Catania – Foggia 1-2: decisivo Ferrante su rigore in pieno recupero

1140

Catania Foggia cronaca diretta live risultato in tempo reale

La partita Catania – Foggia del 14 novembre 2021 in diretta: padroni di casa avanti con Russini dopo 16 minuti si fanno prima pareggiare con Gallo quindi sorpassare allo scadere per un’ingenuità di Ercolani che ha causato il rigore

La cronaca con commento e tabellino minuto per minuto

RISULTATO finale: CATANIA - FOGGIA 1-2

SECONDO TEMPO

49' è finita! Prosegue il momento positivo per il Foggia che colpisce in pieno recupero con il suo bomber completando la rimonta sul Catania. Vi ringraziamo per l'attenzione e appuntamento ai prossimi live

49' ALEXIS FERRANTE!!! VANTAGGIO DEL FOGGIA!!! Il giocatore del dischetto scivola al momento dell'impatto ma riesce lo stesso a calciare all'angolino alla destra di Sala che aveva intuito il lato di battuta!

48' RIGORE PER IL FOGGIA! Intervento ingenuo in area di Ercolani su Ferrante, bravo a dribblarlo dal fondo

45' sono 4 i minuti di recupero

45' ultima carta per Baldini con Russo per Sipos

45' giallo a Garattieri che ha commesso fallo su Biondi, un calcetto che poteva costare anche qualcosa di più

44' fallo in attacco di Biondi su Gallo nel tentativo di fare un break sulla trequarti

41' palla in area per Sipos che solo davanti al portiere impatta male con il mancino e sfera sul fondo!

40' giallo a Curcio che diffidato salterà la trasferta di Campobasso

37' due cambi nel Catania: Ceccarelli lascia il posto ad Albertini e Maldonado a Cataldi

36' cross basso di Provenzano per Rosaia, conclusione ravvicinata che trova l'opposizione del portiere ma sul tentativo di tap in Sipos gli fa fallo

34' nel Foggia dentro Rizzo Pinna per Tuzzo e Ballarini per Garofalo

31' verticalizzazione troppo lunga di Garattoni per Ferrante che non riesce a raggiungere la sfera

27' angolo per gli ospiti, palla di Curcio sul secondo palo ma l'arbitro vede una spinta in attacco di Sciacca

25' bel duello tra Tuzzo e Ropolo con il difensore che ha la meglio

23' giallo a Ceccarelli, si pareggia anche il conto dei cartellini tra le due squadre

21' GALLOO!!! PAREGGIO DEL FOGGIA!!! Punizione potente e angolata di Petermann, si distende Sala a respingere la palla indirizzata a infilarsi all'angolino alla sua destra ma sul tap in ci arriva prima di tutti da due passi il numero 4 ospite

20' punizione ai 25 metri conquistata da Tuzzo

19' Provenzano e Biondi fanno il loro ingresso in campo per Izco (fascia di capitano lasciata a Calapai) e Russini

16' lancio di Ceccarelli per Sipos controllato in area dal marcatore quindi qualche istante più tardi tiro velleitario di Rosaia, palla sopra la traversa

14' angolo di Curcio, sul primo palo di testa allontana Sipos

10' azione gol per il Catania con Izco che recupera palla sulla trequarti e serve in area Sipos ma il giocatore dopo un controllo conclude di poco a lato da favorevole posizione!

8' scambio tra Martino e Ferrante, quindi palla al limite per la conclusione di Garofalo molto alta sopra la traversa

6' cross dal fondo di Curcio per Ferrante in agguato sotto porta ma il giocatore sul secondo palo non arriva alla conclusione ingannato dalla traiettoria perchè sfera smanacciata dal portiere!

