Italia – Svizzera 1-1: Jorginho fallisce il match point allo scadere

3719

Italia Svizzera cronaca diretta live risultato tempo reale

La partita Italia – Svizzera del 12 novembre 2021 in diretta: avvio shock degli Azzurri subito sotto per il gol di Widmer ma capaci di raddrizzare prima dell’intervallo con Di Lorenzo. Dal dischetto calciato alto il pallone che poteva regalare quasi l’aritmetico primo posto nel girone

La cronaca con commento minuto per minuto

RISULTATO FINALE: ITALIA - SVIZZERA 1-1

SECONDO TEMPO

49' è finita! Fatale l'errore dal dischetto di Jorginho a un minuto dalla fine. Il giocatore ha calciato alto il rigore che poteva segnare il quasi aritimetico passaggio di turno per l'Italia. Adesso con la parità di punti si andrà a vedere la differenza reti con gli svizzeri che avranno un ultimo turno più agevole sulla carta. Qualora anche la differenza gol dovesse risultati in parità sarebbe la Svizzera a qualificarsi direttamente per un gol in più fatto in trasferta nello scontro diretto. Resteremo a vedere come andrà a finire. Seguiremo live entrambi gli incontri in programma lunedì per adesso vi ringraziamo per l'attenzione e appuntamento ai prossimi live

48' gioco fermo, crampi per Zakarias

47' intervento da brividi in area di Donnarumma che si fa soffiar palla da Zacarias ma quasi sulla linea salva Bonucci!

46' cross di Berardi per la sponda sul secondo palo per Calabria e sfera bloccata senza problemi da Sommer

45' 4 minuti di recupero

44' sul dischetto c'è Jorginho palla FUORI!!! Incredibile errore dal dischetto, palla calciata centralmente e alta!

42' intervento di Garcia in area, braccio destro sulla spalla su Berardi che si lascia un pò cadere ma c'è un check del VAR. L'arbitro va a rivedere l'intervento. ATTENZIONE c'è il RIGORE!!! Giallo per Garcia

41' ingresso di Zeqiri per Vargas

41' si alza la bandierina per un fuorigioco di rientro di Raspadori

39' scarico di Berardi sul destro di Chiesa appena dentro l'area ma alza la mira

38' fermato in netta posizione di offside di Vargas

36' giallo anche per Akanji, punito un tocco con un braccio su giocata tentata da Berardi

34' nell'Italia invece spazio a Calabria per Emerson e Raspadori per Insigne

34' dentro Frei per Okafor e Sow per Shaqiri

32' trattenuta vistosa di Shar su Chiesa e giallo inevitabile: batte Insigne per Chiesa chiuso in angolo e sugli sviluppi murata una conclusione da fuoriarea di Berardi. Buon momento per gli Azzurri

31' sull'asse Tonali - Emerson si confeziona un nuovo tiro dalla bandierina: sugli sviluppi calcia Insigne e il suo rasoterrra viene respinto da Sommer con il piede di richiamo. Intervento difficile perchè era coperto e c'era stata una vistosa deviazione di un difensore

29' fallo in attacco di Cristante su Zakarias, può rifiatare la difesa ospite

27' inserimento di Cristante che trova la deviazione sul fondo di Akanji: palla sul secondo palo per Tonali ma colpo di testa sul fondo

26' filtrante di Insigne per il taglio in area di Tonali ma conclusione rasoterra debole sul primo palo bloccata da Sommer

25' anticipo di Widmer in area su Chiesa con Sommer bravo di piedi ad anticiparlo e ad allontanare

24' nell'Italia invece Cristante per Barella

23' in campo Garcia per Rodriguez infortunato, c'è anche Imeri per Steffen

22' palla di Chiesa per Emerson in area ma il suo mancino di collo è impreciso

21' bello spunto di Berardi che entra in area quindi sterza su Zakarias che sbaglia l'intervento ma sul cross la difesa si rifugia in angolo e nulla di fatto sui suoi sviluppi

21' apertura di Akanj per Rodriguez che non raggiunge la sfera, possibile problema muscolare per lui

18' fallo di Acerbi su Steffen in ritardo

17' apertura leggermente corta di Okafor per Widmer, buon intervento in scivolata a intercettare di Bonucci

