Catania: la formazione “anti-Atalanta”

CATANIA Archiviata con sofferenza e rammarico la pratica Napoli è già tempo di pensare all’imminente turno infrasettimanale. Al Catania mancherà per la seconda volta Alvarez e ribadiamo per la seconda volta in quanto, contro il Napoli, la sua “prestazione” ha avuto la durata record di un minuto, secondo più secondo meno.

La squadra di Maran ritorna al Cibali dalla vicina Torre del Grifo per scontrarsi con una provinciale terribile: la bergamasca Atalanta, reduce da una stagione di grande spessore e di una buona partenza nel torneo da poco iniziato.

É logico attendersi, facendo tutti gli scongiuri del caso, una partita nettamente diversa da quella necessariamente difensiva disputata contro gli azzurri di Mazzarri. Se dovessimo seguire la logica,  il Catania vicino a strappare i tre punti ad una squadra sulla carta più forte ed in superiorità numerica da inizio gara (o quasi) dovrebbe avere tutti i numeri per sovrastare la meno temibile Atalanta. Ma nel calcio la logica non è quasi mai di casa, per cui ci sarà ancora da soffrire tanto più che, a differenza delle “grandi”, buona parte delle squadre di metà o bassa classifica prestano, soprattutto in trasferta, molta più attenzione alla fase difensiva che a quella propositiva.

Ma veniamo al dunque, cioè alla nostra proposta di formazione da schierare sul “green”  del Massimino. Per amor di coerenza non cambiamo la scelta proposta nel precedente “undici” e riproponiamo Frison al centro dei pali. E chissà se prima o poi…. (come diceva un cantante dei miei tempi), Maran condivida la nostra scelta. Beninteso, nessuna bocciatura per Andujar ma piuttosto una dimostrazione di fiducia nel “nuovo che avanza”.

La forzata defezione di Alvarez ci toglie l’assillo di doverlo schierare in mancanza di alternative valide. A nostro modestissimo parere, le prestazioni sin qui fornite dall’argentino ci indurrebbero a schierare Potenza nel suo ruolo. Per intenderci, meno smancerie e più concretezza. Tuttavia, la buona prova di Bellusci lo promuove titolare della fascia destra a far compagnia agli inossidabili Spolli e Legrottaglie ed al redivivo Giovanni Marchese che vorremmo vedere più dinamico lungo la corsia di sinistra.

Le nostre proposte per la zona centrale del campo non cambiano di una virgola rispetto al nostro undici anti-Napoli. Per cui spazio dal primo minuto all’energia di Izco, alla precisione a fasi alterne di Lodi ed all’intelligenza tattica del saggio Almiron.

Per aggredire la “Dea”  ci affidiamo al solito trio sudamericano. Rimettiamo in panca Castro per dare a Barrientos la possibilità di mettere in mostra le sue grandi qualità. Irrinunciabili appaiono, visti i rispettivi momenti di forma, le prestazioni di Bergessio e Gomez , ansiosi di ritrovare al più presto la via della rete.

Riassumendo, ecco l’undici anti-Atalanta versione Mondocatania.com:

Catania (4-3-3) Frison s.v., Bellusci 6.5, Legrottaglie 7, Spolli 7, Marchese 6.5, Izco 6, Lodi 6.5, Almiron 6, Barrientos 6, Bergessio 7, Gomez 7

A disposizione: Andujar 6.5, Messina s.v., Capuano s.v., Potenza s.v., Rolin s.v., Salifu s.v., Biagianti 5, Sciacca s.v., Ricchiuti s.v., Castro 6, Doukara s.v., Morimoto s.v.

[Angelo D. Giuffrida – Fonte: www.mondocatania.com]