3' fallo su Sciacca, punizione per il Foggia sulla trequarti offensiva: sulla punizione palla scodellata in area ma tutto fermo perchè l'arbitro ha visto un fallo in attacco

2' cross tagliato di Garofalo per Tuzzo che anticipa tutti da due passi ma la sua conclusione da due passi è alta!

calcio d'avvio per il Catania che prova subito una sortita offensiva senza successo

Ferrante e Gallo per Merkaj e Maselli le novità in casa Foggia nell'intervallo

PRIMO TEMPO

46' si chiude il primo tempo tra Catania e Foggia sull'1-0 per i padroni di casa. Buon avvio della squadra di casa culminato dalla bella rete di Russini quindi è uscita seppur a corrente alternata la squadra di Zeman che ha avuto alcune palle gol per il pareggio. Risultato molto aperto e fra pochi minuti seguiremo assieme come andrà a finire

45' 1 minuto di recupero

44' giallo per Maldonado che ha interrotto una ripartenza avversaria

43' lancio di Di Martino in area per Merkaj che non riesce ad arpionare la sfera e rimessa dal fondo affidata a Sala

41' scarico di Ceccarelli al limite per Rosaia ma conclusione da dimenticare, sfera alta sopra la traversa

40' sul contropiede successivo bel cross teso di Curcio dalla sinistra, inserimento perfetto di Tuzzo e colpo di testa di poco a lato!

40' fermato in offside Russini, sale bene la difesa del Foggia

39' dall'altra parte bravo Monteagudo su Tuzzo che dopo una volata a destra in area stava tentando di passare in mezzo a due avversari

37' pressing di Curcio su Izco, conquistato un corner dalla sinistra d'attacco, palla verso il secondo palo liberata dalla difesa quindi contorpiede di Russini e ottimo intervento in scivolata di Petermann in fallo laterale. L'avversario stava per involarsi verso l'area di rigore

35' bella conclusione di Curcio da fuoriarea con il destro, vola Sala sulla sua destra a respindere di pugni in angolo! Nulla di fatto sul successivo tiro dalla bandierina

32' giallo anche per Garofalo, in ritardo su Ceccarelli

30' pressing efficace di Russini che approfitta di una incertezza difensiva per guadagnare palla e qualche istante più tardi interventi a piedi uniti di Petermann, primo giocatore ad essere ammonito

24' cross di Garattoni sul primo palo, esce in anticipo Sala con i pugni scontrandosi con un giocatore quindi Maselli di testa in tuffo in area fallisce un tentativo di tap in! Nell'occasione qualche problema per il portiere con lo staff medico che è dovuto intervenire ma il gioco per fortuna riprende prontamente

22' conclusione potente dal limite dell'area in posizione defilata con il destro di Maldonado ma non inquadra lo specchio della porta. Nell'occasione ha funzionato bene la pressione alta dei padroni di casa a riconquistar palla

19' prova a reagire subito il Foggia con un corner dalla destra non sfruttato

16' RUSSINII!! VANTAGGIO DEL CATANIA!!! Sugli sviluppi dell'angolo contro cross di Calapai allontanato di testa da un difensore sui piedi del numero 20 che conclude da posizione defilata a mezz'altezza sul primo palo a sorprendere Alastra

16' punizione dalla trequarti verso l'area, Martino svirgola in angolo

14' cross di Ceccarelli in area e Garattoni di testa anticipa Russini ben appostato per colpire sul secondo palo di testa

13' tentativo di Tuzzo in area ma conclusione disinnescata da un difensore e nessun problema per Sala nell'intervento

10' duro tackle di Curcio su Rosaia, solo richiamo verbale per lui: batte la punizione Ceccarelli, in area allontana la difesa rossonera

8' verticalizzazione troppo lunga per Merkaj, arriva prima Sala in comoda uscita

6' fallo di Martino su Ceccarelli, punizione per il Catania nella metà campo ospite

5' passaggio di Ceccarelli per Russini che non comprende le intenzioni del compagno e filtrante che termina sul fondo

3' primo possesso palla per il Catania che prova una giocata in verticale tra Ceccarelli e Sipos, molto reattivo Alastra in uscita con il piedi quasi al limite dell'area

1' subito un corner per gli ospiti, ultimo tocco di Calapai di testa in anticipo su Curcio che stava cercando di raccogliere un cross dalla destra. Sugli sviluppi nulla di fatto, si riparte con un rinvio dal fondo per Sala

Si parte con il calcio d'avvio battuto dal Foggia in maglia a sfondo bianco e classica rossoazzurra per il Catania

Le squadre fanno in questo momento il loro ingresso in campo, tutto pronto all'inizio del match!

Un saluto ai lettori di Calciomagazine e agli amici di Puglianews24, benvenuti alla diretta di Catania - Foggia. Dalle ore 15 seguiremo il match in diretta con il nostro commento. Di seguito i dati del match con le formazioni che scenderanno in campo e altre statistiche.

