Inter – Cagliari 4-0: poker ai sardi e primo posto in classifica

2791

Inter Cagliari cronaca diretta live risultato in tempo reale

La partita Inter – Cagliari del 12 dicembre 2021 in diretta: serata tranquilla per la squadra di Inzaghi che ha condotto dal 1° il match mettendolo in cassaforte a inizio ripresa. Ben 11 interventi di Cragno a evitare un passivo anche più pesante

MILANO – Domenica 12 dicembre, alle ore 20.45,  allo Stadio “Giuseppe Meazza”, andrà in scena Inter – Cagliari, gara valida per la diciassettesima giornata del campionato di Serie A 2021/2022. Una sfida tra due squadre dallo stato d’animo diametralmente opposto che si è conclusa con il netto successo nei nerazzurri, mai in discussione questa sera.

SOMMARIO

  1. Cronaca della partita
  2. Convocati del Cagliari
  3. Dichiarazioni di Mazzarri
  4. L’arbitro di Inter – Cagliari
  5. La presentazione del match
  6. Le probabili formazioni
  7. Curiosità
  8. Dove vederla in tv e in streaming

Cronaca con commento in tempo reale

[AGGIORNARE LA DIRETTA]

RISULTATO FINALE: INTER - CAGLIARI 4-0

SECONDO TEMPO

45' senza recupero si chiude la partita tra Inter e Cagliari. Perentorio 4-0 e gare mai in discussione con i nerazzurri che hanno concluso ben 24 volte costringendo Cragno a 11 interventi alcuni davvero molto complicati. Le reti portano la firma di Sanchez, Calhanoglu e doppietta di Lautaro che però ha anche fallito un rigore. Questo risultato consente alla squadra di Inzaghi di salire in vetta solitaria con 40 punti quindi Milan 39, Atalanta 37 e Napoli addirittura ora quarto con 36 punti. Vi ringraziamo per aver scelto i live di Calciomagazine e appuntamenti alle prossime partite

43' possesso palla dell'Inter che aspetta solo il 90esimo

40' traversa di Sanchez su bella girata dal primo palo! Nell'occasione sponda di Zanotti dalla destra

37' lascia il campo Perisic ed esordio in Serie A per Zanotti

37' fuori Deiola per Oliva mentre Obert per Carboni

34' giocata molto bella di Barella che trova sulla conclusione un altro straordinario intervento in angolo e sugli sviluppi altro salvataggio importante sulla conclusione da due passi di Skriniar!

31' giallo per Deiola entrato fuori tempo su Bastoni

30' entra Sensi per Calhanoglu, tra i migliori in campo

29' scontro di gioco tra de Vrij e Pavoletti che è caduto male ma per fortuna nessun problema per lui

27' tre cambi per l'Inter: fuori Dumfries per Dimarco, Vidal entra per Brozovic e Satriano per Lautaro

25' cambi nel Cagliari: dentro Zappa e Pavoletti per Caceres e Keita

23' LAUTARO!!! 4-0 INTER! Conclusione sotto porta di interno destro su lancio di Barella millimetrico in area dopo un controllo con la spalla, sfera alla destra di Cragno. Il VAR conferma la regolarità dell'azione

21' FANTASTICO CALHANOGLU!!! TRIS DELL'INTER! Forza e precisione per il suo sesto gol stagionale per il Turco che si accentra al limite dell'area e conclusione di destro sotto l'incrocio dei pali alla sinistra di Cragno

20' lancio in verticale un pò frettoloso di Brozovic per Lautaro, intervento di testa della difesa in alleggerimento su Cragno

17' lungo lancio da centrocampo di Sanchez per Lautaro ma è impreciso, dall'altra parte si alza la bandierina dell'offside per Joao Pedro

15' assist di Lautaro per Sanchez che davanti a Cragno conclude alla sua sinistra ma ci mette i pugni e salva ancora la porta!