15' possesso palla quasi al 60% per l'Italia, a bordo campo si scalda sia Pessina che Cristante

14' lancio di Berardi, cambio di gioco su Insigne anticipato in angolo da Widmer: traversone troppo lungo dalla bandierina per Tonali che non riesce a impattare sulla sfera

13' dentro Berardi e Tonali per Belotti e Locatelli

12' possesso palla degli ospiti che questa volta senza fretta provano a trovare un pertugio giusto ma il lancio di Wargas viene intercettato da Di Lorenzo

11' buon break di Locatelli che poi fallisce l'apertura su Insigne favorendo il ripiegamento di Widmer

10' lungo lancio di Di Lorenzo per Chiesa che invano si sforza di tenere il pallone in campo, pronti dei cambi

9' destro fuori misura da fuoriarea di Zakaria, rimessa dal fondo per Donnarumma

6' buona diagonale difensiva di Rodriguez in area a chiudere il varco a Belotti in leggero ritardo

5' anticipo di Steffen su Barella e Svizzera che guadagna una rimessa laterale

2' filtrante in area di Shaqiri su Okafor, cross rimpallato da Bonucci che aveva il braccio attaccato al corpo e qualche protesta degli svizzeri, il VAR conferma la decisione arbitrale

1' tackle un pò pericoloso di Insigne su Steffen, giallo per il giocatore

calcio d'avvio battuto dalla Svizzera, nessun cambio nell'intervallo

rientrano in campo Italia e Svizzera, al momento le due squadre sono a pari punti in classifica 

PRIMO TEMPO

47' si chiude il primo tempo tra Italia e Svizzera. 1-1 all'intervallo. Dopo un buon avvio degli ospiti che sono passati dopo appena 11 minuti con Widmer, gli azzurri prendono prima il controllo del gioco quindi trovano la palla in attiva ben studiata che porta alla rete del pari con Di Lorenzo. Molto vivaci tra gli ospiti Okafor e Vargas molto mobili sul fronte offensivo. Vi aspettiamo fra pochi istanti per seguire il secondo tempo

46' intervento a gamba tesa di Okafor su Di Lorenzo, solo richiamo verbale per lui

45' 2 minuti di recupero

45' fermato in offside Barella che in area era stato fermato irregolarmente

44' sulla punizione successiva palla a centroarea con difesa che buon gioco e allontana

43' fallo di Chiesa su Vargas quasi all'altezza della bandierina, ammonito per proteste il giocatore bianconero

41' chiusura al limite dell'area su Chiesa, si alza il pressing dell'Italia

39' prova dalla lunga distanza Zakaria ma viene respinta dalla schiena di Locatelli

36' DI LORENZOOO!!! PAREGGIO DELL'ITALIA!!! Sulla punizione finta di Jorginho e battuta di Insigne con palla che in area viene centrata di testa dall'esterno azzurro ad anticipare il portiere in uscita. VAR in corso per stabilire se la posizione di partenza era regolare o meno. E' BUONO! 1-1!

35' intervento falloso di Shar su Barella, punizione sulla trequarti sulla sinistra d'attacco

34' chiusura di Zakaria su Belotti a centrocampo, quindi Okafor crossa in area con Di Lorenzo di testa in angolo preoccupato che ci fosse un avversario nelle vicinanze. Corner regalato agli avversari. Sugli sviluppi sfiora soltanto Zakaria di testa quindi difesa che alleggerisce

32' punizione di Shaquri, palla in area per il colpo di testa ravvicinato di Shaer, bloccato a terra in due tempi da Donnarumma

30' lancio di Di Lorenzo in area per Belotti che da posizione leggermente defilata prova subito a concludere in porta ma viene murato da Shar

27' dal fondo Barella supera Akanji ma il suo cross con palla un pò a campanile è preda di Sommer, dall'altra parte non si chiude un uno due tra Vargas e Shaqiri che si poteva rendere pericoloso in area

26' prolungato possesso palla dell'Italia ma si trova difficoltà a passare tra le maglie di una difesa molto ben schierata

24' prova Chiesa appena dentro l'area sulla sinistra calciando in mezzo alle gambe di un difensore. Diagonale abbastanza angolato ma poco potente a favorire l'intervento di Sommer

