Uefa Woman’s Champions League, Tyreso FF-Vfl Wolfsburg 3-4: la squadra tedesca fa il bis

258

Uefa Woman's Champions LeaguePer la seconda volta la squadra tedesca si aggiudica la massima competizione europea per club

LISBONA – Avvincente finale di Champion’s League femminile tra la squadra campione in carica del Wolfsburg e le svedesi del Tyreso. Successo di misura delle ragazze di Kellerman che si impongono per 4-3 al termine di una gara che le ha viste sempre sotto nel punteggio. Dopo una partenza flash delle svedesi le tedesche partono forte nella ripresa dove trovano nella Faisst l’arma in più per scardinare la difesa avversaria. Sua la rete del secondo pari dopo la perla di Marta, una delle migliori in campo. La rete decisiva porta invece la firma della Muller, autrice di una doppietta che lancia la propria squadra verso il successo finale.

COSÍ IN CAMPO – La squadra svedese in campo con un 4-1-4-1 con Reddik, Engen, Sembrant e Kligenberg di difesa; Dahkvist sulla linea mediana appena dietro Marta, Boquete, Seger e Diaz; in avanti Press unica punta. La risposta delle campionesse in carica tedesche con Wensing, Fischer, Henning e Bunte davanti alla Schult; Blasse, Kessler, Goessling, Muller a centrocampo mentre in attacco il tandem composto da Popp e Wagner.

BUONA PARTENZA DELLE SVEDESI, TEDESCHE BENE SULLE FASCE – Partono meglio le svedesi che al 6′ collezionano il primo corner della partita dopo una bella verticalizzazione in area. Tanta determinazione e pressing alto per le ragazze di Gustavsson che entrano decise sin dai primi minuti mostrando anche una buona compattezza di reparto. Dall’altra parte all’11’ è la Blasse la più pericolosa prima con un pregevole affondo sulla destra ma la difesa avversaria fa buona guardia, poi al 14′ quando il suo traversone è leggermente lungo per la testa della Popp che arriva con un attimo di ritardo. Le svedesi sembrano soffrire maggiormente sulle corsie esterne dove anche la Muller ha una buona chance per colpire ma non trova nessuna compagna a centro area. Al 25′ la palla buona capita tra i piedi della Muller che a centro area viene ben contrastata al momento del tiro e l’azione sfuma.

MICIDIALE UNO-DUE GIALLOROSSO – A sorpresa però al 28′ passano in vantaggio le svedesi con Marta che in area si inventa un dribbling da manuale del calcio e superate due avversarie sferra un preciso diagonale che si infila alla destra di Schult. Poco più di un minuto e il Tyreso raddoppia: azione caparbia della Press sulla destra e dopo aver resistito alla carica di due avversarie pesca a centro area l’accorrente Veronica Boquete che di piatto non lascia scampo al portiere. Se la reazione tedesca stenta a vedersi al 40′ si rendono pericolose le svedesi con Marta che prova a pescare la Press in area ma la difesa tedesca chiude in anticipo. Nei minuti conclusivi però doppia chance al 42′ con la Muller prima che si fa deviare il pericoloso diagonale in area con un tuffo plastico della Soberg e sulla replica la Kessler colpisce debolmente da ottima posizione.

RUGGITO DELLE CAMPIONESSE – Si riparte con la squadra tedesca che sostituisce la Wagner con la Faisst. Parte forte il Wolfsburg che già al 2′ accocia le distanze con la Popp che di testa sotto porta a centro area anticipa tutte su perfetto assist dalla destra della Blasse. Passa appena un minuto ed una millimetrica verticalizzazione per la Muller taglia a metà la difesa delle avversarie ma conclusione è debole. Chance anche per la Kessler al 5′ quando è brava a girarsi in area ma la conclusione termina larga da buona posizione.  Scatenata la Muller che al 8′ si invola centralmente e a tu per tu con il portiere lo fredda con un rasoterra.

MARTA ALLA DEL PIERO … – Al 10′ però la Press si ritrova un buon pallone in area ma la conclusione al volo termina docile tra le braccia della Schult. Il gol è nell’area ed all’11’ è formidabile Marta ad pescare una conclusione a giro a centroarea con parabola che si infila sotto il sette: un gol alla Del Piero che fa esplodere lo Stadio do Restelo. Sugli sviluppi di una punizione dalla trequarti campo al 14′ è la Fischer ad inserirsi bene ma, ostacolata da una compagna, impatta male di testa sulla sfera che termina a lato. La gara si fa sempre più avvincente con le squadre che lasciano da parte i tatticismi del primo tempo per giocarsi il tutto per tutto. Al 17′ si prova dalla sinistra la Bunte con un tiro cross che impensierisce il portiere avversario che interviene in tuffo per allontanare la minaccia.

LA FAISST NON PERDONA, LA MULLER FA GAME OVER – Al 22′ Gustavsson toglie dal campo la Diaz per far spazio alla Edlund ed un minuto dopo nuovo pari per le tedesche con la Faisst che viene pescata in area dalla Popp e da due passi fredda con un rasoterra il portiere avversario. C’è spazio per Klinga che dal 25′ rileva una scanca Kligenberg. A 1o minuti dalla fine il Wolfsburg completa la rimonta con la seconda rete della Muller che non ha difficoltà sotto porta a concludere a rete dopo una caparbia azione della Kessler che in area fa il bello e cattivo tempo. Sarà la resa per le tenaci svedesi? Il tecnico della squadra svedese si gioca l’ultima chance inserendo la Thaisa per la Dahkvist: siamo al minuto 37. La gara non cambia più nel  punteggio con le tedesche brave e non rischiare più.

TABELLINO:

TYRESO FF (4-1-4-1): Soberg; Reddik, Engen, Sembrant, Kligenberg (dal 25′ st Klinga); Dahkvist (dal 37′ st Thaisa); Marta, Boquete, Seger, Diaz (dal 22′ st Edlund); Press. A disposizione: Korpela, Rilany, Rytting Kaneryd, Mayara. Allenatore: Tony Gustavsson.

VFL WOLFSBURG (4-4-2): Schult; Wensing, Fischer, Henning, Bunte; Blasse, Kessler, Goessling (dal 45′ st Hartmann), Muller; Popp, Wagner (dal 1′ st Faisst). A disposizione: Frohms, Maritz, Vetterlein, Damnjanovic, Pohlerss. Allenatore: Ralf Kellerman.

Arbitro: Monzul (UKR)

Assistenti: Rachynska (UKR), Stiletska (UKR)

IV° Ufficiale: Zora (UKR)

Reti: 28′ pt Marta, 29′ pt Verònica Boquete, al 2′ st Popp, all’8 st Muller, all’11’ st Marta, al 23′ st Faisst, al 35′ st Muller

Ammoniti: Seger

Recupero: 1 minuto nel primo tempo, 3 minuti nella ripresa.

Articoli correlati