Padoin: “Mi piacerebbe giocare nell’Udinese, ho un contratto fino al 2013 con l’Atalanta”

Intervistato in esclusiva da “Il Friuli/Udineseblog”, l’esterno e jolly mediano Simone Padoin (26), messosi in grande evidenza nel corso dell’ultima stagione nonostante la retrocessione conseguita con la sua Atalanta, testimonia la possibilità che la sua prossima destinazione non sia necessariamente la maglia bianconera della Juventus, benché fin dall’ingaggio di Gigi Delneri sulla panchina della “Vecchia Signora” il centrocampista di Gemona del Friuli sia stato accostato quasi scontatamente al club piemontese, tra le fila del quale potrebbe riabbracciare quel mentore che l’ha lanciato verso l’interesse delle maggiori società italiane. Ecco le sue dichiarazioni: “Io ho un contratto che mi lega all’Atalanta fino al 2013”.

Hai avuto occasione di parlare con la società bergamasca del tuo futuro?

«No, anche perchè la società è appena passata di mano e tutto in questo momento è in stand by. Non c’è un referente perchè ci sono da risolvere altri problemi. Penso che per il mercato bisognerà aspettare, almeno una settimana, il tempo per sistemare le questioni burocratiche».

Tu sei stato vicino all’Udinese prima di arrivare a Bergamo:

«Sì, sembrava fatta. Solo che poi l’Udinese non ha trovato le contropartite tecniche adatte per il Vicenza e per fortuna si è fatta avanti in maniera decisa l’Atalanta con la quale ho chiuso subito».

Vista la partenza di D’Agostino, non hai sperato in un nuovo interessamento dei friulani per te?

«Sinceramente non credo che si faranno vivi con me. Hanno altri obiettivi. So che seguono Guarente, uno che come caratteristiche è più simile a D’Agostino».

Tu, però, sei un giocatore molto duttile. In un centrocampo a 5, come quello che Guidolin ha utilizzato a Parma, potresti essere molto utile:

«Effettivamente il modello tattico di Guidolin mi calzerebbe a pennello. Lui utilizza tre centrocampisti centrali e io mi troverei a mio agio».

E per un friulano, giocare a Udine dovrebbe essere qualcosa di davvero particolare:

«Infatti. Mi piacerebbe eccome, magari. Ho sempre detto che sarebbe un sogno».

Quindi si torna al discorso che si può sperare:

«Sinceramente non lo faccio, perchè con me non si sono fatti vivi. Non vorrei illudermi inutilmente».

La trattativa relativa a Padoin potrebbe intrecciarsi alle sorti di Antonio Candreva (23) e di Marco Motta (23), notoriamente nelle mire della Juventus e di proprietà (il primo interamente, il secondo a metà con la Roma) dell’Udinese.

[Luca Ronchi – Fonte: www.atalantanews.com]