TABELLINO

CATANIA (4-3-3): Sala; Calapai, Ercolani, Monteagudo, Ropolo; Izco (dal 19' st Provenzano), Maldonado (dal 37' st Cataldi), Rosaia; Ceccarelli (dal 37' st Albertini), Sipos (dal 45' st Russo), Russini (dal 19' st Biondi). A disposizione: Stancampiano, Borriello, Pino, Pannarello, Tropea. Allenatore: Baldini.

FOGGIA (4-3-3): Alastra; Garattoni, Sciacca, Di Pasquale, Martino; Garofalo (dal 34' st Ballarini), Petermann, Maselli (dal 1' st Gallo); Tuzzo (dal 34' st Rizzo Pinna), Merkaj (dal 1' st Alexis Ferrante), Curcio. A disposizione: Volpe, Girasole, Di Jenno. Allenatore: Zeman.

Reti: al 16' pt Russini, al 21' st Gallo, al 49' st Ferrante (rigore)

Ammonizioni: Petermann, Garofalo, Maldonado, Ceccarelli, Curcio, Garattieri

Recupero: 1 minuto nel primo tempo, 4 minuti nella ripresa

Formazioni ufficiali

CATANIA (4-3-3): Sala; Calapai, Ercolani, Monteagudo, Ropolo; Izco, Maldonado, Rosaia; Ceccarelli, Sipos, Russini. A disposizione: Stancampiano, Borriello, Albertini, Pino, Pannarello, Cataldi, Provenzano, Biondi, Russo, Tropea. Allenatore: Baldini.

FOGGIA (4-3-3): Alastra; Garattoni, Sciacca, Di Pasquale, Martino; Garofalo, Petermann, Maselli; Tuzzo, Merkaj, Curcio. A disposizione: Volpe, Girasole, Di Jenno, Gallo, Rizzo Pinna, Ballarini, Alexis Ferrante. Allenatore: Zeman.

I convocati del Catania

PORTIERI: 32 Francesco Borriello, 1 Andrea Sala, 12 Giuseppe Stancampiano
DIFENSORI: 16 Alessandro Albertini, 26 Luca Calapai, 6 Luca Ercolani, 18 Juan Cruz Monteagudo, 34 Angelo Panarello, 2 Salvatore Simone Pino21 Paolo Ropolo
CENTROCAMPISTI: 10 Kevin Biondi, 23 Riccardo Cataldi, 13 Mariano Julio Izco, 4 Luis Alberto Maldonado Morocho, 5 Alessandro Provenzano, 8 Giacomo Rosaia
ATTACCANTI: 33 Gabriel Bianco, 11 Tommaso Ceccarelli, 20 Simone Russini, 31 Flavio Russo, 25 Leon Sipos, 17 Lorenzo Tropea

Le convocazioni del Foggia

PORTIERI: Alastra, Volpe, Dalmasso
DIFENSORI: Garattoni, Di Pasquale, Sciacca, Girasole, Di Jenno, Martino
CENTROCAMPISTI: Gallo, Garofalo, Rizzo Pinna, Maselli, Petermann, Ballarini
ATTACCANTI: Ferrante, Curcio, Merkaj, Tuzzo