13' primo cambio per Mazzarri: fuori Grassi per Lykogiannis

12' Barella fa una grande giocata in area per Brozovic che invece di tirare da due passi opta per un assist intercettato

9' verticalizzazione di Skriniar per lo scatto in area di Dumfries che si fa respingere la conclusione in angolo da un ottimo Cragno! Sul corner nulla di fatto

5' SANCHEZZ!!! 2-0 INTER!!! Bella giocata di Barella che riceve una rimessa laterale la tocca e crossa dal fondo con il destro per il compagno volée a centro area molto bello con sfera alla destra di Cragno

4' primi movimenti sulla panchina nerazzurra con Vidal a bordo campo che potrebbe essere il primo a entrare

2' giocata molto bella in area in mezzo a due avversari quindi non riesce a chiuderla di destro e finisce per farsi rimontare

calcio d'avvio battuto questa volta dall'Inter, nessun cambio nell'intervallo

squadre nuovamente in campo per il secondo tempo, prepariamoci a gustarci le emozioni del match

PRIMO TEMPO

45' si chiude qui il primo tempo del match senza recupero. Buon primo tempo della squadra di Inzaghi che ha provato ad attaccare fin dai primissimi minuti. Tante occasioni gol create e un paio di interventi molto difficili per Cragno che non può nulla al 29' sul vantaggio di Lautaro ma che si riscatta allo scadere parandogli il rigore. Pausa per noi, ci rivediamo fra pochi minuti per seguire il secondo tempo

45' sulla punizione di Calhanoglu doppia occasione Inter: la prima arriva sui piedi di Brozovic di collo pieno un pò centrale, ci mette i pugni Cragno e qualche istante dopo Sanchez in diagonale da posizione leggermente defilata in area, rasoterra di un soffio a lato!

44' sul dischetto Lautaro conclusione PARATA da CRAGNO!!! Destro rasoterra ma un pò centrale, respinta in presa bassa del portiere e tap in di Calhanoglu alto da due passi!

43' RIGORE PER L'INTER! Palla recuperata da Sanchez e imbucata per Dumfries che in area prova ad aggirare il portiere ma viene travolto. Giallo per lui

42' giocata di Sanchez in area per Dumfries, scatto sul corto e cross forte per Lautaro che non arriva sul pallone e fallo in attacco di Perisic

41' prodigioso intervento di Cragno su Sanchez! Uscita bassa sul 7 nerazzurro che calcia con il mancino da due passi

39' cross morbido dal fondo di Sanchez, non ci arriva Perisic sul secondo palo

34' Deiola vede a sinistra Joao Pedro, cross basso e palla che attraversa l'area senza trovare Grassi in ritardo

33' intervento di foga per Lautaro su Dalbert e l'arbitro gli sventola in faccia il giallo

30' destro di Deiola dal limite dell'area troppo centrale, blocca senza problemi Handanovic

29' LAUTARO MARTINEZZZ!!! 1-0 INTER!! Corner dalla destra di Calhanoglu sul primo palo dove l'attaccante anticipa di testa Joao Pedro e fulmina Cragno sul suo palo. Il portiere di riflesso ha provato a deviarla ma era già dentro il sacco

28' cross dalla destra con Joao Pedro che si vede murare il colpo di testa a centroarea, dall'altra parte Lautaro mette forte dal fondo per Sanchez, sulla traiettoria Godin ad alleggerire sul fondo

27' bel duello tra Caceres e Bastoni che con esperienza conquista una angolo dalla sinistra d'attacco, provano Skriniar e de Vrij ad andare sul primo palo e quest'ultimo sbilanciato colpisce alto

25' ci prova dalla distanza Marin ma non inquadra lo specchio della porta

22' corner non sfruttato dall'Inter ma ripartenza del Cagliari che viene spenta sul nascere

20' su contrasto vinto da Skriniar su Joao Pedro ripartenza di Dumfries, cross basso in area di Lautaro per Sanchez e conclusione in corsa alta di Calhanoglu dal limite dell'area

18' imbucata di Brozovic per Lautaro, sponda per Sanchez ma conclusione rimpallata

16' bello spunto di Marin sulla propria trequarti, intervento falloso di Dumfries

15' palla a Perisic che in area si vede rimpallare sul fondo il cross da Caceres

13' conclusione debole in area con il mancino rasoterra di Lautaro, presa comoda per Cragno

12' bolide un pò centrale da fuori area per Skriniar che si era spinto avanti, ci mette i pugni Cragno, intervento non banale!

11' guadagna metri la squadra di Inzaghi, tutta rintanata nella propria trequarti quella di Mazzarri

8' cross di Bastoni deviato in angolo da Caceres: sugli sviluppi allontana Cragno con un pugno. Al limite dell'area calcia ancora Barella, rasoterra bloccato senza problemi

7' non si chiude uno scambio sulla sinistra, troppo corto il passaggio di Perisic

4' dall'altra parte buona azione del Cagliari con Deiola a destra innescato di prima da Keita, conclusione potente in diagonale da due passi in posizione defilata che trova attento Handanovic con i pugni!

