Sebastiano Nela: «Jorquera e Lamela sono due giocatori sopra la norma»

387 0

Oggi per il Genoa è già vigilia di campionato, visto che domani a Marassi sarà di scena il match contro la Roma di Luis Enrique. Per Rossi e compagni sarà una partita molto difficile, e Malesani vorrà riconfermare la bella prestazione di sabato sera a Torino per  regalare una nuova gioia ai tifosi rossoblù. Pianetagenoa1893.net ha intervistato in esclusiva un ex rossoblù ed anche ex giallorosso: Sebastiano Nela. Il difensore ligure ha vestito la maglietta rossoblù nelle giovanili, esordendo in prima squadra nel 1978, trasferendosi poi a Roma nel 1981, dove vinse 1 scudetto e 3 Coppe Italia. Ora l’ex difensore è commentatore per Mediaset Premium, e proprio domani sera commenterà la partita di Marassi.

Nela che partita si aspetta domani sera?

Credo che Genoa-Roma sia una gara divertente con due squadre che giocano per vincere. Il Genoa per migliorare la sua classifica, come la stessa Roma, dopo che ha perso il derby cerca la seconda vittoria consecutiva. Sicuramente prevedo una partita con tanti gol, come quella dello scorso anno.

Il Genoa sta vivendo un momento altalenante, belle partite come quella di sabato sera e Catania, e brutte sconfitte di Verona e Parma. Qual è il vero Genoa?

Questo è un discorso che può valere per tutte le squadre, visto la classifica. Questo sta a significare la poca continuità di tutte le squadre, ed anche del Genoa. Io aspetterei le prossime sei domeniche per un delineamento della classifica. Chissà potrebbe esserci una sorpresa anche per i posti che portano nell’Europa che conta, e si potrebbe inserire anche la squadra di Malesani.

Lei ha giocato in passato come difensore: cosa ne pensa del reparto arretrato rossoblù di quest’anno?

E’ una buona difesa con uomini di esperienza come Kaladze e Dainelli, ed un portiere come Frey. Quest’anno ha preso qualche gol dovuto da disattenzioni, ma credo che non sia solo colpa del pacchetto arretrato. Bisogna anche vedere anche i movimenti dei centrocampisti nell’azioni difensiva, perché ormai anche il centrocampo ha un ruolo chiave. Discorso a parte per i calci piazzati.

Sia nel Genoa che nella Roma stanno nascendo due grandi calciatori sudamericani: Jorquera e Lamela. Un suo giudizio su entrambi?

Spero di vederne tanti così, perché il calcio non è solo fisico e centimetri. Jorquera lo vedrò per la prima volta dal vivo domani sera, mentre Lamela l’ho già visto qualche volta. Sono due giocatori con una tecnica sopra la norma, dotati di un tocco di palla eccezionale, possono inventarsi la giocata in ogni momento della partita. Il loro compito è di continuare a lavorare sodo e non perdersi per strada.

[Alessandro Casu – Fonte: www.pianetagenoa1893.net]