Le dichiarazioni del tecnici alla vigilia

Baldini: “Stiamo bene, abbiamo vinto una partita di sofferenza, sapevamo che tipo di gara avremmo affrontato e i ragazzi, ancora una volta, hanno risposto mentalmente. Non avremo Moro, in Nazionale, Russotto, Zanchi e Claiton, squalificati, Piccolo, Pinto, Frisenna e Greco, infortunati: mancano in tanti ma sono assolutamente convinto che i ragazzi a disposizione faranno una grande prestazione, non mi spaventano le assenze e ho fiducia nella rosa. Giochiamo in casa e ormai abbiamo instaurato un legame importante con i nostri tifosi, non abbiamo nessuna voglia di rallentare sotto il punto di vista dell’impegno, della concentrazione e della cattiveria agonistica che sono nel nostro Dna; il nostro pubblico ci dà una grossa spinta e così questo legame, che ci ha fatto andare avanti in questo periodo e che vogliamo coltivare, ci rende più forti. Ropolo o Albertini? Il secondo ha più gamba in fase di spinta, il primo è un po’ più difensore: non ho intenzione di dare vantaggi all’avversario, tengo per me la risposta. Maldonado è pronto al rientro, ha riposato per presentarsi nelle migliori condizioni a questa partita ed è a disposizione. Il mio rapporto con Zeman quand’era mio allenatore? In quell’anno ero il capitano e il rammarico più grande è stato il suo esonero, perché secondo me era immeritato, fu deciso dopo una partita a Perugia in cui stavamo vincendo e poi arrivò il pareggio: Zeman è sicuramente un allenatore che non si può tenere per cinque partite appena, ha bisogno di tempo per lavorare; per me è un grande maestro, tante cose che ho imparato vengono dalla sua concezione di calcio e ho sempre pensato che fosse molto avanti nei tempi, ho rivisto le sue idee nella mentalità di Guardiola, dal pressing alto appena persa la palla a un certo tipo di lavoro in fase di possesso: Zeman ci ragionava 30 anni fa. Mi dispiace averlo avuto per poco tempo. Aneddoti? Sembrava e sembra molto burbero ma è simpaticissimo, sorride spesso. Sul piano calcistico, non ho mai sofferto durante un ritiro come con lui, quand’ero reduce dalla rottura di un crociato: come dimenticare i gradoni, quelle volte in cui si facevano dieci volte i mille e quel giorno in cui per punizione ci fece ripetere per un’ora e mezzo lo stesso movimento in campo… e poi ancora quando in allenamento non era contento, si mise sul pallone e non parlò per un’ora: noi fermi a cercar di capire senza far nulla e lui che non parlava, non sapevamo se andare via, infine riprese e ci spiegò, pretende sempre il 100% ed è un personaggio che ammiro. Ho sentito Piccolo e Pinto, si stanno curando e tra una decina di giorni, se la fisioterapia e le cure dovessero continuare ad andar bene, potranno essere a disposizione. Piccolo ha fatto un intervento al ginocchio e bisogna essere certi e concentrati prima di reinserirlo. Biondi da mezzala? Sì, ho detto tante volte che non ragiono sui primi undici ma su sedici giocatori per partita, i cambi sono fondamentali e non faccio distinzione tra chi gioca prima e chi scende in campo dopo, sono tutti titolari e Kevin è un jolly, posso schierarlo da mezzala e da esterno d’attacco. Moro? La soddisfazione di vederlo giocare in Nazionale, non solo per i suoi tanti meriti ma anche per i meriti della squadra che lavora per metterlo in condizione di sfruttare le occasioni, prevale sulla delusione per la mancata disponibilità in vista della gara di domani. Rosaia è uno dei giocatori cresciuti di più, dall’anno scorso, sia sul piano della consapevolezza, sia tecnicamente; l’anno scorso era un’alternativa e quest’anno si è ritagliato lo spazio da titolare ed è importante per dinamismo, corsa e tecnica, a me piacciono i centrocampisti che fanno gol, sta lavorando sugli inserimenti e sono contento per lui perché è un professionista di alto livello, come tutti in questo gruppo. Il nostro lavoro per isolarci è stato quello di far rotolare il pallone in mezzo al campo, la nostra professione viene scelta da piccoli per il gusto di giocare a calcio, non per guadagnare: la squadra ha valori sani e i calciatori amano il proprio mestiere, quando rotola il pallone, il gruppo pensa soltanto a quello, quindi il nostro lavoro è stato semplice anche nei momenti difficili in cui non si parlava d’altro se non di problemi societari, a me bastava far rotolare il pallone in mezzo al campo per vedere l’entusiasmo del bimbo che inizia a giocare al pallone, questo è l’entusiasmo dei ragazzi, poi è giusto coltivare i propri interessi ma a tutti noi brillano gli occhi, quando vediamo il pallone. Tropea è un ragazzo che ha molta gamba, cioè intensità, velocità e rapidità, può giocare a tutta fascia, da esterno e da terzino, e ha margini di crescita importanti; Panarello è un centrale difensivo che sta facendo benissimo in Primavera: la convocazione, per entrambi, è un giusto riconoscimento e sono molto contento di averli in gruppo”.