22' doppia occasione per l'Italia! Scarico di Emerson a centroarea per Jorginho, prima conclusione respinta dalla difesa quindi prova il tap in Chiesa ma sul primo palo bel riflesso di Sommer in angolo! Nulla di fatto sugli sviluppi del tiro dalla bandierina

20' apertura di Vargas a destra su Shaqiri ma il giocatore in area fallisce il tentativo di ritorno per il compagno e azione che sfuma

19' dall'altra parte Locatelli scivola al momento del lancio su Chiesa e sfera che sfila sul fondo

18' ancora un assist in area di Okafor questa volta poco più dietro per Shaqiri, controllo buono del pallone ma conclusione alta

17' chiusura in area di Akanji su cross basso di Barella e sulla ripartenza fallo di Di Lorenzo su Vargas molto attivo in questo inizio

15' ci prova con il mancino dal limite in posizione centrale Okafor e traiettoria bassa che si spegne di un soffio sul fondo con Donnarumma che sembrava poterci arrivare!

14' cross bassso in area di Shaqiri per Vargas, un pò in affanno si salva la difesa

13' doccia fredda per gli Azzurri che hanno prima lasciato spazio a Okafor quindi non hanno accorciato sul tiratore che ha potuto prendere la mira

11' WIDMER!! VANTAGGIO SVIZZERA!!! Spunto sulla sinistra di Okafor che supera Acerbi e in area opta per lo scarico al per l'ex giocatore dell'Udinese che al limite dell'area calcia di prima intenzione con il collo destro e sfera sotto l'incrocio dei pali alla destra di Donnarumma

10' buona chiusura di Rodriguez su Di Lorenzo e ultimo tocco del giocatore del Napoli, rimessa laterale Svizzera

9' altro intervervento su Barella questa volta di Freuler e Italia che prova a giocare sulla sinistra con una precisa apertura di Bonucci ma non ci sono sbocchi e si opta per un giro palla

8' punizione per la Svizzera, passaggio in verticale per Shaqiri ma non riesce a servire compagni in area

5' gioco fermo, a terra Barella dopo uno scontro con Zakaria, staff medico in campo. Si riprende, nessun problema per il centrocampista dell'Inter

3' punizione conquistata da Belotti nella metà campo azzurra per un intevento di Zakaria, prova ad alzare il pressing la squadra ospite

1' tentativo dalla lunga distanza Shaqiri che non inquadra lo specchio della porta

Partiti! Calcio d'avvio battuto dall'Italia nella classica maglia azzurra, maglia rossa per la Svizzera

Ci siamo! Tutto pronto per la Italia - Svizzera, inni nazionali e si parte!

Un saluto ai lettori di Calciomagazine, siamo ormai prossimi all'inizio dell'atteso match tra Italia e Svizzera che potrebbe valere il biglietto diretto per Qatar 2022. Mancini conferma la formazione della vigilia con Bonucci al centro della difesa, Barella recuperato a centrocampo mentre in avanti fiducia a Belotti vista l'assenza di Immobile.

TABELLINO

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Acerbi, Emerson Palmieri (dal 35' st Calabria); Barella (dal 24' st Cristante), Jorginho, Locatelli (dal 13' st Tonali); Chiesa, Belotti (dal 13' st Berardi), Insigne (dal 35' st Raspadori). A disposizione: Sirigu, Meret, Biraghi, Pessina, Scamacca, Bernardeschi, Mancini. Ct: Roberto Mancini

SVIZZERA (4-3-2-1): Sommer; Rodriguez (dal 23' st Garcia), Schar, Akanji, Widmer; Freuler, Vargas (dal 41' st Zeqiri), Zakaria; Steffen (dal 23' st Imeri), Shaqiri (dal 34' st Sow); Okafor (dal 34' st Frei). A disposizione: Omlin, Kohn, Mbabu, Aebischer, Itten, Comert, Gavranovic. Ct: Murat Yakin

