UnovsUno: Borriello vs Lopez

IL MATCH – Si torna in campo dopo la lunga sosta natalizia, e questa di per se è una variabile impazzita che può ridisegnare la storia di una partita in cui non partiamo certo coi favori del pronostico. Il nostro rendimento esterno non è da aggiornare, continua a latitare la vittoria e pure i pareggi iniziano a scarseggiare: appena tre punti lontani dal Massimino. Se poi guardiamo al ruolino di marcia interno dei giallorossi ( sei vittorie e due pareggi ) e le defezioni dei rossazzurri, l’impresa sembra ardua. Eppure il calcio è fatto proprio di queste storie, di sorprese, di partite da “la palla è rotonda”. A dare credito alle ambizioni rossazzurre sono i precedenti: no di certo gli scontri degli ultimi anni all’Olimpico con i lupacchiotti, ma i tanti passi falsi della Roma con le “piccole”. Sono molti i punti lasciati per strada soprattutto quando per le strade si torna a parlare di scudetto, sarà la pressione della piazza, sarà la squadra che prende sottogamba certe partite, ma il Catania deve fare di tutto per approfittarne, perfino invertire la tradizione di ritorni soft dalle vacanze.

In casa gli uomini di Ranieri non avranno la media goal in casa più alta della Seria A, ma pur sempre superiore al goal e mezzo a partita, il che non suggerirebbe di puntare sullo 0-0. Allo stesso modo, il Catania aldilà di qualche passaggio a vuoto come a Cagliari e a Palermo, ha una difesa dura da scardinare. Per queste ragioni, più del solito le speranze dei tifosi sono riposte nei bomber, Lopez contro Borriello. Maxi perché per puntare al blitz è fondamentale segnare, e con la squadra prevedibilmente raccolta dietro servirebbe una sua invenzione. Borriello perché le difese chiuse si aprono con gli arieti e con gli opportunisti, e lui è entrambe le cose.

IL PASSATO – Marco Borriello matura in età “avanzata” per i ritmi di oggi, e a 25 anni era già una scommessa persa per molti. Non per il Genoa, che nonostante qualche stagione deludente in prestito lo prende in comproprietà per portarlo a Marassi. Con i grifoni disputa la migliore stagione in carriera sfiorando il titolo di capocannoniere con 19 reti. Torna al Milan ancora una volta, e soprattutto nell’ultima stagione con Leonardo in panchina, si guadagna a pieno titolo i gradi di titolare. L’arrivo di Ibrahimovic fa frettolosamente pensare ad un’incompatibilità tra i due e viene ceduto alla Roma in prestito con diritto di riscatto a 10 milioni, una svendita di cui Galliani si sarà certamente pentito.

Maxi Lopez inizia come ragazzo prodigio al River Plate, diventa promessa del Barcellona e poi bidone russo, tutto nel giro di due anni. Per fortuna sua e nostra arriva Catania, e con “undici fatiche” l’Ercole biondo caduto dall’olimpo del calcio ha salvato il popolo rossazzurro. La prima parte di stagione non rende giustizia al suo valore, ma nonostante tutto è al centro delle attenzioni di grandi club. L’anno però riparte dal Catania per Maxi, riparte dall’olimpico, dove tutto un anno fa ebbe inizio.

LA TATTICA – Due punte, un trequartista e tre incursori a centrocampo, la Roma non è una macchina da goal ma di sicuro una squadra a vocazione offensiva. C’è di buono che in fase realizzativa il vero pericolo si chiama Borriello, un giocatore che dà punti di riferimento, mentre tutti gli altri attaccanti in questo momento la porta la vedono poco. Abbassare l’attenzione mai, ma preoccuparci di tutte le possibili rinascite non serve.

Inutile domandarsi che Catania sarà, piuttosto bisogna augurarsi che la condizione degli uomini di Giampaolo consenta loro di non lasciare isolato Maxi Lopez. Anche se è contrario all’idea espressa fino ad oggi, un uomo incollato a Menez sarebbe l’ideale per non rivedere più trequartisti a piede libero come Cossu e Pastore. Calci piazzati e ripartenze come al solito le nostre uniche risorse, come l’ultima volta all’olimpico quando su calcio d’angolo siamo passati in vantaggio e in contropiede potevamo vincere la partita.

I VOTI

Tiro: Lopez 8; Borriello 7,5

Colpo di testa: Lopez 8; Borriello 7,5

Senso del goal: Lopez 7; Borriello 8

Acrobazia: Lopez 7; Borriello 8

Velocità: Lopez 7; Borriello 6,5

Tecnica: Lopez 8; Borriello 7,5

Totale: Lopez 45; Borriello 45

[Daniele Lodini – Fonte: www.mondocatania.com]