Lazio: fame di vittorie e gol, una squadra votata all’attacco

Fame infinita, la chiama mister Petkovic. La fame infinita di vittorie e di gol. Petko-straordinario, i numeri fanno girare la testa: parlano di una Lazio che regala buon gioco e gol a raffica, una macchina da gol. Cinque reti nei play off di Europa League, sette in tre partite di campionato: parliamo di dodici reti in sette gare, quasi una doppietta ogni sfida. “Voglio una squadra votata all’attacco, dobbiamo combattere per vincere sempre”, questo il primio embrionale Petko-pensiero nell’albeggiare di Auronzo di Cadore, poi si è passati ai fatti, a una Lazio che come una macchina si muove combattiva e organizzata, di una Lazio votata all’attacco che segna a raffica.

È la storia di Petkovic a raccontare di un mister che fa della fase offensiva e del gol il suo punto di forza: Vlado, tra campionati ed impegni europei, finora ha affrontato 243 partite. Ha vinto 132 volte, ha pareggiato in 47 occasioni, è stato sconfitto 64 volte. Ha una percentuale di successo alta (54,32%) e una media punti di 1,82 a partita (conquista quasi 2 punti a gara), si legge nell’edizione odierna del Corriere dello Sport. Le squadre di Petkovic hanno centrato il bersaglio 454 volte nelle famose 243 gare prese in esame, in pratica segnano quasi due gol a partita (1,86 per la precisione), ma i gol subiti con un gioco così non mancano e sono 303 in tutto, non pochi. Ma in questo primo scorcio della sua avventura italiana, sono sempre i numeri a parlare chiaro, e parlano di una sola rete subita in coppa e una sola rete subita in campionato. 12 gol fatti, 2 subiti. I numeri parlano eccome.

È arrivato come uno sconosciuto, ma poi tanto sconosciuto non è Petko. Il suo cammino in Europa non è poi così ignoto, ma soprattutto privo di qualche nota positiva. Con lo Young Boys si qualificò ai sedicesimi di Europa League nel 2009-10, ci riuscì dopo essere stato eliminato dai preliminari di Champions per mano del Tottenham, il suo prossimo sfidante. Tra match della vecchia Coppa Uefa e sfide di Europa League, il tecnico ha totalizzato 9 vittorie su 16 incontri segnando 29 gol, subendone 24. Con la Lazio, la prima squadra probabilmente di reale valore che gli passa tra le mani, Vlado vorrebbe stupire e iniziare un cammino europeo che ricalchi successi e match d’alta tensione, come anni fa. Manca alla Lazio, manca ai suoi tifosi. Lui vuole regalare il sogno.

[Giorgia Baldinacci – Fonte: www.lalaziosiamonoi.it]