Perea: “Ci saranno tante pressioni, ma non vedo l’ora di iniziare”

logo-lazioÈ atteso nei prossimi giorni nella Capitale Brayan Perea, finalmente c’è la Lazio nel suo futuro. Ha aspettato mesi in Colombia una chiamata, sembrava non dovesse arrivare più. Con Yilmaz in cima alla lista dei desideri, lui era stato messo in naftalina, lo status da extracomunitario a bloccare il suo arrivo con il turco di mezzo. Si parlava di un anno di rodaggio in qualche altra squadra, poi con Burak fuori dai giochi, è toccato a lui. Non si dica che sia una scelta di ripiego, ammonisce il ds Tare e intanto il colombiano classe ’93 aspetta le ultime formalità burocratiche prima di approdare a Roma: “Ringrazio tantissimo i tifosi della Lazio per l’affetto che hanno manifestato nei miei confronti subito dopo l’ufficialità del mio tesseramento – racconta in esclusiva Perea ai microfoni de Lalaziosiamonoi.itIl mio unico desiderio è quello di venire in Italia per iniziare questo nuovo percorso. Forza Lazio!”.

Gli servirà un po’ di tempo per recuperare la condizione, per mettersi alla pari dei compagni dopo aver saltato tutta la preparazione estiva, con le partenze di Kozak e Rozzi sarà lui la terza scelta per Petkovic nel pacchetto avanzato: “So che su di me ci saranno tante pressioni, ma non vedo l’ora di iniziare“, confessa poi a Repubblica come si legge nell’edizione odierna.

[Giorgia Baldinacci – Fonte: www.lalaziosiamonoi.it]