Fifa: annunciato “L’Occhio di falco” al Mondiale per Club

Basta con le polemiche infinite sulla rete di Muntari in Milan-Juve dello scorso campionato, inizio della marcia trionfale dei bianconeri e del declino della squadra di Allegri; stop alle lamentele degli inglesi per il gol annullato a Lampard contro la Germania ai Mondiali in Sudafrica, fine con i mille altri episodi che fanno discutere i tifosi. Da oggi, oltre agli arbitri d’area, sono a disposizione le tecnologie «infallibili» che la Fifa ha ufficialmente adottato, l’occhio di falco («Hawk-Eye») e GoalRef. L’esordio dei due sistemi è previsto in occasione del Mondiale per club in programma a dicembre in Giappone. Secondo quanto riporta l’edizione odierna de Il Mattino: “La Federazione internazionale ha firmato ieri l’accordo con le due società che hanno inventato i sistemi, una inglese e una danese, per autorizzarle a installarli «in tutto il mondo» e, nell’annunciarlo, lo definisce una «pietra miliare».

La firma completa un percorso avviato un anno fa, dedicato soprattutto alla individuazione e alla valutazione delle tecnologie che diano la massima affidabilità. A emergere sono stati due sistemi, l’Hawk Eye e GoalRef, basato il primo sull’impiego di videocamere e il secondo su quello dei campi magnetici. Il costo della loro installazione va da 150 a 250mila dollari a stadio, ma prima di essere impiegati per partite ufficiali in un impianto dovranno essere sottoposti a test approfonditi e ad un’ispezione finale condotta da un istituto indipendente. L’appuntamento per il debutto è a dicembre in occasione del Mondiale per club, dove telecamere e antennine – verranno usati entrambi i sistemi per valutare quale adottare nella Confederation Cup e ai Mondiali 2014 – dovrebbero garantire incontri a prova di errore sulla linea di porta.

Tale esordio sarà però anche occasione per entrare nel merito di una disputa filosofica che divide la Fifa dalla Uefa. Il boss del calcio mondiale, Sepp Blatter, è convinto assertore dell’aiuto tecnologico per evitare i gol fantasma e contrario all’introduzione dei cinque arbitri, posizione esattamente opposta a quella di Michel Platini, capo della federazione europea. Blatter ha voluto che le gare di qualificazione al Mondiale si svolgano con il sistema tradizionale di un arbitro centrale, due assistenti ed il quarto uomo, evitando di adottare il sistema dei cinque arbitri in campo approvato dall’International Board e già abbracciato dall’Uefa e dalla Federcalcio in Italia. Sui campi di calcio, si prospetta uno scenario di uomo contro macchina. Ora si discuterà e si polemizzerà su questo, e non più sul gol fantasma”.

[Redazione Tutto Napoli – Fonte: www.tuttonapoli.net]