Benevento, Brignoli: quando un gol vale milioni di euro

Alberto-Brignoli

Il 4 dicembre scorso il portiere segnò al 95′ una rete da record che permise al Benevento di pareggiare contro il Milan

BENEVENTO – Era lo scorso 4 dicembre quando con un colpo di testa Alberto Brignoli segnava al 95′ una rete che permetteva al Benevento di pareggiare contro il Milan. Un gol storico per tanti motivi. Perchè portava nelle casse della squadra sannita il primo punto in assoluto in Serie A e poneva fine a una striscia negativa lunga quattordici sconfitte consecutive. Ma anche perchè realizzato da un estremo difensore dopo più di sedici anni. E perchè rendeva Brignoli il quinto portiere in assoluto a far gol su azione nella massima categoria.

Forse però non tutti sanno che quel gol ha un valore economico di 7.5 milioni di euro. Sì, perchè tanto è costato al Benevento, in quanto ha finito per formalizzare l’ingaggio ufficiale dal Sassuolo di Antei e Iemmello. I due giocatori erano, infatti, arrivati l’estate scorsa in terra campana con la formula del prestito oneroso con obbligo di riscatto. E quest’ultimo era subordinato alla condizione della “conquista del primo punto in Serie A”. Le cifre parlano di 2,75 milioni per il difensore  4,75 per l’attaccante per un totale complessivo di 7.5 milioni di euro.

Il futuro dell’autore del gol

Difficilmente resterà invece in giallorosso Brignoli, di proprietà della Juventus. L’obbligo di riscatto del portiere era stato fissato a 1,3 milioni in caso di salvezza e raggiungimento delle 20 presenze del giocatore. Quado mancano dieci giornate alla fine del campionato il Benevento è il fanalino di coda del torneo, a quindici lunghezze dalla zona salvezza, e l’estremo difensore è fermo a 10 presenze e spesso sacrificato per far spazio a Puggion, arrivato a gennaio dalla Sampdoria.