Napoli: Ultimo sforzo con il Lecce, poi festa con l’Inter per il secondo posto

Il campionato ha già emesso alcuni verdetti, tra questi quello che più ha fatto goire i tifosi del Napoli: la qualificazione matematica ai preliminari di Champions League.

Con un’altissima probabilità di evitarli: il terzo posto può diventare a sua volta aritmetico domenica, e a Lecce la squadra di Mazzarri potrebbe festeggiare un traguardo storico, impensabile ad inizio campionato.

SALENTO FELIX ? – Al Via del Mare si può dunque scrivere un’altra importante pagine della recente storia azzurra. La squadra è serena, e al tempo stesso concentrata sull’obiettivo: non vuole lasciarsi scappare dalle mani la possibilità di poter vivere quelle emozioni che solo la massima competizione continentale sa dare. Le parole di De Sanctis martedì, (“A noi interessa fare questi punti, ogni altro discorso ora non ci appartiene”), quelle di Cavani ieri, (“Vogliamo diventare vice campioni d’Italia”), raccontano di una  squadra desiderosa di regalare ai propri tifosi, e a se stessa, un piazzamento d’onore che rappresenterebbe uno scudetto morale (considerando quanto speso in sede di mercato e il monte ingaggi) e smaniosa di dimostrare una volta ancora ciò di cui è capace.

Battere il record dei campioni azzurri del ’90 per esempio: 21 vittorie in campionato, eguagliato sabato sera. Dovrà fare i conti con un Lecce che è con l’acqua alla gola, e che per salvarsi scenderà in campo agguerrito più che mai. Mazzarri nutre ancora qualche piccolo dubbio per la formazione da opporre ai salentini: Ruiz-Aronica e Santacroce-Campagnaro. I secondi sembrano favoriti. A centrocampo è probabile l’inserimento di Yebda dal primo minuto in luogo di Pazienza, con Gargano nuovamente confermato. Come il tridente delle meraviglie, ovviamente.

FESTA INTER – Intanto in meno di ventiquattr’ore sono più di dieci mila i biglietti venduti per la partita con i nerazzurri che chiuderà la stagione del Napoli al San Paolo. Probabile, quasi sicuro anzi, che venga superato il record della partita con la Juventus: saranno sessanta mila i tifosi che vorranno salutare così un anno calcistico memorabile. Con un secondo posto da agguantare proprio quella sera. Noblesse oblige.

[Vincenzo Balzano Fonte: www.tuttonapoli.net]