Radio Sei – Hernanes, Ds San Paolo fa chiarezza: “Per ora solo sondaggi, ma non direttamente dalla Lazio…”

“Per Hernanes solo sondaggi e richieste di informazioni, ma non direttamente dalla Lazio”. Ad uscire allo scoperto ed a fare chiarezza sulla vicenda del 25enne centrocampista brasiliano, entrato nel mirino della Lazio, è il direttore sportivo del San Paolo, Marco Aurelio Cunha. Raggiunto dai microfoni de lalaziosiamonoi.it nel pomeriggio e di Radio Sei alla trasmissione “Lazio di Sera”, la voce ufficiale della società paulista smentisce contatti ufficiali con il club capitolino: “Vi posso assicurare che non abbiamo né parlato, né incontrato dirigenti della Lazio. Dal club italiano non ho ricevuto nessuna offerta ufficiale, me l’ha confermato anche il mio presidente con il quale parlo due-tre volte al giorno. Siamo solo stati avvicinati dal alcune persone che mi hanno chiesto informazioni sul calciatore. Si è trattato di soli sondaggi, ripeto, solo sondaggi, ma non direttamente dalla Lazio”.

Il dirigente brasiliano è poi entrato anche nello specifico dell’operazione. La Lazio sembra intenzionata a proporre 9 milioni di euro per il 75% del cartellino (quello di proprietà del San Paolo), con la promessa di ricevere il 25% di una eventuale cessione futura. Una soluzione che non sembra rientrare nelle aspettative del San Paolo: “Premettendo che nessuno della Lazio ci ha mai presentato questo tipo di proposta, questa è una scelta che non ci interessa, non è adeguata. Cedere un calciatore importante come Hernanes attraverso una sorta di compartecipazione non ci soddisferebbe. La promessa di ricevere il 25% di una ipotetica cessione non sarebbe una garanzia. Il calciatore, infatti, potrebbe anche non essere mai ceduto dalla Lazio e questo per noi significherebbe perdere dei soldi. Hernanes è un grande calciatore che noi siamo disposti a cedere solo alle giuste condizioni. Considerando che nella scorsa stagione abbiamo rifiutato l’offerta di 16 milioni di euro da parte del Barcellona, per me vale più di 15 milioni di euro.

In Europa sono trasferiti calciatori meno importanti di lui anche per 30 milioni di dollari, non vedo perchè per lui debba essere diverso. Lui è come Kaka, ha la testa molto evoluta. Non può essere ceduto per un’offerta comune. Certo – spiega Cunha – , Se poi il nostro presidente Juvenencio decidesse di cederlo per una cifra inferiore sarebbe un altro discorso, decide lui. Ma noi vogliamo trattare direttamente con la società. Vogliamo sederci intorno ad un tavolo, trattare e raggiungere un accorso. Pretendiamo un’offerta ufficiale. In questo momento con la Lazio non c’è assolutamente niente”, sottolinea Cunha che poi conclude parlando di Andrè Dias, ex difensore del San Paolo che ha già iniziato la preparazione con la sua ex compagine: “A Dias piace molto stare in Italia, c’ha parlato molto bene dell’allenatore. Si sta allenando tutti i giorni con noi perchè vuole presentarsi in perfetta forma in Italia. Ha tanta voglia di tornare e fare bene. Cosa ci ha detto della Lazio? Ha detto che la Lazio non ha tantissimi soldi, ma è una squadra importante. Tutte cose che noi sappiamo”.

[Baldini/Zappulla – Fonte: www.lalaziosiamonoi.it]