ricordo indelebile ma non mi piace vivere di ricordi. So comunque di aver regalato delle belle emozioni a tutti, anche a lui. Mi sono stancato di lottare sempre per la salvezza; abbiamo mezzi e uomini per ambire a qualcosa di più. L’anno scorso è servito a comprendere come nel calcio non ci sia nulla di scontato, per arrivare dove vuoi devi credere in quello che fa.

“Quando ci si sente troppo forti, in serie A, arrivano le bastonate dalle quali è più difficile rialzarsi. Noi dobbiamo mantenere quella combattività che ci ha portato a non sottovalutare alcuna squadra ed a giocarcela con tutte.

[Redazione Mondo Catania – Fonte: www.mondocatania.com]

Articoli correlati