Reti: all'11' pt Widmer, al 36' pt Di Lorenzo

Ammonizioni: Chiesa, Insigne, Shar, Akanji, Garcia

Recupero: 2 minuti nel primo tempo, 4 minuti nella ripresa

Le combinazioni possibili

Italia e Svizzera sono matematicamente fra le prime due: la seconda va agli spareggi per qualificarsi. Il primo posto non può essere deciso dallo scontro diretto. In caso di arrivo a pari punti, contano differenza reti generale e numero di gol segnati prima degli scontri diretti. Vincendo contro la Svizzera, all’Italia basterà un pari con l’Irlanda del Nord o il mancato successo della Svizzera con la Bulgaria. In caso di pareggio con la Svizzera, la differenza reti resterà +11 per gli azzurri contro il +9 della Svizzera e sarà decisivo l’ultimo scontro. Qualora gli Azzuri dovessero perdere, dovranno poi battere l’Irlanda del Nord e sperare in una vittoria della Bulgaria contro la Svizzera. Ne caso di un eventuale pareggio nello scontro diretto e un arrivo in classifica in perfetta parità, anche di differenza reti generale, conterebbero purtroppo i gol fuori casa negli scontri diretti e se all’Olimpico il pari non fosse 0-0 allora passerebbero gli svizzeri come primi. Se invece all’Olimpico finisse a reti bianche e si arrivasse completamente pari al verdetto, la decisione sarebbe presa con l’ultimo criterio disponibile prima del sorteggio: il fair play, quindi il numero di gialli e rossi. Attualmente la situazione é di perfetta parità.

Convocato Gian Marco Ferrari

Intanto, in vista della gara in programma lunedì a Belfast con l’Irlanda del Nord, ultimo impegno della Nazionale nelle qualificazioni al Mondiale di Qatar 2022, Roberto Mancini ha convocato Gian Marco Ferrari. Il difensore del Sassuolo ha esordito in Nazionale lo scorso 28 maggio a Cagliari, realizzando anche un gol nell’amichevole pre Europeo con San Marino.

All’Olimpico Vips e Legends

È pronto a colorarsi d’azzurro lo Stadio Olimpico di Roma, che tornerà ad abbracciare la Nazionale cinque mesi dopo aver ospitato le tre gare del girone di EURO 2020. Per la sfida con la Svizzera saranno 52.000 i tifosi presenti sugli spalti, in uno stadio che sarà tutto esaurito (la capienza è al 75%) anche grazie ai prezzi popolari attuati dalla FIGC e alle diverse promozioni riservate alle famiglie, alle donne e ai minori.  In tribuna autorità, con il presidente della FIGC Gabriele Gravina, saranno presenti alcuni dei più importanti esponenti del mondo politico e sportivo italiano, dalla presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati, alla sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport, Valentina Vezzali, dal neo sindaco di Roma Roberto Gualtieri ai presidenti del CONI e di Sport e Salute, Giovanni Malagò e Vito Cozzoli.  In occasione di EURO 2020 e della fase finale della Nations League, torna allo Stadio Olimpico anche ‘Casa Azzurri’, pronta ad accogliere gli ospiti e i partner della FIGC. Tra loro ci sarà il capitano dell’Italia Campione del Mondo nel 2006, Fabio Cannavaro, insieme ad altri 4 protagonisti del Mondiale tedesco: Daniele De Rossi, ex assistente tecnico di Roberto Mancini ad EURO 2020, Simone Perrotta, Angelo Peruzzi e Cristian Zaccardo. Insieme ad altri due campioni del Mundial ’82, Giuseppe Dossena e Francesco Graziani, ci saranno anche altre ‘Legends’ come gli ex allenatori della Nazionale Under 21 Pierluigi Casiraghi e Luigi Di Biagio, l’attuale tecnico dell’Under 17 Bernardo Corradi, Angelo Di Livio, Stefano Fiore, Giuliano Giannichedda, Fabrizio Ravanelli e Moreno Torricelli.

