L’ordine d’arrivo dell’undicesima tappa del Giro d’Italia 2024

28

logo giro d'italia 2024

Successo per Jonathan Milan (Lidl-Trek) nella tappa da Foiano di Val Fortore a Francavilla al Mare, sul podio anche Kaden Groves e Giovanni Lonardi

FRANCAVILLA AL MARE – Jonathan Milan legittima la Maglia Ciclamino, sulle sue spalle ininterrottamente da 8 giorni, imponendosi nell’11^ tappa del Giro d’Italia che portava la Carovana Rosa da Foiano di Val Fortore a Francavilla al Mare. In una frazione velocissima, che con i suoi 47.170 km/h ha fatto segnare la media oraria più alta tra le tappe che superano i 200 km, Milan ha avuto la meglio su Kaden Groves, ripetendo l’esito della frazione di Andora, e su Giovanni Lonardi, al primo podio in carriera in una corsa World Tour. Tim Merlier, che inizialmente aveva chiuso alle spalle della Maglia Ciclamino, è stato declassato all’89° posto per aver deviato la sua traiettoria in volata ostacolando Juan Sebastian Molano. Per lo sprinter friulano quello di oggi è il terzo successo di tappa al Giro, secondo in terra abruzzese dopo la frazione di San Salvo nel 2023.

CLASSIFICA GENERALE

1 – Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)
2 – Daniel Felipe Martinez (Bora – Hansgrohe) a 2’40”
3 – Geraint Thomas (Ineos Grenadiers) a 2’58”

ORDINE D’ARRIVO

1 – Jonathan Milan (Lidl-Trek) – 207 km in 4h23’18”, media di 47.170 km/h
2 – Kaden Groves (Alpecin-Deceuninck) s.t.
3 – Giovanni Lonardi (Team Polti Kometa) s.t.

LE MAGLIE UFFICIALI

Le Maglie di leader del Giro d’Italia sono disegnate e realizzate da Castelli.

Maglia Rosa, leader della Classifica Generale, sponsorizzata da Enel – Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)

Maglia Ciclamino, leader della Classifica a Punti, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e ITA Italian Trade Agency – Jonathan Milan (Lidl-Trek)

Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum – Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) – indossata da Simon Geschke (Cofidis)

Maglia Bianca, leader della Classifica Giovani, nati dopo il 01/01/1999, sponsorizzata da Eataly – Antonio Tiberi (Bahrain Victorious)

DICHIARAZIONI A CALDO

Il vincitore di tappa Jonathan Milan, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “La vittoria non deriva solo dai 20 secondi dello sprint, ma da tutto il lavoro fatto dal team nei km precedenti. Il modo in cui mi hanno aiutato mi rende felice e li ringrazio con tutto il cuore. Uno sprint al termine di un lungo rettilineo è sempre più insidioso perchè bisogna trovare il timing perfetto per partire. Ho reagito a Tim Merlier ed è andata bene. E’ speciale vincere con la Maglia Ciclamino. L’anno scorso dopo che avevo vinto non sono più riuscito a ripetermi, è importante imparare dagli errori del passato”.

CONFERENZA STAMPA

Il vincitore di tappa Jonathan Milan ha dichiarato in conferenza stampa: “La Regione Abruzzo mi porta fortuna. Qua ho vinto per la prima volta al Giro, e qua mi sono ripetuto alla Tirreno-Adriatico. Vincere e indossare la Maglia Ciclamino è qualcosa di unico. Per portarla fino a Roma dovrò stare attento ogni giorno, perchè tutte le tappe sono complicate. Ad esempio oggi il finale è stato caotico, ho perso Consonni ma ho trovato Theuns che mi ha posizionato sulla ruota giusta, quella di Tim Merlier. E’ facile parlare dello sprint, ma dietro a quei 200 metri c’è il lavoro eccellente di tutto il team ed è a loro che dedico questo successo”.

La Maglia Rosa Tadej Pogacar ha detto: “Ogni giorno che passa in Maglia Rosa mi sento sempre più a mio agio. I tifosi mi incitano, ci sono tanti cartelloni, il pubblico italiano mi ha adottato. Mi piace correre davanti, è il mio modo di interpretare la corsa, anche per evitare cadute. Non penso di aver interferito con lo sprint o con le squadre dei velocisti. Oggi c’era vento contrario e sapevo che sarebbe stato più difficile aiutare Molano. Fino allo striscione dei 3km gli sono stato vicino, poi mi sono un po’ defilato. Purtroppo oggi è caduto il mio compagno di squadra Felix Grossschartner. Per fortuna pare che non ci sia nulla di grave per lui”.

STATISTICHE

Terza vittoria al Giro per Jonathan Milan dopo San Salvo l’anno scorso e Andora quest’anno. E’ il suo 10° successo da professionista.

Decima Maglia Rosa per Tadej Pogacar: sale al 53° posto di tutti i tempi. Eguaglia il valore più elevato tra gli iscritti a questo Giro: Juan Pedro Lopez vestì 10 volte la Maglia Rosa al Giro 2022.

A 47,170 km/h questa è stata la tappa con un kilometraggio superiore ai 200 km (207) più veloce della storia. Il record assoluto rimane la Matera-Brindisi del 2020: 51,234 km/h, ma su 143 km.

Prima volta nella top-5 in una gara World Tour per Giovanni Lonardi e Laurence Pithie.