3' chiusura di Dalbert su Sanchez per il primo angolo conquistato dalla squadra di Inzaghi. Transizione da Calhanoglu a Sanchez per Barella questa volta sceglie con il destro l'altro angolo, palla alta

2' ci prova Barella quasi dal limite dell'area con il destro, non riesce a colpirla di collo pieno e sfera larga

2' primo possesso palla per l'Inter che prova un lancio in area Brozovic per Sanchez anticipato dalla difesa

Partiti! Calcio d'avvio battuto dal Cagliari in maglia a sfondo bianco, Inter nella classica nerazzurra

Squadre in campo, tutto pronto all'inizio del match!

Inzaghi ritrova il trio difensivo titolare con il recupero di de Vrij mentre in avanti spazio a Correa con Lautaro, panchina per Dzeko

Calhanoglu premiato a bordo campo come miglior giocatore del mese di novembre, siamo pronti a vedere le squadre in campo

Cari lettori di Calciomagazine, chiudiamo una grande giornata di calcio con la sfida tra Inter e Cagliari. Dalle 20.45 fischio iniziale e cronaca diretta del match.

TABELLINO

INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 37 Skriniar, 6 De Vrij, 95 Bastoni; 2 Dumfries (dal 27' st 32 Dimarco), 23 Barella, 77 Brozovic (dal 27' st 22 Vidal,), 20 Calhanoglu (dal 30' st 12 Sensi), 14 Perisic (dal 37' st 46 Zanotti); 10 Lautaro (dal 27' st 48 Satriano), 7 Sanchez. A disposizione: 97 Radu, 5 Gagliardini, 8 Vecino, 9 Dzeko, 11 Kolarov, 13 Ranocchia, 33 D’Ambrosio. Allenatore: Simone Inzaghi.

CAGLIARI (3-5-2): 28 Cragno; 4 Caceres (dal 25' st 25 Zappa), 2 Godin, 44 Carboni (dal 37' st 33 Obert); 12 Bellanova, 27 Grassi (dal 13' st 22 Lykogiannis), 8 Marin, 14 Deiola (dla 37' st 21 Oliva), 29 Dalbert; 10 Joao Pedro, 9 Keita (dal 25' st 30 Pavoletti). A disposizione: 1 Aresti, 31 Radunovic, 15 Altare, 20 Pereiro, 32 Ceter. Allenatore: Walter Mazzarri.

Reti: al 29' pt Laturaro Martinez, al 5' st Sanchez, al 21' st Calhanoglu, al 23' st Lautaro

Ammonizioni: Lautaro, Cragno, Lautaro, Deiola

Recupero: nessuno sul primo tempo e nella ripresa

NOTA: Cragno ha causato un gol, Lautaro si è fatto parare un rigore da Cragno

I convocati del Cagliari

Portieri: Aresti, Cragno, Radunovic.

Difensori: Altare, Bellanova, Caceres, Godin, Carboni, Ceppitelli, Dalbert, Lykogiannis, Obert, Zappa.

Centrocampisti: Deiola, Grassi, Marin, Oliva.

Attaccanti: João Pedro, Keita Baldé, Pavoletti, Pereiro, Ceter.

