Milan: forte interesse per Julio Cesar

121

La giornata di ieri ci recapitato la notizia del forte interesse di Adriano Galliani e dell’A.C. Milan nei confronti di Julio Cesar, portiere pluridecorato con la maglia dell’Inter dove ha trascorso ben 7 anni alla difesa della porta della squadra nerazzurra più vincente della storia. L’interesse sarebbe ricambiato. Il calciatore, lo scorso anno è stato messo alla porta (di uscita) dalla dirigenza nerazzurra nell’ambito di un restyling che ha coinvolto tutto ciò che non era argentino. Il portiere della nazionale brasiliana ha lasciato da signore nonostante il trattamento ricevuto. Il 30 agosto, prima di Inter – Vaslui, preliminare di Europa League, entrò in campo accompagnato dai figli, particolarmente commosso e con una lettera scritta di suo pugno, per dare l’ultimo saluto ai tifosi dell’Inter. Questo per dire del suo legame con l’ambiente dell’altra parte di Milano.

Nonostante ciò, la notizia non appare infondata. Devesi precisare che la fonte è di quelle decisamente autorevoli. La firma posta a calce dell’articolo è di quelle poste con una Mont Blanc intinta nell’inchiostro più puro, la mano quella di Alberto Costa, milanologo per eccellenza; la testata il Corriere della Sera.

Onestamente, la sorpresa non è tanta. Di Julio Cesar per la porta del Milan si era già parlato l’estate scorsa; non sappiamo se vi furono reali contatti. Abbiamo trascorso la giornata di ieri in attesa di smentite più o meno ufficiali da parte del Milan, non è arrivato nulla. L’unica voce registrata in aggiunta a questa notizia ripresa da tutte le fonti di informazione, è giunta dal “guru” del calciomercato mondiale, Gianluca Di Marzio, il quale testualmente afferma: “In questo momento da Via Turati non arrivano riscontri concreti.”. Ci sembra uno di quei casi in cui una mancata smentita vale più di una esplicita conferma.

Ma veniamo all’aspetto tecnico dell’eventuale arrivo di Julio Cesar e alle varie implicazioni che potrebbe avere un innesto del genere nella rosa del Milan. Il calciatore, 34 anni da compiere in coincidenza dell’inizio del prossimo campionato, porterebbe con se esperienza e personalità da vendere con indubbi vantaggi per la sicurezza dell’intero reparto arretrato della formazione rossonera. Nel gruppo, secondo la notizia originaria, andrebbe a prendere il posto di Amelia, che lascerebbe il Milan all’età di 31 anni con un innalzamento quindi dell’età media della rosa. In porta, prenderebbe il posto di Abbiati, 36 anni a luglio, l’età media degli undici di base, calerebbe.

A parte questo, è evidente che non stiamo parlando di un calciatore da “linea verde”, stiamo parlando però di un portiere che, a parere di chi vi scrive, ben si integrerebbe col progetto in generale poichè per competere ai più alti livelli in Italia e specie in Europa, la sola gioventù non basta, occorrono anche doti di esperienza e sicurezza che Julio Cesar, per come già detto, apporterebbe in abbondanza. La guida delle difesa rossonera sarebbe in mani sicure.

Più in generale, paradossalmente, l’arrivo del trentaquattrenne brasiliano, potrebbe avere risvolti importanti anche per il futuro, vediamo perchè. E’ arcinoto l’interesse del Milan per il forte difensore del Vasco da Gama Dedè. Quest’ultimo è un difensore centrale, ruolo delicatissimo per un nuovo innesto. La presenza alle sue spalle e nello spogliatoio di un elemento come il portiere della sua nazionale, potrebbe facilitare l’inserimento e l’ambientamento del giovane difensore nell’undici rossonero. Al riguardo le ultime notizie parlano di un accordo già raggiunto col calciatore sulla base di un contratto triennale a 2, 5 milioni a stagione; discordanza sulla cifra necessaria all’acquisto che va dagli 8 ai 12 milioni. Dedè, è stato convocato per la partita che la nazionale brasiliana disputerà sabato contro la Bolivia. A proposito di Dedè, l’agente Fifa Lodovico Spinosi dice: “…..se dovesse venire in Italia, potrebbe dire la sua. Ha grandissima fisicità, bravo nell’uno contro uno, ha tecnica ed è forte di testa; può essere un giocatore importante per la serie A, è pronto per l’Italia”. Pare di rivedere insomma Juan Jesus, centrale dell’Inter. A differenza di quest’ultimo però, per come già riportato in altri articoli, Dedè è stato premiato negli ultimi due anni quale miglior difensore brasiliano e viene spesso convocato in nazionale.

Ancora, per ritornare al tema centrale della notizia e quindi a Julio Cesar, lo stesso discorso fatto per Dedè potrebbe eventualmente valere per Jorginho del Verona, anch’egli già bloccato per giugno secondo tutte le informazioni provenienti dai maggiori narratori di mercato, “guru” (Gianluca Di Marzio) compreso. Ma non ci sarebbe da fermarsi qui, perchè sulla scia verde oro il Milan continua la sua “caccia” avendo nel mirino anche Hernanes della Lazio per il centrocampo ed il sempre verde, in ottica Milan, Kakà per una ulteriore ventata di entusiasmo e non solo per squadra, tifosi e ambiente in generale. Non ultimo, il Milan ha tra i propri ranghi quello che in Brasile è ritenuto il portiere del futuro, Gabriel Vasconcelos Ferreira, 21 anni a settembre, quale miglior maestro per crescere a Milanello?

Tutti questi argomenti spiegati sono da prendere in seria considerazione nell’ottica di un eventuale arrivo di Julio Cesar nella nostra squadra, senza dimenticare, per i più scettici, che pure saranno in tanti, che nel 1967 Nereo Rocco, il Paron, volle a tutti i costi, a difesa della porta del Milan, Carlo Cudicini, 32 anni compiuti, ultimo campionato giocato e non giocato a Brescia, solo 18 presenze. Tra lo scetticismo generale, Cudicini si prese subito la porta del Milan e al primo anno portò a casa Scudetto e Coppa delle Coppe, l’anno seguente Coppa dei Campioni e Coppa Intercontinentale e nel 1972 la Coppa Italia in un’epoca in cui quest’ultimo trofeo era considerato quasi di pari livello dello Scudetto (rivinta l’anno seguente con William Vecchi in porta). Entrò nella leggenda col soprannome di Ragno Nero per via dell’altezza, 1,91 di tutto rispetto per quei tempi e per il fisico filiforme spesso coperto anche da una calzamaglia nera, indimenticabile!

Cudicini non era certo considerato tra i migliori portieri al mondo e mai aveva vestito la maglia della nazionale. Julio Cesar arriverebbe dalla Premier League inglese dove tutt’oggi fa il fenomeno ed è titolare della nazionale brasiliana, porta che difenderà anche l’anno venturo nei mondiali di calcio che si giocheranno nel suo Paese. Agli scettici dico: siete certi che questo non sia un portiere da Milan?

[Sandro Cerisano – Fonte: www.ilveromilanista.it]

Articoli correlati