Le dichiarazioni di Yakin alla vigilia

Il CT svizzero Murat Yakin, nella conferenza stampa della vigilia, ha ricordato che anche la Svezia era partita da sfavorita nel 2017 contro l’Italia, eppure ha eliminato gli azzurri. “Siamo qui a Roma per andare al Mondiale senza spareggi -ha detto- perché non dovrebbe essere possibile? Ci sono nell’Italia i fantasmi del passato ma la generazione di oggi vive per il domani del calcio italiano. Questo lo hanno dimostrato gli Azzurri vincendo l’Europeo. Noi possiamo risvegliare le paure dell’Italia rispetto a quanto avvenuto nel 2017, ma quello che é  accaduto tre/quattro anni fa i giocatori lo hanno dimenticato. La squadra di Mancini sappiamo che gioca assieme da tre/quattro anni, io sono qui solo da pochi mesi ma abbiamo imparato molto a livello difensivo, anche dalla stessa Italia. Domani la difesa per noi sarà fondamentale, ma dovremo anche assumerci dei rischi. Se battessimo gli Azzurri per noi sarebbe un risultato sensazionale. È una partita importante non solo per noi ma anche per loro perché poi hanno una partita, sulla carta, più difficile contro l’Irlanda del Nord mentre noi giocheremo in casa con la Bulgaria”.

Le dichiarazioni di Mancini alla vigilia

Dopo averla definita ‘la partita più importante dell’anno’, Roberto Mancini si é mostrato sereno alla vigilia del match.. “I ragazzi – ha ribadito il CT nella conferenza stampa della vigilia – sono tranquilli ma concentrati. Sanno che per vincere devono essere sempre al 100%, senza pensare a tutte le altre cose che ci sono intorno. Credo che non sia giusto avere ansia prima di una gara. Bisogna essere allegri prima di scendere in campo, perché giocare è la cosa più bella che si possa fare. Domani sarà una partita difficile, la Svizzera gioca un ottimo calcio da diversi anni. Noi dobbiamo fare la nostra gara e il nostro gioco, sappiamo qual è il nostro valore. Questa squadra ha ancora margini di miglioramento e può diventare ancora più forte da qui al Mondiale. Ci dispiace per Immobile e Chiellini, ma un po’ per tutte le Nazionali è la stessa cosa, gli infortuni possono essere un po’ di più in questa fase. Il Gallo l’ho visto bene, fisicamente non sarà al 100% perché viene da un infortunio serio. Magari non ha i 90 minuti nelle gambe, ma se riuscisse a fare gol nei primi 60/65 minuti sarebbe anche meglio. Barella? Sta bene, ieri si è allenato e penso che domani possa essere in campo. Non so se gli svizzeri cambieranno modulo, ma sappiamo che resta una squadra difficile da affrontare. Sicuramente l’Olimpico ci darà una grande mano, giocarci è sempre bello. Abbiamo disputato qui tre gare dell’Europeo e il pubblico ci ha sempre sostenuto. Domani sarà la stessa cosa, sarà una bella gara. Anche il terreno di gioco mi sembra in buone condizioni”.

Le dichiarazioni di Bonucci alla vigilia

Leonardo Bonucci tornerà al centro della difesadopo la squalifica del mese scorso, scontata nella finale per il3°/4° posto di Nations League. “Le sensazioni sono positive – ha detto il difensore della Juventus – domani dobbiamo fare una grande prestazione e poi penseremo a lunedì per chiudere il discorso. I tifosi sono importanti, daranno il loro contributo nei pochi momenti di difficoltà. Speriamo tutti insieme di gioire a fine serata”.

Le parole del responsabile dell’Area Medica alla vigilia

Andrea Ferretti ha spiegato, in conferenza stampa, al fianco di Bonucci e Mancini, perché Immobile è stato costretto a lasciare il ritiro: “Il giocatore si è presentato riferendo un dolore al polpaccio che era insorto nella sua ultima gara. Come tutti gli altri giocatori arrivati in condizioni non perfette, c’è stato un giorno di attività di recupero in acqua e nessuno si è allenato. Trascorse le 36 ore canoniche abbiamo sottoposto Ciro e altri giocatori ad una risonanza magnetica e quella di Immobile ha mostrato una sofferenza al soleo: è stato ritenuto non recuperabile per le nostre partite, quindi è tornato in sede. Il fatto che non fossimo stati informati di questo evento può succedere nella concitazione del post-gara, ma questo non ha minimamente inciso sui nostri comportamenti”.