Le dichiarazioni di Mazzarri alla vigilia

“Al di là di chi gioca, penso che la squadra abbia cambiato atteggiamento a livello collettivo. Stiamo imparando a rimanere alti più possibile, arretrando solo quando l’avversario ci costringe. Difendiamo da squadra e ci muoviamo più compatti, stiamo trovando sicuramente dei meccanismi e consolidando alcune certezze. Non voglio parlare di moduli, di titolari o altro, ciò che conta sarà l’attenzione che avremo nelle varie situazioni, soprattutto quelle dove dobbiamo migliorare come quando abbiamo la palla tra i piedi, siamo in uscita e serve qualità, a maggior ragione contro avversari forti come l’Inter. Fare tabelle, parlare di punti previsti e scenari futuri non ha senso. Personalmente guardo alla partita che c’è dietro l’angolo, che è sempre la più importante, da affrontare al massimo e come un match decisivo. Il percorso si vede e si valuta mentre lo si compie, non ho mai fatto calcoli, non lo faccio ora che la classifica è deficitaria così come non mi piacevano quando la situazione delle mie squadre era più serena. Nel calcio di oggi occorre stare bene fisicamente, altrimenti non puoi far vedere il tuo valore tecnico, né l’esperienza o altri fattori chiave. Se si riesce a lavorare in un certo modo poi le prestazioni arrivano, penso a Grassi che è cresciuto tanto e si sta rivelando importante perché è un incontrista che sa anche costruire. Poi c’è il discorso di Godin, che purtroppo è stato fermo dieci giorni e chiaramente ora ha bisogno di tempo per ritrovare il ritmo che gli permetta di fare ciò di cui è storicamente in grado. Dalbert? Ha qualità e corsa, può fare l’esterno come la mezzala, poi dipende dall’avversario, dal piano-partita, dalla formazione globale e dal modo in cui possono sposarsi i vari interpreti, la sua duttilità è qualcosa che può aiutarci parecchio, sicuramente un aspetto cruciale è la condizione che ancora non è al top- Domani saremo senza Nandez, un giocatore di alto livello, sicuramente un’ assenza che pesa ma chi lo sostituirà saprà e dovrà essere all’altezza. Nahitan ti dà rapidità, imprevedibilità, strappi, magari avremo meno inventiva ma più raziocinio, come sempre starà al gruppo fare la prestazione per ottenere il risultato”. Spazio anche al tema Keita: “Contro il Torino aveva un cliente ostico come Bremer, si è sacrificato tanto guadagnando falli preziosi. A differenza di Joao Pedro e altri compagni, non ha potuto lavorare dall’inizio con continuità, è normale avere un po’ di cali tra una partita e l’altra e all’interno della stessa gara, ma direi che là davanti è una risorsa preziosa che sta facendo sia da terminale offensivo che da raccordo. Questa squadra è stata martoriata dagli infortuni, quando devi recuperare da uno stop più o meno lungo fai fatica a giocare partite ravvicinate, il minutaggio è forzatamente ridotto, ti trovi in situazioni complicate un po’ come quando sei a inizio stagione in piena preparazione. Abbiamo pagato dazio, ora ci alleniamo meglio, con più continuità a livello di rosa, gli errori sono stati più di attenzione, di dettaglio. Stiamo progredendo, nelle ultime quattro gare abbiamo fatto punti, solo a Verona non abbiamo segnato, contro una squadra che fa tantissimi gol. Noi dobbiamo segnare una rete più degli altri, così si vincono le partite e si muovono passi decisi verso l’obiettivo. I giocatori dell’Inter sono bravissimi nel palleggio e in ogni reparto. Dovremo lasciare tutto sul campo, cercando intensità e applicazione con e senza palla. Difficile dire quanto riusciremo a pressare alti, dipenderà anche dall’avversario, noi dovremo essere bravi nelle fasi di transizione, attiva e passiva. Dobbiamo maturare, evitando errori banali che sin qui ci sono costati cari. L’Inter non ha bisogno di presentazioni, servirà muovere palla rapidamente, far correre anche loro ogni tanto, il più possibile, togliendo qualche certezza. Ecco perché dico che bisogna migliorare tecnicamente per creare problemi all’avversario di turno”.

Chi è l’arbitro di Inter – Cagliari?

Sarà Matteo Marchetti, della sezione di Ostia Lido, l’arbitro del match. Marchetti avrà come assistenti Scatragli e Della Croce. Il Quarto Uomo sarà Minelli. VAR dell’incontro Pairetto, con Ranghetti Assistente VAR. Per il fischietto romano si tratterà della quinta direzione in Serie A, la prima con l’Inter; un precedente per il Cagliari, con vittoria dei sardi sulla Sampdoria.

La presentazione del match

I nerazzurri vengono dal deciso successo per 0-3 all’Olimpico contro la Roma, che complice la sconfitta al “Maradona” del Napoli contro l’Atalanta, ha permesso loro di effettuare il sorpasso sui partenopei: ora sono secondi, a-1 dalla capolista Napoli e a +1 dalla squadra di Spalletti, con 37 punti, frutto di undici vittorie, quattro pareggi e una sconfitta. Miglior attacco del campionato e seconda miglior difesa, la formazione di Inzaghi ha segnato 39 gol e ne ha subiti 15. In settimana la sconfitta per 2-0 rimediata sul campo del Real Madrid non ha influito sulla qualificazione agli ottavi di finale della Champions League. Dall’altra parte ci sono i rossoblù, reduci dal pareggio casalingo per 1-1 contro il Torino e penultimi, a pari merito con il Genoa, a quota 10 punti con un cammino di una partita vinta, sette pareggiate e otto perse e con 19 reti realizzate e 30 incassate. Sono 82 i precedenti tra le due compagini con il bilancio di 39 vittorie dell’Inter,  28 pareggi e 14 affermazioni del Cagliari. L’Inter ha vinto sette delle ultime nove sfide contro il Cagliari in Serie A, segnando 2.4 reti di media nel periodo. I nerazzurri hanno mancato l’appuntamento con il gol solo una volta nelle ultime 38 sfide di Serie A contro il Cagliari (0-2 nell’aprile 2013).Sono 41 i precedenti tra queste due squadre al Meazza: 24 successi nerazzurri, sette per il Cagliari (10 i pareggi). Il Cagliari ha vinto solo due delle ultime 20 trasferte di Serie A in casa dell’Inter. Tra le avversarie contro cui l’Inter ha sempre segnato in casa nell’era dei tre punti a vittoria, quella sarda è la squadra che i nerazzurri hanno affrontato più volte nel periodo (21): l’ultimo clean sheet esterno del Cagliari contro i nerazzurri risale al marzo 1992.Nela passata stagione i padroni di casa, all’epoca allenati da Antonio Conte, si imposero di misura grazie al gol di Darmian.

