Sampdoria-Roma, le dichiarazioni di Giampaolo alla vigilia

310

Il tecnico blucerchiato ha insistito su un concetto, già espresso alla vigilia della gara contro la Fiorentina, secondo cui la sua squadra, se vuole ottenere buoni risultati, deve giocare con più leggerezza. Concentrandosi al massimo sulla partita in sé senza divagare

GENOVA – Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della gara contro la Roma, Marco Giampaolo, allenatore della Sampdoria, ha analizzato la gara.

Il tecnico blucerchiato ha ribadito subito un concetto già espresso nei giorni scorsi: la Samp dovrà affrontare i giallorossi con leggerezza. Che non significa superficialità, ma semplicemente che dovrà pensare alla gara in sè, “senza lasciarsi giocare dalla partita e senza porsi obiettivi di medio o lungo termine“. Una nuova filosofia di gioco e di vita che contro la Fiorentina ha già dato i primi frutti. Anzi, proprio la vittoria contro la Viola dovrà essere di aiuto essere ancora più leggeri. Giampaolo ha detto di aspettarsi che la sua squadra mostri personalità e sappia giocare con equilibrio ed intensità mentale, senza disperdere energie fisiche. Non ancora in mente quale formazione far scendere in campo, ha detto di non averci ancora pensato. Prima dovrà valutare le condizioni di Quagliarella, che lamenta un problema al flessore, poi deciderà il resto.

La sua opinione sulla Roma e su Schick

L’allenatore vede la Roma come una squadra che lavora, gioca e si organizza per un calcio che lui chiama “europeo”. Una squadra che vuole essere leader della partita, che non lascia giocare l’avversario “perché difende alto“. Un gruppo di qualità sul piano fisico capace di sopperire all’assenza di qualsiasi top player. Ritroverà Schick, ai suoi ordini nella passata stagione, che ha definito “un giocatore con le caratteristiche per diventare uno degli attaccanti più forti d’Europa”. Del ceco ha detto, inoltre, che “fa cose fuori dal comune, è dotato di una forte personalità e non ha paura di sbagliare”. Uno che non è un’ala e che se impiegato come tale potrebbe fare fatica, ma “per il quale chi mastica calcio saprà certamente trovare la soluzione migliore”.