Antonio Floro Flores: “Trasformare la paura in cattiveria”

527

La prova interlocutoria nell’amichevole di sabato pomeriggio contro il Chievo Verona ha fatto suonare un campanello d’allarme in casa bianconera. “Il mister si è detto giustamente preoccupato perché la squadra non ha risposto come avrebbe voluto. Prendere tre gol non è mai piacevole, nemmeno in amichevole. Abbiamo sbagliato tutti, la colpa non è stata della difesa. Dobbiamo collaborare maggiormente e parlare di più in campo”.

Il mister di Castelfranco Veneto ha chiesto maggior cattiveria agonista ai suoi ragazzi: “Lo spirito che metteremo in campo per la prima di campionato sarà diverso. Alle volte è difficile trovare le giuste motivazioni nelle gare amichevoli. Il Chievo però le ha trovate e ci ha messo in difficoltà; si è vista la differenza nell’approccio alla gara. Partire dalla panchina non è mai semplice, ma mi sono sciolto man mano che passavano i minuti. Mi è mancato il gol, peccato”.

Con l’arrivo di German Denis è aumentata la concorrenza anche nel reparto avanzato, ma l’attaccante napoletano non è preoccupato: “Io vado avanti per la mia strada e finchè resterò in Friuli darò tutto per questa maglia. Ho sempre detto di non voler lasciare Udine perché ho un debito con la città e coi tifosi. Curerò tutto nei minimi dettagli perché ho tanta voglia di crescere”.

La punta partenopea è alla ricerca della giusta collocazione sul rettangolo verde: “Gioco in serie “A” e mi devo saper adattare al modulo che il mister propone per il bene della squadra. Io per primo devo ancora capire dove posso rendere al meglio. Ho fatto sia l’attaccante esterno che il centrale perché ho caratteristiche tecniche e fisiche che si possono sposare bene con entrambe le posizioni. So di dover migliorare ancora in copertura e il mister mi ha detto di volere da me maggior pressing sul portatore di palla. Guidolin è una persona disponibile, ci parla molto e dice le cose come stanno. Il mio obiettivo è conquistare la sua fiducia giorno dopo giorno”.

Il piglio dell’Udinese sarà diverso, è la promessa di Antonio Floro Flores: “Non commetteremo gli stessi errori del passato e trasformeremo le nostre paure in cattiveria. Il tecnico è molto bravo a trasmetterci la grinta giusta. Lavoriamo sui particolari per non commettere gli stessi sbagli. La squadra è migliorata molto, i giovani sono cresciuti. Isla,dopo tre anni di campionato italiano, è un altro giocatore. Di Sanchez non ne parliamo nemmeno. Penso che questo gruppo possa arrivare lontano”.

L’appuntamento con il primo impegno ufficiale della stagione è preso. L’ospite al “Friuli” sarà il Genoa di Gasperini che un anno fa cadeva sotto i colpi di Di Natale e Pepe: “I rossoblu sono cambiati parecchio rispetto alla passata stagione. Hanno perso in amichevole con il Panathinaikos, ma non credo ai risultati di questo tipo di gare. Verranno qui sicuramente per cercare di vincere. Conosciamo il loro potenziale e loro conoscono il nostro”.

[Sito Ufficiale Udinese Calcio – Fonte: www.udinese.it]