Udinese-Napoli 3-1: Sagra degli errori in casa azzurra. Il Napoli dura 15′

Il Napoli continua con il suo andamento caratterizzato da alti e bassi. In casa azzurra va in scena la sagra degli errori e l’Udinese ringrazia, chiudendo l’incontro già nel primo tempo. Gara insufficiente di tutta la squadra e troppi errori nei disimpegni che hanno facilitato la gara dei padroni di casa, ben messi in campo da Guidolin. Il tecnico decide di irrobustire il centrocampo schierando Pinzi in mediana in luogo di una punta, Floro Flores, per un più accorto 3-5-2.

L’approccio del Napoli è, tuttavia, positivo. Hamsik è schierato da trequartista alle spalle di Cavani e Lavezzi che sono larghi sul fronte offensivo. Dopo i primi minuti, l’Udinese prende le misure al Napoli e inizia ad avanzare. Le punte vanno in pressing sui portatori azzurri che sono molto imprecisi, soprattutto in mediana. Il terreno scivoloso e la pressione dei padroni di casa evidenzia tutte le difficoltà in fase di impostazione di Pazienza e Gargano che falliscono tanti appoggi.

Al 15’ arriva, così, il vantaggio dell’Udinese; Lavezzi tenta un dribbling inutile a metà campo e perde palla favorendo la ripartenza dei friulani: Sanchez va in contatto con De Sanctis in uscita e si procura il rigore trasformato da Di Natale. Il Napoli accusa il colpo e spegne ogni velleità perseverando con i lanci, piuttosto inutili con il terreno scivoloso. Intanto Di Natale fa le prove del raddoppio al 35’ con un calcio piazzato finito di poco fuori. Il fantasista trova, però, il gol allo scadere dei primi 45’ con un esterno destro dai venti metri che si infila all’incrocio.

Sia centrocampisti che i difensori partenopei lasciano troppo spazio al pericoloso attaccante bianconero che ha tutto il tempo per caricare il tiro e colpire. Nella ripresa il protagonista è lo slovacco Hamsik. Dopo aver fallito un gol da buona posizione, il centrocampista, oltre ad allinearsi al rendimento medio della squadra, concede il tris a Di Natale, mancando banalmente la respinta sul corner battuto dall’attaccante. Un minuto dopo, Hamsik si riscatta emulando il gol del raddoppio di Di Natale che trasmette coraggio alla squadra. Al 63’ azione manovrata del Napoli e atterramento in area di Cavani per il rigore che potrebbe riaprire l’incontro; Hamsik non angola troppo e Handanovic vola sulla sua destra a respingere. Ultimo sussulto azzurro di Cavani che sfiora il gol con un colpo di testa mentre l’Udinese controlla fino al triplice fischio.

UDINESE (3-5-2): Handanovic, Benatia, Zapata, Domizzi; Isla, Inler, Asamoah, Armero; Pinzi; Sanchez, Di Natale (70′ Denis). A disposizione: Belardi, Coda, Angella, Abdi, Corradi, Floro Flores. All. Guidolin

NAPOLI (3-4-1-2): De Sanctis; Santacroce (74′ Dumitru), Cannavaro, Campagnaro; Maggio, Gargano, Pazienza (65′ Maiello), Dossena (52′ Vitale); Hamsik; Lavezzi, Cavani. A disposizione: Iezzo, Grava, Cribari, Zuniga, Yebda. All. Mazzarri

ARBITRO: Romeo di Verona (Giachero-Comito, IV: Tommasi.

MARCATORI: 15′ su rig., 45′ e 56′ Di Natale, 57′ Hamsik.

NOTE: Al 64′ Handanovic respinge rigore di Hamsik. Ammoniti: De Sanctis, Maggio, Cannavaro, Gargano, Pinzi, Benatia e Domizzi.

[Marcello Pelillo – Fonte: www.tuttonapoli.net]