Gli Azzurri al fianco di Fondazione AIRC nella lotta contro il cancro

La partita della Nazionale contro la Svizzera, in programma domani allo Stadio Olimpico di Roma, conclude la venticinquesima edizione di Un Gol per la Ricerca, storica campagna di Fondazione AIRC, promossa in collaborazione con FIGC, Lega Serie A, TIM, AIA e con il supporto dei media sportivi, che vede gli Azzurri scendere in campo compatti al fianco di AIRC per invitare tutti i tifosi a sostenere i giovani talenti della ricerca sul cancro.

Per vincere questa importante partita – nella dodicesima giornata di Campionato dello scorso week-end e nella prossima sfida contro la Svizzera, valevole per la qualificazione al Mondiale di Qatar – il calcio italiano ha scelto il modulo 4-5-5-2-1, non solo un numero ma un vero gioco di squadra, una mobilitazione collettiva a cui ha aderito con convinzione il Ct Roberto Mancini che apre la campagna del Gol promuovendo lo schema AIRC: “Lo abbiamo già provato in passato! Solo con il 4-5-5-2-1 possiamo vincere questa sfida e fare tanti gol per la ricerca.” A confermarne l’efficacia anche quattro straordinari campioni che hanno scelto di vestire la maglia di Un Gol per la Ricerca. Due sono al fianco di Fondazione AIRC da molti anni e saranno in campo con la Nazionale, Francesco Acerbi: “Grazie al 4-5-5-2-1 ho potuto ancora dare il meglio di me! Se lo adottiamo insieme possiamo fare la differenza per arrivare a curare tutti i pazienti.” e Leonardo Bonucci: “La finale dell’Europeo l’abbiamo vinta con il 4-3-3 mentre ora dobbiamo usare il 4-5-5-2-1 per fare ancora meglio e arrivare a vincere la partita contro il cancro!”.

La visita della Nazionale all’Ospedale Bambin Gesù

Nella giornata di mercoledì la formazione azzurra al completo, si è recata all’Ospedale Bambin Gesù per una nuova visita ai bambini e ai ragazzi ricoverati. La squadra si è presentata con il trofeo conquistato nel luglio scorso: la Coppa dei Campionati Europei 2020. Gli Azzurri sono stati suddivisi in gruppi per incontrare i bambini e i ragazzi ricoverati: nel pieno rispetto dei protocolli di sicurezza anti-Covid, i giocatori sono entrati nei diversi reparti dell’Ospedale, Nefrologia, Terapia intensiva cardio, Neuropsichiatria, Pediatria generale, Pediatria di emergenza, Reumatologia, Oncologia, Traumatologia, Chirurgia neonatale. Ad accogliere la Nazionale, guidata dal Ct Roberto Mancini e dal presidente FIGC Gabriele Gravina, la presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc. Prima del giro nei reparti, i Campioni d’Europa, con la loro Coppa, hanno incontrato un gruppo di bambini ospiti delle case di accoglienza dell’Ospedale per la consegna dei doni: le felpe con il logo del Bambino Gesù e della Federcalcio, un gagliardetto realizzato dai bambini e dai ragazzi della Ludoteca e un cartellone con scritto “Sul campo e nella vita insieme vinciamo la partita”, mentre i piccoli ospiti hanno mostrano uno striscione con scritto “Vite che aiutano la Vita”.

Immobile e Chiellini indisponibili

L’Ufficio stampa della Nazionale ha comunicato che, per infortunio, Immobile ha lasciato Coverciano. “Anche Ciro Immobile lascia il ritiro della Nazionale – si legge nella nota-: dai controlli diagnostici effettuati questo pomeriggio, infatti, è emersa una sofferenza muscolare a carico del muscolo soleo della gamba sinistra risalente all’ultima gara di campionato. Al suo posto è stato convocato Gianluca Scamacca, che si aggregherà alla squadra in serata a Coverciano”. Dopo di lui anche Giorgio Chiellini, che già non era in perfette condizioni, ha dato forfait; contrariamente a quanto era trapelato nelle ore scorse, però, il Capitano non ha lasciato il ritiro. “Starò vicino ai ragazzi, ma sono tranquillo che faremo una grande partita e ci qualificheremo”, ha dichiarato Chiellini.

