Mihajlovic spiega il nuovo Toro

357

TORINO – Il Torino, che questa sera si appresta ad incrociare l’Inter nella partita valida per il 10° turno del campionato di Serie A a SanSiro (diretta live a partire dalle ore 20.45 su Calciomagazine.net), è sicuramente da considerare tra le sorprese positive di questo inizio di stagione.

Molti attribuiscono i meriti dell’attuale posizione in classifica che fa ben sperare circa la lotta per la conquista della partecipazione alle coppe europee, all’opera del tecnico Sinisa Mihajlovic, un allenatore che anche caratterialmente è molto affine al “cuore granata” che contraddistingue la formazione torinista.

Sul sito Torinogranata.it sono apparse alcune dichiarazioni significative di Mihajlovic che il tecnico stesso ha chiesto di poter esporre prima di rispondere alle domande dei cronisti, e che riportiamo per esteso in quanto sintetizzano il progetto dell’allenatore: “Voglio spiegare il lavoro che stiamo facendo e quello che ci aspetta.

Il Torino di oggi è al 50% delle sue possibilità. Il tecnico Ventura ha fatto un ottimo lavoro in questi anni, ma quando si cambia a livello di tecnico e di modulo bisogna ripartire dalle fondamenta. Le mie formazioni hanno un atteggiamento intenso nella gara con pressing, carattere e principi di gioco. Noi stiamo ancora lavorando sui nostri fondamenti anche se le ultime prestazioni lasciano ben sperare. Poi bisognerà lavorare sugli altri particolari con attenzione alla gestione della partita.

Ci sono errori che in questo momento ti servono per crescere e migliorare. Non bisogna pensare che quello di oggi sia il Torino fatto e finito, ma siamo ancora in fase di crescita. Lavorando e applicandosi tutti insieme possiamo crescere ancora del 30%, e poi ci dovrà essere l’ulteriore salto di qualità dell’ultimo 20%. Siamo sulla strada giusta, ma ci vuole ancora tempo. Sono convinto che ce la possiamo fare. Non dobbiamo accontentarci, ma migliorarci giorno per giorno con umiltà”.