Zeman:Quattro punti in meno non sono positivi, ma vuol dire che dovremo fare di più. Spero di ritrovare la squadra di domenica scorsa, cercando di migliorare qualcosa. Abbiamo provato qualcosa in più in settimana, speriamo di metterla in pratica. Il Catania è una squadra esperta anche se hanno dei problemi in campo con giocatori squalificati e infortunati e poi anche a livello societario. Conoscendo Curcio non credo sia positivo togliergli la fascia da Capitano ma se la società pensa così va bene.. Dalmasso è per ora fuori dalla lista dei 24 giocatori e può subentrare solo se uno dei due portieri si infortuna. Il ragazzo ha fatto progressi e potrebbe essere a disposizione se dovesse servire. Rocca continua ad avere problemi che non riesce a risolvere speriamo che con il riposo possa guarire prima”.

La presentazione del match

CATANIA – Domenica 14 novembre 2021, alle ore 15, allo Stadio “Angelo Massimino”, si giocherà Catania – Foggia, match valido per la quattordicesima giornata del Girone C della Serie C. Di seguito la cronaca con commento in tempo reale della partita e le scelte dei due allenatori. In settimana, nel recupero della quinta giornata, i padroni di casa hanno vinto di misura contro la Vibonese grazie alla rete messa a segno da Russini al 6′ e ora sono noni in classifica con 19 punti, frutto di 5 successi, 4 pareggi e 4 sconfitte; 23 gol fatti e 21 subiti. Subito dietro troviamo gli ospiti, guidati da Zeman, a pari merito con Juve Stabia e Paganese,  a quota 17 punti, con un percorso di 5 partite vinte, 6 pareggiate e 2 persa e con 19 reti realizzate e 12 incassate; sono reduci dalla vittoria casalinga contro la Paganese con un 3-0 firmata Ferrante e Curcio, autore di una doppietta. Tra le mura amiche il Catania ha ottenuto 10 punti frutto di 3 vittorie, un pareggio e 2 sconfitte con 12 reti fatte e 10 subite; lontano dallo Zaccheria il Foggia ha portato a casa 7 punti frutto di una vittoria, 4 pareggi e una sconfitta con sei reti realizzate e sei subite. Nella scorsa stagione i Satanelli  eliminarono i siciliani al primo turno dei playoff  battendoli con un severo 1-3; si vendicarono così del 2-1 patito al Massimino nella regular season. A dirigere il match sarà Filippo Giaccaglia, della sezione A.I.A. di Jesi, coadiuvato dagli assistenti Antonio Piedipalumbo di Torre Annunziata e Giuseppe Luca Lisi di Firenze; quarto ufficiale Mattia Ubaldi della sezione Roma 1.

QUI CATANIA – Nel Catania mancheranno Moro, convocato nella Nazionale Under 20, Zanchi, squalificato per due torni dopo il rosso diretto rimediato contro il Campobasso, Russotto e Claiton, anch’essi squalificati. Probabile modulo 4-3-3 con Sala in porta, coadiuvato nel pacchetto arretrato da Calapai, Ercolani, Monteagudo e Ropolo. A centrocampo Rosaia, Maldonado e Provenzano a supporto dei tre attaccanti:  Russini, Sipos e Russotto.

QUI FOGGIA – La formazione allenata dal boemo Zeman potrebbe adottare modulo 4-3-3 standard, con Alastra in porta e Garattoni, Sciacca, Girasole e Martino schierati in difesa. A centrocampo potremmo trovare dal 1′ Maselli, Gallo e Peter alle spalle del tridente d’attacco formato da Tuzzo, Ferrante e Curcio.

Le probabili formazioni di Catania – Foggia

CATANIA (4-3-3): Sala; Calapai, Ercolani, Monteagudo, Ropolo; Rosaia, Maldonado, Provenzano; Russini, Sipos, Russotto. Allenatore: Baldini.

FOGGIA (4-3-3): Alastra; Garattoni, Sciacca, Girasole, Martino; Gallo, Petermann, Maselli; Tuzzo, Ferrante, Curcio. Allenatore: Zeman.

Dove vederla in TV e in streaming

L’incontro Catania – Foggia, valido per la quattordicesima giornata del Girone C di Serie C, verrà trasmesso in diretta su Eleven Sports: potrà essere seguita previa sottoscrizione di un abbonamento, mensile o stagionale a seconda del pacchetto scelto, che consente la visione di tutte le partite del campionato di Serie C. La gara sarà visibile anche su Sky Sport (canale 251 satellite) e in streaming su Sky Go.

Articoli correlati