L’elenco dei convocati

Portieri: Alessio Cragno (Cagliari), Gianluigi Donnarumma (Paris Saint Germain), Alex Meret (Napoli), Salvatore Sirigu (Genoa);

Difensori: Francesco Acerbi (Lazio), Alessandro Bastoni (Inter), Cristiano Biraghi (Fiorentina), Leonardo Bonucci (Juventus), Davide Calabria (Milan), Giovanni Di Lorenzo (Napoli), Emerson Palmieri (Lione), Gianluca Mancini (Roma);

Centrocampisti: Nicolò Barella (Inter), Danilo Cataldi (Lazio), Bryan Cristante (Roma), Jorginho (Chelsea), Manuel Locatelli (Juventus), Matteo Pessina (Atalanta), Tommaso Pobega (Torino), Sandro Tonali (Milan);

Attaccanti: Andrea Belotti (Torino), Domenico Berardi (Sassuolo), Federico Bernardeschi (Juventus), Federico Chiesa (Juventus), Lorenzo Insigne (Napoli), Giacomo Raspadori (Sassuolo), Gianluca Scamacca (Sassuolo).

L’arbitro

A dirigere il match sarà Anthony Taylor, coadiuvato dagli assistenti Gary Beswick e Adam Nunn; quarto arbitro Craig Pawson. Al VAR Stuart Attwell, AVAR Paul Tierney. Tutti gli arbitri sono di nazionalità inglese.

La presentazione del match

ROMA – Venerdì 12 novembre 2021, alle ore 20:45, allo Stadio Olimpico di Roma, si giocherà la partita Italia – Svizzera, incontro valido per la settima giornata delle qualificazioni ai Mondiali di Qatar 2022. Una sfida tra due squadre che sono in testa al Gruppo C a quota 14 punti, frutto di 4 vittorie e 2 pareggi. Nell’ultima partita giocata gli Azzurri, lo scorso 10 ottobre, hanno battuto il Belgio per 2-1.  La Svizzera, invece, si é imposta per 0-4 sul campo della Lituania. Negli ultimi 20 precedenti tra le due compagini, l’Italia si é imposta 10 volte contro 1 pareggio e 9 affermazioni degli ospiti. L’ultimo incrocio  risale al 5 settembre quando, a Basilea, finì 0-0. Il 16 giugno, invece, nella fase a gironi di Euro 2020, gli Azzurri si imposero per 3-0 con  doppietta di Locatelli e gol di Immobile.

QUI ITALIA – Mancini dovrà rinunciare agli infortunati Verratti, Barella, Chiellini, Bastoni e Immobile. Il ct azzurro dovrebbe far scendere la squadra in campo col modulo 4-3-3 con Donnarumma in porta e difesa composta al centro da Acerbi e Bastoni e sulle corsie da Di Lorenzo e Emerson Palmieri. A centrocampo  Locatelli, Jorginho e Pessina; tridente offensivo composto da Chiesa, Belotti e Insigne.

QUI  SVIZZERA – Il Ct Yakin dovrà fare a meno di Embolo, Elvedi, Fassnacht e Kobel, Xhaka e Seferovic, ai quali si é aggiunto Zuber. Probabile modulo 3-4-2-1 con Sommer tra i pali e retroguardia formata da Schar, Akanji e Rodriguez. In mezzo al campo  Freuler e Zakaria; sulle fasce Mbabu e Vargas. Unica punta Gavranovic davanti a Shaqiri e Sow.

Le probabili formazioni di Italia – Svizzera

Italia (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Acerbi, Bastoni, Emerson Palmieri; Locatelli, Jorginho, Pessina; Chiesa, Belotti, Insigne . Ct: Roberto Mancini

Svizzera (3-4-2-1): Sommer; Schar, Akanji, Rodriguez; Mbabu, Freuler, Zakaria, Vargas; Shaqiri, Sow; Gavranovic. Ct: Murat Yakin

Dove vederla in TV e in streaming

L’incontro Italia – Svizzera, valido per la settima giornata delle qualificazioni mondiali, verrà trasmesso in diretta ed in esclusiva su Rai Uno e in streaming sulla piattaforma Rai Play.. La gara sarà visibile in diretta streaming anche sui canali social della #Nazionale

Articoli correlati