QUI INTER – Simone Inzaghi potrebbe ritrovare De Vrij. Mancherà sicuramente Correa: l’esame cui si é sottoposto nei giorni scorsi ha, infatti, evidenziato una distrazione muscolare ai flessori della coscia sinistra. Probabile modulo 3-5-2 con Handanovic tra i pali e difesa composta da Skriniar, De Vrij e Bastoni. In cabina di regia Brozovic con Barella e Calhanoglu; sulle fasce D’Ambrosio e Perisic. Tandem di attacco composto da Lautaro Martinez e Sanchez.

QUI CAGLIARI – La formazione sarda potrebbe scendere in campo con un modulo speculare con  Cragno tra i pali e Caceres, Godin e Carboni in posizione arretrata. A centrocampo dovremmo trovare dal 1′ minuto Bellanova, Deiola, Grassi, Marin e Lykogiannis, alle spalle della coppia d’attacco composta da Joao Pedro e Keita.

Le probabili formazioni di Inter – Cagliari

INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; D’Ambrosio, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Perisic; Sanchez, Lautaro Martinez. Allenatore: Simone Inzaghi.

CAGLIARI (3-5-2): Cragno; Caceres, Godin, Carboni; Bellanova, Deiola, Marin, Grassi, Lykogiannis; Keita Balde, Joao Pedro. Allenatore: Mazzarri.

Curiosità

La prima rete di Lautaro Martínez in Serie A è stata proprio contro il Cagliari nel settembre 2018; l’attaccante dell’Inter ha segnato quattro gol in sei sfide contro i sardi nel massimo campionato italiano, contro nessuna squadra ha fatto meglio. Lautaro Martínez è andato a segno nelle sue ultime tre presenze in Serie A e potrebbe trovare il gol in quattro gare consecutive in una singola stagione per la prima volta nella competizione. Alexis Sánchez ha preso parte a cinque gol in Serie A contro il Cagliari (tre reti, due assist) – solo contro il Torino (un centro, cinque assist) ha fatto meglio nella competizione. Ex della sfida, tra Serie A e Serie B Nicolò Barella ha disputato 105 gare, realizzando sette gol, con la maglia del Cagliari. Un passato in Sardegna anche per Matías Vecino, che con la maglia del Cagliari ha giocato nove partite di Serie A trovando anche le sue prime due reti nel massimo campionato. Ivan Perisic ha siglato la seconda delle sue tre marcature multiple in Serie A contro il Cagliari, una doppietta nel marzo 2017 al Sant’Elia (match terminato 1-5). Edin Dzeko è stato coinvolto in quattro gol nelle sue sette gare di Serie A contro il Cagliari (2 centri, 2 assist), tra cui una rete nella sua sfida più recente contro i sardi, nel dicembre 2020 allo stadio Olimpico. La prossima sarà la 250ª presenza per Matteo Darmian nei cinque grandi campionati europei.

Dove vederla in TV ed in streaming

L’incontro Inter – Cagliari, valido per la diciassettesima giornata della fase a gironi della Champions League 2021/2022, verrà trasmesso in diretta e in esclusivo su DAZN. Sarà visibile per i suoi utenti anche sulle smart tv di ultima generazione compatibili con la app, e, sempre grazie all’applicazione, su tutti i televisori collegati ad una console PlayStation 4/5 o Xbox (One, One S, One X, Series X, Series S), al TIMVISION BOX oppure ad un dispositivo Google Chromecast o Amazon Fire TV Stick.

Articoli correlati