La Juve vuole stupire sul mercato. Inter, consiglio Van der Wiel. Milan, Hamsik non arriverà perché il Napoli punta in alto

Impazza il mercato delle big, pronte a scatenarsi per rinforzarsi in vista della prossima stagione. La Juve in prima fila cerca campioni per tornare grande soprattutto dopo una stagione disastrosa. Questo sorpasso su Inler ai danni del Napoli è un chiaro segno che i bianconeri sono tornati a far paura sul mercato. Accordo già trovato con l’entourage dello svizzero sulla base di 2 milioni netti all’anno. La Juve è interessata anche a Nani, utilissimo per il gioco di Conte. Su Aguero c’è veramente un grande pressing, e la Vecchia Signora al momento è la formazione più accreditata in assoluto. La dirigenza ha già piazzato i colpi Pirlo, Pazienza e Ziegler, tutti buoni giocatori in attesa di un vero campione. Buffon dovrebbe restare, Iaquinta invece potrebbe partire.

Per l’Inter il rebus sul mercato è legato tutto al destino di Sneijder, se resta non arriverà Hazard invece potrebbe approdare Sanchez qualora l’olandese continuerebbe la sua avventura in nerazzurro. Tra i pali potrebbe arrivare Viviano ma farebbe il secondo dietro Julio Cesar. Un’alternativa interessante sarebbe quella di Tabanou al posto di Chivu, esterno forte e di prospettiva. Se fossi in Branca andrei su Van der Wiel dell’Ajax.

Risolto la questione Mazzarri, ora il Napoli non ha più scuse e si è fiondata sul mercato. Il tecnico toscano ha chiesto 4 campioni, uno di questi farebbe il Lucarelli della situazione, con la speranza che possa segnare più gol. Il nome in voga è quello di Trezeguet, che a sua volta gradirebbe un ritorno in Italia. Restando in attacco, la soluzione Matavz si è un po’ raffreddata.
Nelle ultime ore c’è stato un interessamento per Mudingayi del Bologna, che potrebbe ricoprire il buco lasciato da Pazienza. Nonostante tutto il Napoli punta ancora su Inler ma Dzemaili sarebbe un bel nome per sostituirlo. Bisogna invece trovare un secondo e un terzo portiere alle spalle di De Sanctis, perché Iezzo e Gianello lasceranno la squadra.

Al Milan tutti sono concentrati sul nome che potrebbe occupare il ruolo di mezz’ala sinistra, giocatore che Allegri ha espressamente chiesto per la prossima stagione. Il tecnico toscano lo ha proposto prima ad Andrea Pirlo, ma il suo rifiuto e la conseguente partenza ha costretto i rossoneri a cercare un degno interprete per quello specifico ruolo. Il Milan ha puntato Marek Hamsik, giocatore graditissimo ad Allegri ma allo stesso tempo costosissimo. Lo slovacco però non si muoverà da Napoli, De Laurentiis ha sempre detto di non voler mai cedere i giocatori più rappresentativi, anche perché tra i tifosi azzurri ormai sono degli idoli indiscussi. Hamsik resterà sicuramente a Napoli, su questo non ci sono dubbi, a meno di un’offerta choc, il patron degli azzurri non venderà mai il centrocampista ex Brescia. Il Milan comunque non demorde e se quest’anno non riuscirà a prenderlo i dirigenti milanisti ci riproveranno il prossimo anno. Hamisk infatti è stato designato come un giocatore da Milan, e il prossimo anno di fronte allo svecchiamento del centrocampo sicuramente punteranno su di lui. Infatti ci sono stati tanti rinnovi ma perdere tutti i senatori potrebbe essere una grave mossa, per questo a Milano stanno programmando il futuro per un cambio anagrafico.

A questo punto penso che Allegri voglia sicuramente Asamoah. Il ghanese non è uomo da copertina ma in campo si fa sentire. E’ un giocatore che conosce bene il nostro campionato e per questo è avvantaggiato rispetto ai giocatori stranieri. Si è fatto anche il nome di Marchisio, soprattutto se Inler sarà scelto come baluardo del centrocampo juventino. Però c’è da dire che ha appena rinnovato il contratto ed ha sempre dichiarato di voler restare in bianconero, ma inevitabilmente nel 4-2-4 di Conte qualcuno è di troppo. Al massimo potrebbe fare panchina, anche perché se la Juve ha intenzione di tornare ai vertici dovrebbe avere anche una panchina lunga e di qualità. Si attenuano le voci su Ganso, forse perché la dirigenza del Milan si è accorta che il talentuoso trequartista del Santos probabilmente costa troppe e non da troppe rassicurazioni dal punto di vista fisico. Il Milan comunque resta vigile su diverse trattative e fino ad agosto porterà a casa un grandissimo campione.

La Roma invece è la grande che non consoce ancora il nome del futuro allenatore. Sabatini già sta lavorando molto, soprattutto in Sudamerica, ma è importante conoscere il nome del tecnico anche per gli schemi e per i giocatori da acquistare. In questo momento è difficile decifrare la strategia della Roma. In serie B fari puntati su Torino-Padova. Se i granata vincono accedono ai playoff e in quel caso penso che le motivazioni avranno la meglio. Il Torino sarà al settimo cielo e i giocatori saranno in grado di agguantare la serie A.

[Malu’ Mpasinkatu – Fonte: www.tuttomercatoweb.com]